Pubblicità
Pubblicità
You are currently viewing Migliori strumenti di rimozione e decrittazione ransomware

Migliori strumenti di rimozione e decrittazione ransomware

Colpito da un ransomware e non vuoi pagare il riscatto? Hai delle opzioni. Ecco alcuni dei migliori strumenti di decrittografia che dovresti prendere in considerazione.

L’incidenza di ransomware è in aumento e molte aziende mirate hanno perso milioni di dollari a causa dei criminali informatici in questo modo.

Pubblicità

L’anonimato fornito dalle reti crittografiche è in parte responsabile del flagello. La maggior parte dei gruppi di ransomware attualmente preferisce che i pagamenti vengano effettuati in token incentrati sulla privacy, una strategia che complica il processo di rintracciamento degli autori.

Quindi, come puoi proteggerti dai ransomware? Ci sono strumenti di rimozione che puoi usare?

Strumenti di rimozione e decrittazione ransomware

Ecco alcuni dei migliori strumenti di rimozione e decrittazione ransomware che puoi utilizzare. Ma in caso di dubbio, chiama un professionista.

Pubblicità

Kaspersky

Kaspersky ha circa una dozzina di strumenti di rimozione ransomware autonomi progettati per correggere infezioni specifiche. Pertanto, è imperativo identificare prima l’infezione ransomware prima di selezionare lo strumento ideale.

La selezione include Shade Decryptor, che affronta gli attacchi ransomware Shade, e Rakhni Decryptor, efficace contro Rakhni, Agent.iih, Autoit, Aura, Pletor, Rotor, Cryptokluchen, Lamer, Democry, Lortok, Chimera e infezioni correlate.

Quickheal

Quickheal ha uno strumento di decrittazione ransomware, che a differenza di Kaspersky, è un software olistico che rileva e decrittografa un’ampia gamma di infezioni ransomware.

L’applicazione esegue automaticamente la scansione del computer alla ricerca di file crittografati supportati e quindi li decrittografa. Dopo una scansione, ogni file crittografato viene sostituito con una versione decrittografata. I documenti inizialmente crittografati vengono conservati in una cartella separata. I dettagli dei file decrittografati sono disponibili in Decryption.log.

Potrebbe interessarti:  Come eseguire CHKDSK in Windows 10

L’azienda dispone anche di una funzione Disco di emergenza che può essere utilizzata per avviare un computer che non è in grado di avviarsi correttamente a seguito di un attacco ransomware. Il software dovrebbe essere installato su un’unità flash e utilizzato all’avvio per consentire la scansione prima dell’attivazione del sistema operativo.

Pubblicità

Quickheal ha anche un meccanismo di protezione dell’esecuzione automatica che mitiga le infezioni da ransomware. Raggiunge questo impedendo l’esecuzione automatica del malware quando viene introdotto tramite un disco rimovibile.

AVG

L’antivirus AVG ha un elenco di strumenti di rimozione ransomware sui generis che sono personalizzati per rimuovere virus specifici. L’elenco include gli strumenti ransomware Apocalypse, Bart, BadBlock, Legion e TeslaCrypt. I loro nomi corrispondono alle rispettive infezioni ransomware che sono state sviluppate per contrastare.

Oltre a ciò, AVG dispone anche di una funzione di protezione ransomware integrata disponibile nell’ultima versione di AVG Internet Security . Protegge i file personali dagli attacchi ransomware bloccando la modifica, l’eliminazione e la crittografia dei file. Viene inoltre fornito con un’opzione di personalizzazione che consente agli utenti di specificare le applicazioni che possono modificare determinati file.

Emsisoft

Emsisoft dispone di una serie di strumenti per la rimozione di ransomware in grado di rilevare infezioni e decrittografare i file. L’opzione principale dell’azienda consente alle vittime di caricare file infetti sul sito per l’identificazione e la risoluzione delle infezioni.

L’azienda dispone anche di dozzine di strumenti dedicati utilizzati per decrittografare i file. Includono Emsisoft Decryptor per Ims00rry, Emsisoft Decryptor per JSWorm 2.0 e Emsisoft Decryptor per CheckMail7.

Pubblicità

Windows Defender

Windows 10 è dotato di uno strumento di protezione ransomware integrato che consente agli utenti di specificare i file che richiedono una protezione avanzata dagli attacchi ransomware.

Potrebbe interessarti:  Pulsante sinistro del mouse che non funziona su Windows

La funzione si trova in Windows Defender nel sottoinsieme Protezione da virus e minacce. È possibile accedervi digitando “Protezione ransomware” nella barra di ricerca di Cortana e quindi abilitando l’accesso controllato alle cartelle. È possibile aggiungere file e cartelle specifici all’elenco Accesso controllato alle cartelle.

david rossi

Salve mi chiamo David Rossi esperto e appassionato informatico. Mi piace tenermi sempre informato sulle ultime novità tecnologiche e per questo ho creato il sito www.soluzionecomputer.it.

Condividi su:
Pubblicità