Pubblicità
Pubblicità
You are currently viewing Come creare una USB Ubuntu avviabile in Windows

Come creare una USB Ubuntu avviabile in Windows

Una transizione completa da Windows a Linux potrebbe non essere facile, ecco perché Ubuntu consente ai suoi utenti di testare prima il CD live (o USB) per vedere se gli piace, quindi installarlo sui loro sistemi. Questa guida ti mostra come creare una USB Ubuntu avviabile in Windows. Usando questo supporto, puoi avviare Ubuntu su qualsiasi computer, eseguire le tue attività e lasciare inalterato il sistema operativo principale.

Per seguire la guida, assicurati:

Pubblicità
  • Connessione Internet per scaricare gli strumenti necessari.
  • Un’unità flash USB – almeno 8 GB (consigliata).
  • Hai scaricato l’ultima versione dell’ISO di Ubuntu dal funzionario Pagina di download di Ubuntu.

Crea Ubuntu USB avviabile con Rufus

Il metodo più semplice per creare una USB Ubuntu avviabile è usare Rufus. La possibilità di impostare la persistenza nelle unità USB Ubuntu è ora supportata nelle versioni più recenti di Rufus.

  • Collega l’unità USB al computer Windows. Quindi, avvia Rufus e fai clic sul pulsante “Seleziona” per selezionare l’ISO di Ubuntu.
  • Imposta la dimensione per il tuo file di persistenza.
  • Configurare lo schema di partizione.
  • Fare clic su “Start” per eseguire il flashing dell’ISO.

Una volta completato il processo di flash, riavvia il PC nel tuo sistema Ubuntu.

Crea Ubuntu USB avviabile con UNetbootin

Un altro metodo per creare una USB Ubuntu avviabile in Windows è usare UNetbootin.

Pubblicità
  • Scarica lo strumento UNetbootin dalla sua pagina ufficiale.
  • Avviare lo strumento UNetbootin. Potresti aver notato che puoi selezionare l’opzione “Distribuzione”, scegliere la distribuzione che desideri installare e UNetbootin scaricherà il file ISO per te. Per questa guida, utilizzeremo l’opzione “Immagine disco” poiché abbiamo già scaricato l’ISO di Ubuntu.
  • Seleziona la sezione “tre punti” e vai alla posizione dell’ISO di Ubuntu scaricato.
  • Seleziona l’ISO di Ubuntu e caricalo in UNetbootin.
  • Prima di eseguire il flashing dell’ISO sull’USB, impostare la persistenza. Per fare ciò, regola l’opzione “Spazio utilizzato per conservare i file durante i riavvii”. Assegna lo spazio desiderato in MB.
Potrebbe interessarti:  Come visualizzare e cancellare la cronologia delle attività di Windows 10

NotaNota: se stai eseguendo il flashing di ISO Ubuntu precedenti, questo potrebbe non funzionare e potresti dover eseguire una configurazione manuale come mostrato nei passaggi seguenti.

  • Nel menu a discesa “Tipo” in basso, assicurati che sia selezionato “Unità USB”, seleziona la directory dell’unità dell’unità USB accanto ad essa, quindi fai clic su “OK” per avviare il processo. Dopo alcuni minuti, il processo sarà completo.
  • Ora hai una build Ubuntu avviabile e portatile.

Aggiungi la persistenza manualmente all’USB avviabile

In alcuni casi, UNetbootin potrebbe non riuscire ad aggiungere la persistenza. Per risolvere questo problema, puoi configurare manualmente questa opzione.

NotaNota: se stai usando l’immagine Ubuntu 20.04, il file di persistenza è stato rinominato in scrivibile. Tuttavia, per le immagini meno recenti, seleziona il file di persistenza come casper.

  • Selezionare la dimensione per allocare il file di persistenza e fare clic su “Crea”.
  • Una volta completato il processo, dovresti avere il file scrivibile o casper nella radice dell’unità per la persistenza.

Per puntare Ubuntu al file di persistenza, modifica il file “grub.cfg” in “/boot/grub/grub.cfg”.

Trova la voce:

Pubblicità

Modifica il file e aggiungi il modulo Casper. La voce sopra dovrebbe essere:

Infine, salva il file e riavvia il computer nella tua sessione Ubuntu. Durante l’avvio, seleziona la sezione “Ubuntu” per utilizzare il file di persistenza.

Condividi su:
Pubblicità