Pubblicità
Come trovare il tuo smartphone perso o rubato con Google

Come trovare il tuo smartphone perso o rubato con Google

Grazie ai servizi di Google si può localizzare la posizione di uno smartphone. Nel caso di un apparecchio smarrito facendolo squillare, ovunque esso sia, si può bloccare o resettare, cancellando tutti i dati memorizzati.

Al di là del valore economico, infatti , quello che spesso ci mette in ansia è la possibilità, specie se non è stato inserito nessun tipo di blocco, che i nostri dati finiscano in mani estranee. con conseguenze che possono andare dal furto di identità alla divulgazione di immagini o video privati.

Pubblicità

In questo articolo spiegheremo come fare per agire in remoto sul nostro smartphone anche se si trova lontano da noi: per conoscerne la posizione, attivare un allarme, bloccare e localizzare il dispositivo, cancellare le informazioni che contiene o scattare una foto della persona che lo sta utilizzando.

Informazioni preliminari

Per far ciò il telefono, sia esso Android o  iPhone, deve essere acceso, funzionante e connesso a Internet, tramite rete dati o Wi-Fi. Devono essere attivi i servizi di localizzazione.

Per fare questo su Android:

Pubblicità
  • richiamare la tendina delle notifiche, scorrendo verso il basso dal bordo superiore del display,
  • fare tap sull’icona Posizione, o GPS, o Localizzazione o Geolocalizzazione.

Su iPhone:

  • andare nel menu Impostazioni > Privacy > Localizzazione,
  • attivare l’interruttore accanto alla voce Servizi di localizzazione.

Nel caso in cui la geolocalizzazione non sia attiva, Google comunicherà l’ultima posizione nota del dispositivo.

Lo smartphone deve essere stato collegato ad un account Google, per un Android, non c’è nessun problema, in quanto questa procedura è stata già svolta alla sua prima accensione.

Per rintracciare un iPhone  questo deve essere stato associato a un account Google o Gmail, conoscendo le credenziali d’accesso dell’account.

Un device Android, per essere rintracciato, deve essere riconosciuto dai Google Play Services, una funzionalità abilitata automaticamente. Per essere sicuri che ciò sia funzionante:

Pubblicità
  • verificare collegandosi all’indirizzo play.google.com/settings/,
  • effettuare l’accesso con l’account Google connesso allo smartphone,
  • controllare che lo smartphone sia mostrato nell’elenco sotto la voce I miei dispositivi.

Un’ ultima parte da verificare, affinché la procedura di rintracciamento abbia successo, è quella che, sul nostro smartphone Android, deve essere stata attivata l’opzione Trova il mio dispositivo.

In questo modo:

  • aprire le impostazioni, icona dell’ingranaggio presente in Home Screen o nel drawer,
  • fare tap sulla voce Google,
  • premere sulla voce Sicurezza,
  • da Sicurezza cliccare la voce Trova il mio dispositivo,
  •  accertarsi che la levetta dell’interruttore posto in alto sia impostata su ON, altrimenti attiviamolo.

Come trovare telefono perso con Google: da un computer

Verificate tutte queste modalità, vediamo come rintracciare il nostro smartphone perso con un computer (o un altro dispositivo collegato a Internet).

Trova il mio dispositivo

Per trovare un device Android si può usare il servizio Trova il mio dispositivo, accessibile da qualsiasi browser tramite accesso con l’account Google associato al telefono da localizzare.

  • Recati a questa pagina ed effettuato l’accesso:
  • si visualizza l’icona simboleggiante lo smartphone, in alto a sinistra,
  • se il nostro account Google è associato a più di un telefono, si vedranno più icone,
  • tra esse, facendo clic su ognuna, si troverà quella di nostro interesse,
  • sotto il nome del telefono verrà mostrata l’ultima volta che è stata rilevata la sua posizione, il livello di carica della batteria ed il nome del router o il gestore della rete dati a cui è connesso.
  • cliccando sull’icona della freccia a forma di cerchio si possono aggiornare queste informazioni.
  • a destra verrà mostrata una posizione ancora non precisa del dispositivo su una mappa,
  • premendo più volte sull’icona +  in basso a destra si potrà ingrandire la mappa per restringere il più possibile il campo della ricerca,

Se siamo fortunati e vediamo che il nostro smartphone è nell’edificio in cui ci troviamo attualmente basterà farlo squillare per localizzarlo, sempre che sia nelle nostre viinannze.

Pubblicità

Per farlo:

  • cliccare sulla voce Riproduci audio, collocata a sinistra,
  • fare clic sul pulsante Interrompi suono una volta ritrovato il dispositivo.

Nel caso invece non fossimo riusciti a rintracciarlo, si può sempre scegliere di bloccarlo, mettendo in funzione una schermata nera che rende impossibile il suo utilizzo.

Vediamo come:

  • cliccare sulla voce Blocca il dispositivo,
  • si può lasciare un messaggio per chi ha trovato il telefono digitandolo nel campo sotto la voce Messaggio per il ripristino,
  • si può indicare un numero di telefono sul quale contattarci digitandolo nel campo sotto la voce Numero di telefono.

Per mettere in pratica altre protezioni della privacy, si può resettare il dispositivo, ma quest’operazione causerà la totale cancellazione dei dati memorizzati sul telefono.

Se abbiamo scelto di prendere questa decisione:

Pubblicità
  • premere sulla voce Resetta dispositivo per due volte di seguito,
  • una volta che la procedura è completa non sarà più possibile localizzare lo smartphone.

Ricerca Google

Anche in questo caso dobbiamo aver praticato tutte le operazioni viste nel capitolo delle informazioni preliminari, e poi procedere alla ricerca dello smartphone smarrito, tramite delle parole chiave da digitare nel motore di ricerca di Google.

  • Le frasi da utilizzare sono find my phone o trova il mio dispositivo e sono valide anche per gli iPhone.
  • Digitando le keyword che abbiamo visto nella barra di ricerca di Google, verrà mostrata una lista di risultati,
  • una mappa, visibile subito nell’anteprima dei risultati di ricerca, in cui viene visualizzata la posizione del telefono associato all’account Google,
  • se l’ account è associato a più di un telefono, fare clic sull’icona della freccia rivolta verso il basso accanto al nome del primo dispositivo che viene mostrato sotto la mappa,
  • selezionare lo smartphone che si sta cercando dal menu che si apre,
  • premere sulla voce Squilla, sotto la mappa,
  • verrà emesso un segnale acustico della durata di 5 minuti,
  • cliccando sulla voce Recupera si aprirà una lista di tutti i dispositivi collegati all’account Google che sti sta utilizzando.

Facendo clic sul nome del telefono in questo elenco:

  • torneremo alla stessa pagina con la mappa e le opzioni di ricerca già viste nel capitolo precedente, quindi con la possibilità di bloccare e resettare il dispositivo premendo sulle apposite voci poste a sinistra.

Nel caso non avessimo effettuato il login con un account Google:

  • digitare lo stesso la frase chiave trova il mio dispositivo su Google,
  • premere sul primo risultato della ricerca – Trova il tuo telefono — your Google Account,
  • fare clic sul pulsante Accedi per iniziare,
  • inserire le credenziali dell’account Google a cui è associato lo smartphone smarrito,
  • verrà mostrato l’elenco di tutti i dispositivi collegati al nostro profilo (iPhone inclusi),
  • cliccare sul nome da ricercare,
  • saremo automaticamente reindirizzati alla mappa di localizzazione.

Se digitiamo su Google la frase chiave find my phone, cliccando sul primo risultato della ricerca (la voce Find My Device — Google):

  • dovremo inserire di nuovo le credenziali dell’account Google collegato al dispositivo smarrito,
  • ci troveremo stessa pagina presa in esame nel capitolo precedente.

Come trovare telefono perso con Google: smartphone e tablet

Queste stesse funzionalità sono valide anche per smartphone o tablet, ma con un dispositivo Android si può utilizzare un’app scaricabile dal Play Store. Si tratta di un’applicazione gratuita chiamata Trova il mio dispositivo.

Pubblicità

Questa permette di localizzare, bloccare o resettare il telefono smarrito, sempre soddisfacendo le condizioni viste preliminarmente.

Trova il mio dispositivo

Per scaricare l’app:

  • Scarica l’app Trova il mio telefono dal Play Store.
  • dopo aver scaricato e avviato l’app, cliccando sull’icona dello smartphone verde su sfondo bianco,
  • procedere inserendo le credenziali del nostro account Google o,
  • fare tap sul pulsante Accedi come ospite, inserendo i dati di accesso dell’account Google associato al dispositivo che si sta cercando.

Nella pagina principale dell’applicazione, in alto:

  • verrà mostrata l’icona simboleggiante il nostro  smartphone,
  • facendo clic su di essa si visualizzerà la sua posizione,
  • per restringere l’area di ubicazione tenere premute due dita sulla mappa stessa e poi allargarle,
  • per aggiornare le informazioni sul telefono occorre premere sull’icona della freccia a forma di cerchio a destra.

L’applicazione mette a disposizione le stesse identiche funzioni della pagina Web già vista, cambia solo un dettaglio: la voce Blocca il dispositivo è sostituita dalla voce Proteggi il dispositivo.

Assistente Google

Vediamo ora come fare per cercare un telefono smarrito, con un dispositivo Android, un iPhone o un iPad, usando una funzione integrata nell’assistente Google.

Pubblicità

Sempre considerando tutte le condizioni preliminari di cui si è già parlato e cioè che il telefono:

  • sia acceso,
  •  connesso a Internet,
  • rilevabile tramite GPS,
  • che Google Play Services, sia collegato a un account Google e abbia l’opzione “Trova il mio dispositivo” attiva.

Nel caso in cui, nel nostro dispositivo Android, fosse attiva l’opzione Benessere: l’assistente Google potrebbe essere limitato dalle funzioni Tempo di riposo e i filtri Non disturbare.

Per svolgere questa procedura si dovrà anche avere a disposizione:

  • l’app Google Home su Android o su iOS/iPadOS  con le notifiche attivate,
  • la funzione Voice Match configurata e un altoparlante o un display collegato all’app in questione

Per attivare le notifiche sull’app Google Home:

  • avviare l’app,
  • cliccare sull’icona della casa colorata su sfondo bianco dalla schermata home, dal menu delle app o dalla Libreria app,
  • fare tap sull’icona dell’ingranaggio nella pagina iniziale,
  • premere sulla voce Notifiche.

Con un dispositivo Android:

Pubblicità
  • scegliere la voce Notifiche generali,
  • accertarsi che gli interruttori accanto a tutte le voci della pagina siano attivi, altrimenti attivarli.

Con un iPhone:

toccare la voce Attiva notifiche,

  • premere su Vai alle impostazioni,
  • torneremo alle impostazioni di iOS,
  • premere sulla voce Notifiche,
  • attivare l’interruttore del pulsante Consenti notifiche, facendo tap su di esso. Se l’opzione non fosse presente è perchè le notifiche sono già attive.

Una volta attivate le notifiche e configurato Voice Match:

  • toccare l’icona del microfono colorato in basso, nella schermata principale dell’app Google Home,
  • pronunciare le frasi “Hey Google, trova il mio telefono”, “fai squillare il mio telefono” o, ancora, “Trova il mio iPhone”.

Su un iPhone, il dispositivo non squillerà se è impostata la modalità silenziosa o la funzione Non disturbare, a meno che non siano state attivate le notifiche per gli avvisi importanti. Nel caso di un telefono Android il segnale acustico verrà emesso in ogni caso.

david rossi

Salve mi chiamo David Rossi esperto e appassionato informatico. Mi piace tenermi sempre informato sulle ultime novità tecnologiche e per questo ho creato il sito www.soluzionecomputer.it.

Pubblicità
Condividi su:
Pubblicità
Pubblicità