Pubblicità
You are currently viewing Come sapere se il tuo SSD sta per rompersi

Come sapere se il tuo SSD sta per rompersi

Preoccupato che il tuo SSD non funzioni correttamente, si guasterà e porterà con sé tutti i tuoi dati? Cerca questi segnali di avvertimento.

Le unità a stato solido (SSD) sono più veloci, più stabili e consumano meno energia rispetto alle tradizionali unità disco rigido (HDD). Ma gli SSD non sono impeccabili e possono guastarsi prima della loro durata prevista di sette-dieci anni.

Pubblicità

È meglio essere preparati per un eventuale fallimento. Se sai come capire se un SSD non funziona e come proteggerti, non sarai vittima dei problemi SSD.

Come si guastano gli SSD

A differenza degli HDD, non ci sono piatti mobili fisici negli SSD, quindi è immune dai vecchi problemi del disco rigido. Tuttavia, mentre il componente di archiviazione stesso non è soggetto a guasti meccanici, altri componenti lo sono.

Gli SSD richiedono un condensatore e alimentatori, che sono vulnerabili a malfunzionamenti, specialmente in caso di sbalzi di tensione o interruzioni di corrente. In effetti, in caso di interruzione dell’alimentazione, è noto che gli SSD danneggiano anche i dati esistenti, anche se l’unità stessa non si è guastata completamente.

Pubblicità

L’altro possibile problema con gli SSD è che hanno cicli di lettura/scrittura limitati, un problema che esiste con tutti i tipi di memoria flash.

Detto questo, gli SSD dovrebbero durare in media molti anni, probabilmente molto più a lungo di quanto ne avrai bisogno, quindi non dovresti preoccuparti o essere paranoico. In effetti, se hai acquistato un SSD negli ultimi due anni, la ricerca ha dimostrato che i nuovi SSD sono meno soggetti a questi problemi di lettura/scrittura rispetto a quelli vecchi.

In ogni caso, il ciclo di lettura/scrittura influirà sulla possibilità di scrivere sul tuo SSD. Poiché sarai ancora in grado di leggere i tuoi dati, è possibile recuperarli tutti. Tuttavia, vorrai comunque sapere quando si avvicina alla fine della sua vita in modo da poterlo aggiornare.

Potrebbe interessarti:  Come eliminare una rete Wi-Fi su Mac

Come controllare lo stato di salute di un SSD

Il ronzio o il ticchettio incessante di un HDD è un modo semplice per sapere se sta fallendo. Tuttavia, a differenza degli HDD, gli SSD non emetteranno alcun rumore per dirti che qualcosa sta andando storto.

Il modo più semplice e affidabile per scoprire se il tuo disco funziona correttamente è installare un software che lo controlli e lo monitori silenziosamente per individuare eventuali difetti. Gli utenti Windows potrebbero voler provare CrystalDiskMark , gli utenti macOS possono dare un’occhiata a Smart Reporter Lite , mentre Hard Disk Sentinel è buono per Linux.

Pubblicità

A parte questo, ecco alcuni segnali a cui prestare attenzione, i sintomi di una cattiva guida e cosa puoi fare al riguardo.

Errori che coinvolgono blocchi danneggiati

Proprio come i settori danneggiati sugli HDD, ci sono blocchi danneggiati sugli SSD. Questo è in genere uno scenario in cui il computer tenta di leggere o salvare un file, ma richiede un tempo insolitamente lungo e termina con un errore, quindi il sistema alla fine si arrende con un messaggio di errore.

I sintomi comuni dei blocchi danneggiati sono:

  • Non è possibile leggere o scrivere un file sul disco rigido.
  • Il tuo PC/file system deve essere riparato.
  • Le applicazioni attive spesso si bloccano e si bloccano.
  • Errori frequenti durante lo spostamento dei file.
  • Generalmente in esecuzione lenta, soprattutto durante l’accesso a file di grandi dimensioni.

Nel caso in cui riscontri uno di questi sintomi, l’idea migliore è eseguire il software di monitoraggio dell’unità e verificare se ci sono problemi fisici con l’unità. Se ci sono, esegui subito il backup dei tuoi file e inizia a comprare un SSD sostitutivo.

I file non possono essere letti o scritti

Ci sono due modi in cui un blocco danneggiato può influenzare i tuoi file:

Pubblicità
  • Il sistema rileva il blocco danneggiato durante la scrittura dei dati sull’unità e quindi si rifiuta di scrivere i dati.
  • Il sistema rileva il blocco danneggiato dopo che i dati sono stati scritti e quindi si rifiuta di leggere tali dati.

Nel primo scenario, i tuoi dati non sono mai stati scritti, quindi non sono danneggiati. Di solito, il sistema lo risolverà automaticamente. In caso contrario, puoi probabilmente risolvere il problema tentando di salvare il file in una posizione diversa o copiandolo nel cloud, riavviando il computer e quindi salvandolo nuovamente sull’unità.

Nel secondo scenario, purtroppo, i tuoi dati non possono essere facilmente recuperati. Puoi provare alcuni metodi per recuperare i dati da un SSD guasto, ma non sperare in nulla. I blocchi danneggiati di solito significano che qualsiasi dato contenuto in quei blocchi viene perso per sempre

Il file system deve essere riparato

Hai mai visto un messaggio di errore come questo apparire sullo schermo, su Windows o macOS? A volte ciò può accadere semplicemente perché il computer non viene spento correttamente. Tuttavia, altre volte, può essere un segno che il tuo SSD sviluppa blocchi danneggiati o un problema nella porta del connettore.

Potrebbe interessarti:  Come rimuovere icona Chat dalla barra delle applicazioni di Windows 11

Per fortuna, la risoluzione è facile. Windows, macOS e Linux sono dotati di strumenti di riparazione integrati per un file system corrotto. In caso di tale errore, ciascun sistema operativo ti chiederà di eseguire il rispettivo strumento, quindi segui i passaggi e ripara il file system.

C’è la possibilità di perdere alcuni dati in questo processo e recuperarli potrebbe essere difficile.

Pubblicità

Frequenti arresti anomali durante l’avvio

Se il tuo PC si blocca durante il processo di avvio ma funziona correttamente dopo aver premuto il pulsante di ripristino un paio di volte, è probabile che la colpa sia dell’unità. Potrebbe essere un blocco danneggiato o il segno di un’unità morente, quindi è meglio eseguire il backup dei dati prima di perderli.

Per verificare se si tratta dell’unità, scarica ed esegui uno degli strumenti di diagnostica sopra menzionati. Se hai eseguito il backup dei dati, puoi anche provare a formattare l’unità e reinstallare il sistema operativo.

Il tuo disco diventa di sola lettura

Non è così comune, ma alcuni utenti lo hanno sperimentato. Il tuo SSD potrebbe rifiutarti di eseguire qualsiasi operazione che richieda la scrittura di dati su disco. Tuttavia, può ancora funzionare in modalità di sola lettura. A tutti gli effetti, l’unità sembra morta, ma sorpresa, i tuoi dati possono ancora essere recuperati!

Prima di buttare via un SSD che ritieni abbia fallito, prova a collegarlo come disco rigido esterno o disco rigido secondario a un altro computer. Assicurati di non avviare il sistema operativo dall’SSD; è necessario utilizzare l’unità principale del computer per questo.

Nel caso in cui l’SSD funzioni ancora in modalità di sola lettura, puoi recuperare tutti i tuoi file prima di cancellare in modo sicuro l’SSD .

Pubblicità
Potrebbe interessarti:  Come ripristinare le impostazioni di rete su un Mac

Come prolungare la vita dei tuoi SSD

Se il tuo SSD è sull’orlo del guasto, o se ne possiedi uno da oltre cinque anni, la cosa più sicura da fare sarebbe iniziare a comprare un sostituto. Nel frattempo, puoi fare alcune cose per prolungarne la durata fino a quando non ottieni una sostituzione:

  1. Evitare che temperature estreme influiscano sull’unità. Assicurati un buon raffreddamento del tuo PC.
  2. Evitare interruzioni di corrente ed eventuali fluttuazioni elettriche.
  3. Libera spazio extra sul tuo SSD in modo che possa spostare i dati dai blocchi danneggiati.

Se stai cercando un SSD sostitutivo, assicurati di prendere in considerazione un SSD M.2. Offrono un throughput dei dati più veloce rispetto a mSATA standard e dovrebbero essere la tua scelta predefinita quando acquisti un nuovo SSD, se il budget lo consente.

david rossi

Salve mi chiamo David Rossi esperto e appassionato informatico. Mi piace tenermi sempre informato sulle ultime novità tecnologiche e per questo ho creato il sito www.soluzionecomputer.it.

Condividi su:
Pubblicità