Come tradurre l’audio con Google Traduttore

Come tradurre l’audio con Google Traduttore

Puoi tradurre file audio o conversazioni dal vivo su un iPhone, un dispositivo Android o su Internet utilizzando Google Traduttore.

Google Traduttore è uno degli strumenti di traduzione più utilizzati su Internet. Funziona con dozzine di lingue, più della maggior parte dei suoi concorrenti, e con una precisione impressionante.

Sfortunatamente, quando le persone pensano a Google Traduttore, lo pensano principalmente come uno strumento di solo testo. Ma può fare molto di più. Puoi usarlo per tradurre file audio o discorsi dal vivo da una lingua all’altra a una velocità impressionante. Se non l’hai mai provato prima, ecco come procedere.

Usa Google Traduttore per tradurre l’audio sul cellulare

Una delle cose migliori di Google Translate è che puoi accedervi su tutte le principali piattaforme informatiche. A differenza di alcune alternative di Google Translate , sia che tu stia utilizzando un desktop, un tablet o un dispositivo mobile, indipendentemente dal marchio o dal sistema operativo, purché tu possa utilizzare un browser su di esso, dovresti essere in grado di accedere al servizio.

Se hai intenzione di usarlo per tradurre un file audio, usare il tuo dispositivo mobile è un’ottima opzione. Sebbene sia possibile accedere al servizio su un browser Web mobile, l’app è più adatta per il lavoro. Per iniziare, vai su Google Play Store o sull’App Store di Apple e scarica la versione Android o iOS dell’app.

Quindi, diciamo, vuoi interpretare un file audio in italiano dallo spagnolo sull’app, dovrai:

  • Avvia l’app Google Traduttore.
  • Troverai due lingue nella parte inferiore dello schermo. Uno a sinistra (italiano) e l’altro a destra (spagnolo). Se la tua lingua di destinazione non è l’opzione predefinita, tocca la lingua a sinistra e scegli quella da cui vuoi tradurre. Quindi, tocca la lingua sulla destra e seleziona la lingua in cui vuoi tradurre.
  • Tocca il pulsante del microfono nella parte inferiore dello schermo.
  • Utilizzare un altro telefono o qualsiasi lettore multimediale per riprodurre il file audio sorgente o iniziare a parlare dopo il suono.
  • Dopo aver parlato o riprodotto il file audio, verrà visualizzata una schermata che mostra l’interpretazione e la trascrizione del file audio o della registrazione vocale in entrambe le lingue.
  • Tocca la piccola icona dell’altoparlante sopra il testo interpretato per ascoltare la tua registrazione vocale nella nuova lingua.

Per ottenere il miglior risultato, tieni il telefono il più vicino possibile alla sorgente del file audio in riproduzione. Inoltre, prova a rallentare il file audio per ottenere risultati più accurati. Una buona app per rallentare il tempo di un file audio sullo smartphone è Music Speed ​​Changer per iOS e Android .

Traduci l’audio senza pause

Mentre i passaggi precedenti ti aiuteranno a lavorare con brevi raffiche di conversazioni audio, l’app ti interromperà in modo intermittente per fornire un’interpretazione del tuo discorso o file audio una volta che nota una breve pausa negli input audio.

Di conseguenza, qualsiasi breve pausa può innescare interruzioni non necessarie anche quando stai tentando di interpretare un lungo discorso o un audio preregistrato. Questo potrebbe essere particolarmente fastidioso.

Per risolvere questo problema:

  • Ogni volta che lavori su discorsi lunghi o conversazioni audio preregistrate, dopo aver toccato il pulsante del microfono nella parte inferiore della schermata dell’app Google Traduttore, tocca il pulsante Trascrivi appena sopra di esso.
  • Questo dovrebbe attivare la modalità di trascrizione di Google Translate . Quando sei in modalità di trascrizione, sarai in grado di fare lunghe pause senza interruzioni. Potrai anche salvare il testo trascritto per riferimenti futuri. Basta toccare l’icona a forma di stella nell’angolo in alto a destra della schermata dei risultati della trascrizione per salvare.
Come passare da Libero Mail a Gmail

Come passare da Libero Mail a Gmail

Se vuoi sbarazzarti della tua email Libero e usare invece Gmail puoi farlo. Grazie a questi passaggi potrai ricevere la tua posta di libero mail su Gmail e avvertire i tuoi contatti che stai usando invece Gmail da adesso in poi.

Ecco come ricevere la posta di Libero Mail su Gmail

  • Avviate un browser dal computer e andate all’indirizzo di Gmail
  • Accedete con le vostre credenziali o create un account, in caso non ne abbiate uno
  • In alto a destra, cliccate sull’icona a forma di ingranaggio
  • Nella finestra che appare, cliccate su Visualizza tutte le impostazioni
  • Ora si apriranno le impostazioni vere e proprie, una finestra piuttosto densa di informazioni e in cui è facile perdersi, ma niente paura
  • In alto, sotto la scritta Impostazioni, vedete una serie di scritte. Cliccate su Account e importazione
  • Di fianco a Controlla la posta da altri account, cliccate su Aggiungi un account email
  • Si aprirà una finestra con sfondo giallo. Inserite il vostro indirizzo email di Libero e cliccate su Avanti
  • Nella finestra successiva, selezionate la voce Importa le email dal mio altro account (POP3)
  • Cliccate su Avanti
  • Ora dovete immettere il nome utente (il vostro indirizzo email di Libero) e la password
  • Alla voce Server POP, inserite popmail.libero.it
  • Di fianco a Porta, cliccate sul menu a tendina e selezionate 995
  • Queste selezioni comportano che tutti i messaggi su Libero verranno trasferiti su Gmail. Se volete lasciare una copia del messaggi sul server, dovete selezionare imapmail.libero.it e la Porta 993, oltre a mettere la spunta di fianco a Lascia una copia del messaggio scaricato sul server
  • Mettete la spunta di fianco a Utilizza sempre una connessione protetta (SSL) quando viene scaricata la posta
  • Un consiglio è anche quello di mettere la spunta di fianco a Applica etichetta ai messaggi in arrivo, in modo da poter riconoscere subito quelli in arrivo dalla email di Libero
  • Cliccate su Aggiungi account
  • Successivamente c’è un punto importante, in quanto Gmail vi chiede se volete inviare i messaggi come se fosse l’indirizzo di Libero. Se non volete continuare a usare l’indirizzo di Libero perché volete liberarvene, cliccate su No.
  • Cliccate su Avanti
  • Cliccate su Fine 

Fatto da ora in avanti riceverai le email di Libero Mail su Gmail. Non dovrai più preoccuparti di fare più nulla. Ora sempre e comunque tutte le email di Libero verranno trasferite al tuo indirizzo Gmail. Potrai trovarle anche sulla tua app Gmail sul tuo smartphone o tablet senza dover più configurare nulla.

Come trasferire i contatti da Libero Mail a Gmail

Ecco come importarla in Gmail.

  • Accedete all’email di Libero
  • Cliccate su Rubrica (accanto al logo di Libero)
  • Cliccate sull’icona con tre righe orizzontali a destra del nome della rubrica
  • Alla voce Importa o esporta selezionare Esporta
  • Selezionare CSV e selezionate Includi le liste di distribuzione
  • Cliccate su Esporta
  • Sul computer verrà scaricato un file .csv
  • Ora andate su Gmail
  • In alto a destra, cliccate sull’icona a forma di quadrato composta da nove puntini
  • Scorrete in basso e cliccate su Contatti
  • Si aprirà una nuova pagina. Dal pannello di sinistra, cliccate su Importa
  • Cliccate su Seleziona File
  • Selezionate il file .csv appena scaricato, che dovrebbe chiamarsi Contatti
  • Cliccate su Importa
  • Ora tutti i contatti nella rubrica di Libero sono passati a quella di Gmail
Come diventare un editor di Wikipedia

Come diventare un editor di Wikipedia

Wikipedia è aperta agli aggiornamenti di tutti, ma sapevi che puoi diventare un editore? Ecco come diventare un editor di Wikipedia.

Dalla sua prima modifica nel gennaio 2001, Wikipedia è diventata il più grande sito web di riferimento al mondo e attrae miliardi di visitatori ogni mese. E chiunque può modificare un articolo.

È possibile contribuire a Wikipedia creando e modificando articoli di tutti i tipi assicurandosi che il contenuto sia aggiornato e provenga da fonti convalidate per supportare la modifica. Sebbene tu possa modificare qualsiasi articolo che non sia protetto, devi comunque seguire le linee guida.

Qui spiegheremo come puoi diventare un editor di Wikipedia e quali sono i vantaggi rispetto alla modifica senza un account.

Chi può modificare Wikipedia?

Chiunque può diventare un editor per Wikipedia e non è necessario registrarsi o accedere. Tuttavia, la modifica con un account non registrato comporterà il monitoraggio dell’indirizzo IP che ha effettuato la modifica e la visualizzazione nella cronologia delle modifiche.

Ma Wikipedia non è l’unico tipo di sito web wiki disponibile. Ci sono altri siti wiki che puoi esplorare. Come Wikipedia, la creazione di un account è gratuita.

Sebbene tu possa modificare in modo anonimo, non passerà inosservato a Wikipedia. La modifica passerà attraverso l’impronta digitale del dispositivo, che può identificare gli utenti non registrati tramite il loro indirizzo IP, i plug-in del browser installati e il fuso orario.

Con gli articoli che hanno maggiori probabilità di essere vandalizzati da utenti non registrati, è meglio essere registrati. La registrazione protegge il tuo indirizzo IP e impedisce che le tue modifiche vengano bloccate da Wikipedia.

Come puoi diventare un editor di Wikipedia

Il processo di registrazione per diventare un utente registrato di Wikipedia è gratuito e semplice.

Innanzitutto, accedi a Wikipedia e fai clic su Registrati in alto a destra per essere reindirizzato alla pagina di registrazione. Compila il modulo creando un nome utente e una password e inserendo il tuo indirizzo email. Scegli un nome utente appropriato, poiché sarà pubblico e non potrà essere modificato.

Dopo aver compilato il modulo, completato il controllo di sicurezza CAPTCHA e verificato il tuo account nella tua e-mail, ora sei un utente registrato. Dovresti essere in grado di modificare gli articoli dopo aver effettuato l’accesso facendo clic su Modifica fonte a meno che la pagina non sia protetta.

Come utente registrato, puoi creare una pagina utente per far sapere qualcosa su di te a coloro che visualizzano la tua pagina. Puoi utilizzare la sandbox per esercitarti con l’editing e il manuale di stile di Wikipedia . Puoi anche utilizzare la pagina di discussione di un articolo per comunicare con altri editori.

Quali sono i vantaggi di diventare un editor di Wikipedia?

Come accennato in precedenza, essere registrati su Wikipedia proteggerà il tuo indirizzo IP e ti garantirà funzionalità tramite livelli di accesso utente che non puoi utilizzare se non sei registrato. Ad esempio, gli account di quattro giorni con dieci modifiche possono modificare pagine semi-protette.

Inoltre, puoi creare nuovi articoli, rinominare pagine esistenti e caricare immagini. Inoltre, gli account che durano 30 giorni con almeno 500 modifiche possono modificare pagine protette estese. Non saresti in grado di farlo senza un account.

Altri vantaggi includono la possibilità di tenere un registro di tutti i contributi che hai fatto su Wikipedia, dal più recente al più vecchio. Quando apporti modifiche a un articolo, puoi tenere traccia della pagina tramite la tua watchlist per tutto il tempo che desideri e ricevere una notifica quando altri utenti apportano modifiche.

Acrobat reader: come scaricare e utilizzare

Acrobat reader: come scaricare e utilizzare

Acrobat Reader è un programma sviluppato da Adobe Systems che permette agli utenti di visualizzare, navigare e stampare documenti in formato PDF (Portable Document Format). È disponibile per Windows, Mac e dispositivi mobili e può essere scaricato gratuitamente dal sito web di Adobe.

Con Acrobat Reader, gli utenti possono aprire qualsiasi documento PDF, indipendentemente dalla fonte o dalle impostazioni di creazione. Il programma include strumenti per la navigazione, come la barra degli strumenti, la barra di stato e la barra dei menu, che consentono agli utenti di spostarsi facilmente tra le pagine del documento. Inoltre, offre la possibilità di ingrandire o rimpicciolire le pagine, di cercare parole chiave all’interno del documento, di aggiungere commenti e di creare note a margine.

Acrobat Reader include anche la funzione di stampa, che consente di stampare i documenti PDF su qualsiasi stampante compatibile. Inoltre, il programma include funzioni di sicurezza avanzate, tra cui la possibilità di applicare password e restrizioni di accesso ai documenti per evitare la modifica non autorizzata o la copia.

In sintesi Acrobat Reader è un software gratuito e essenziale per visualizzare e interagire con i documenti in formato PDF, disponibile per diverse piattaforme e con funzioni avanzate di navigazione, stampa e sicurezza.

Come scaricare Acrobat Reader

Per scaricare Acrobat Reader sul tuo computer, segui questi semplici passaggi:

  • Vai al sito web di Adobe: https://get.adobe.com/it/reader/
  • Clicca sul pulsante “Scarica ora” per iniziare il download del programma.
  • Apri il file scaricato e segui le istruzioni per installare Acrobat Reader sul tuo computer.
  • Una volta completata l’installazione, puoi avviare il programma e iniziare a visualizzare, navigare e stampare i documenti in formato PDF.

Tenere conto che Acrobat Reader è disponibile per Windows, Mac e dispositivi mobili, quindi se si vuole installare su un dispositivo mobile, bisogna andare sull’app store corrispondente (Play Store per Android, App Store per IOS) e cercare Acrobat Reader, dopodiché procedere con il download e l’installazione.

Come funziona Acrobat Reader

Una volta che hai installato Acrobat Reader sul tuo computer, puoi iniziare a utilizzarlo per visualizzare, navigare e stampare i documenti in formato PDF. Ecco alcune funzioni principali del programma:

  • Apertura di un documento PDF: per aprire un documento PDF, fai clic su “File” nella barra dei menu e seleziona “Apri”. Scegli il documento che desideri aprire dalla finestra di dialogo e fai clic su “Apri”.
  • Navigazione tra le pagine: puoi utilizzare la barra degli strumenti in alto per navigare tra le pagine del documento. Puoi anche utilizzare i tasti freccia sulla tastiera per spostarti tra le pagine.
  • Ingrandimento e rimpicciolimento: puoi utilizzare la barra degli strumenti per ingrandire o rimpicciolire le pagine. In alternativa, puoi utilizzare i tasti “Ctrl” + “+” per ingrandire e “Ctrl” + “-” per rimpicciolire.
  • Ricerca: puoi utilizzare la barra degli strumenti per cercare parole chiave all’interno del documento. Fai clic su “Modifica” nella barra dei menu e seleziona “Trova” per aprire la finestra di ricerca. Inserisci la parola chiave che desideri cercare e fai clic su “Trova successivo” per trovare tutte le occorrenze del termine nel documento.
  • Stampa: per stampare il documento, fai clic su “File” nella barra dei menu e seleziona “Stampa”. Scegli la stampante e le impostazioni di stampa desiderate e fai clic su “OK” per iniziare la stampa.
  • Commenti e note: puoi aggiungere commenti e note a margine al documento utilizzando gli strumenti nella barra degli strumenti.

Questi sono solo alcuni esempi delle funzioni offerte da Acrobat Reader, per maggiori informazioni si può consultare la guida utente o il sito web di Adobe per scoprire tutte le funzioni disponibili.

I migliori microfoni per podcast: guida all’acquisto

I migliori microfoni per podcast: guida all’acquisto

Dalla commedia al cibo, dalle notizie di tendenza alle storie dell’orrore; c’è praticamente un podcast per tutto. Se stai pensando di iniziare il tuo podcast, avrai bisogno di un microfono per podcast decente in modo che la tua voce possa essere ascoltata forte e chiara.

Che tu stia facendo podcast con un amico o da solo, c’è una gamma di microfoni per podcast che soddisferanno le tue esigenze.

Ecco i migliori microfoni per podcast disponibili ora.

Shure SM7B

Una delle caratteristiche distintive dello Shure SM7B è la sua qualità costruttiva. Questo resistente microfono per podcasting vanta un design e una costruzione incredibili, oltre a numerose funzionalità che possono essere utilizzate per scopi diversi.

Verso la parte posteriore del microfono troverai due dip switch. Questi ti consentono di modificare la risposta in frequenza del microfono, consolidando l’idea che puoi utilizzare lo Shure SM7B per qualcosa di più del semplice podcasting.

Grazie al diagramma polare cardioide di Shure SM7B, sarai in grado di registrare e riprodurre in streaming il suono che desideri. I ronzii elettromagnetici del case del PC, ad esempio, vengono eliminati, producendo un suono chiaro indispensabile per le registrazioni dei podcast.

Rode Procaster

Il Rode Procaster vanta un filtro passa-alto commutabile e un diagramma polare cardioide per il rifiuto del rumore indesiderato. Se non stai usando questo microfono per la voce, la mancanza di condensatore non ha molta importanza, offrendo un audio chiaro.

Grazie al suo peso elevato e alla struttura resistente, Rode Procaster è un’ottima scelta se stai cercando un microfono solido. Lo rende un po ‘meno conveniente per la portabilità, ma se lo porti fuori, apprezzerai il dolce ronzio del tuo ambiente che si insinua, ma non abbastanza da interrompere la registrazione del tuo podcast.

Con 180 gradi di rifiuto, il Rode Procaster è più adatto per l’uso direzionale. Il filtro pop interno è un ulteriore vantaggio, ma acquistarne uno esterno sicuramente non sarebbe una cattiva scelta.

Yeti Blu

Il Blue Yeti è plug and play, il che significa che non è necessaria alcuna installazione. Questo è ottimo per i principianti poiché non sarà travolgente. Il quadrante del guadagno integrato è utile, così come la manopola del volume accessibile, il pulsante mute e l’interruttore del pattern.

Con quattro modelli direzionali, il Blue Yeti può essere utilizzato in più scenari. Investire in un filtro pop otterrà risultati migliori, ma fuori dagli schemi, questo microfono è decisamente adatto per il podcasting.

Il microfono singolo può essere decisivo per alcuni, ma questo microfono certificato THX di alta qualità è un vero affare per quello che è.

Elgato wave 3

L’Elgato Wave:3 si trova saldamente nel mezzo quando si tratta dei migliori microfoni per il podcasting. Non fa tutto, ma le caratteristiche che ha sono decenti. Utilizzando un modello cardioide, questo microfono è ideale per una persona che parla al microfono, piuttosto che per due o più utenti.

A volte si sente un leggero ronzio di sottofondo, ma è minimo. Le voci possono essere ascoltate in modo cristallino, che è quello che vuoi per un podcast. A bordo, i controlli sono molto semplici e possono essere regolati in un unico posto. Sul retro troverai una porta USB-C e un jack per cuffie da 3,5 mm; semplice, ma quello che ti serve.

Sia che tu stia registrando un podcast o utilizzando Elgato Wave:3 per giocare, la tua voce si sentirà forte e chiara. L’app Wave Link offre anche un sacco di effetti che puoi usare se ti senti avventuroso.

HyperX QuadCast S

Sebbene l’HyperX QuadCast S possa essere più costoso di altri microfoni simili, viene fornito con accessori come un supporto antiurto integrato, un filtro pop e un adattatore per il montaggio. Una volta aggiunte queste cose separatamente a un altro microfono, sembra decisamente che valga la pena investire in HyperX.

Ciò che spicca su HyperX QuadCast S sono senza dubbio le sue luci RGB. Questi possono essere personalizzati utilizzando il software NGENUITY di HyperX, dove troverai una gamma di diversi colori e combinazioni da applicare. Dopo aver scelto i tuoi RGB, puoi semplicemente collegare il microfono al supporto e collegarlo al tuo PC per iniziare.

Con condensatori da 14 mm, i quattro modelli direzionali offrono un’eccellente qualità del suono in vari scenari diversi. Che tu stia registrando un podcast, facendo una voce fuori campo su un video dal vivo o chattando con i tuoi amici su Discord, HyperX QuadCast S funziona a meraviglia.

Quale tipo di microfono è il migliore per il podcasting?

I microfoni USB tendono ad essere una buona opzione poiché sono portatili e funzionano con la maggior parte dei dispositivi.

Anche avere una gamma di modelli audio può essere d’aiuto, soprattutto se stai registrando con più di una persona.

Come vedere cosa sta occupando troppo spazio su disco sul tuo PC Windows

Come vedere cosa sta occupando troppo spazio su disco sul tuo PC Windows

Il tuo dispositivo esaurisce spesso la memoria? Ti gratti spesso la testa, chiedendoti cosa sta occupando tutto quello spazio sul tuo disco ma non riesci a capire cosa sia? Non è niente di straordinario; ogni utente Windows prima o poi deve affrontare il problema dello spazio su disco insufficiente.

Grazie a Microsoft, trovare le app, i documenti e i file che occupano la maggior parte dello spazio su disco su Windows e ripulire quello spazio rimuovendo il disordine estraneo è ora più facile che mai. Se questo è il tuo obiettivo, continua a leggere per scoprire come arrivarci.

Individua l’unità disco

Hai partizionato il tuo disco rigido in più unità? In tal caso, controlla quali unità consumano più spazio. Non lasciarti ingannare dalla percentuale di spazio occupato; invece, guarda la dimensione del territorio riempito in GB. La partizione contenente più GB di dati è più affollata. Tuttavia, come puoi scoprire quali unità sono sovraccariche?

Apri Esplora file di Windows e fai clic su Questo PC . Tra tutte le partizioni che hai creato sul tuo disco, identifica quelle che contengono la maggior parte dei dati.

Dopo averlo trovato, diamo un’occhiata a come trovare il tipo di dati che occupa più spazio.

Identifica il tipo di dati che occupa più spazio sul tuo disco affollato

Applicazioni e giochi, file di sistema e temporanei, spazzatura sul desktop e altri dati non occupano la stessa quantità di spazio su disco. Mentre alcuni occupano pochissimo spazio, altri occupano una quantità considerevole.

Determinare quale tipo di dati consuma più spazio sull’unità può aiutare a liberare spazio in modo più efficace. Ecco come puoi scoprirlo:

  • Fare clic con il pulsante destro del mouse sul pulsante Start di Windows , quindi fare clic su Impostazioni .
  • Dalla barra laterale sinistra, seleziona la scheda Sistema .
  • Nel riquadro di destra, fai clic su Archiviazione .
  • In questa sezione, puoi vedere quale tipo di dati occupa più spazio sulle tue unità attualmente affollate e su altre unità.
  • Fare clic su Mostra più categorie per visualizzare altre categorie che occupano la maggior parte del disco.

Idealmente, dovresti iniziare a liberare spazio dalla categoria che consuma più spazio sul tuo disco rigido. Ad esempio, se le app e le funzionalità occupano la maggior parte del tuo spazio di archiviazione, dovresti prima liberarlo.

Come liberare spazio sul tuo disco

In genere, tre tipi di dati occupano la maggior parte dello spazio su disco: app e funzionalità, file di sistema e riservati e file temporanei. Pertanto, ridurre il carico di questi tipi di dati può effettivamente liberare spazio su disco. Vediamo come puoi realizzarlo.

Gestisci le tue app e funzionalità

Segui questi passaggi per rimuovere app e funzionalità extra:

  • Passare a Impostazioni > Sistema > Archiviazione .
  • Seleziona l’unità su cui desideri liberare spazio.
  • Fare clic su Mostra altre categorie .
  • Quindi fare clic su App e funzionalità .
  • Seleziona Dimensione (da grande a piccola) dal menu a discesa accanto a Ordina per .
  • Determina quali app sono ridondanti e occupano la maggior parte dello spazio su disco.
  • Fai clic sui tre punti verticali accanto a ciascuna app e fai clic su Disinstalla .
  • Ripeti il ​​​​passaggio precedente per tutte le app che trovi pesanti e dovresti essere in grado di liberare un bel po ‘di spazio.

Se il tuo sistema operativo vive sullo stesso disco sovraffollato, il sistema e i file riservati potrebbero essere il prossimo grande divoratore di spazio.

Gestire l’archiviazione di file di sistema e riservata

Fai attenzione quando gestisci lo spazio su disco utilizzato dal sistema e i file riservati, poiché l’eliminazione di file essenziali potrebbe causare problemi imprevisti. La memoria complessiva occupata dal sistema e dai file riservati è normalmente suddivisa in cinque categorie: file di sistema, memoria riservata, memoria virtuale, file di ibernazione e file di ripristino del sistema.

Lo spazio consumato dai file di sistema, dalla memoria riservata e dalla memoria virtuale viene effettivamente utilizzato dal dispositivo per svolgere le sue funzioni; astenersi dall’eliminare i file in esso contenuti. Pertanto, rimangono solo due tipi di archiviazione da gestire; il file di ibernazione e lo spazio riservato al Ripristino configurazione di sistema. Ciò solleva la domanda: puoi liberarlo?

Sebbene sia possibile disabilitare la modalità di ibernazione, non dovresti farlo se usi frequentemente questa funzione per tenere aperte le app in uso mentre il dispositivo è in ibernazione. Tuttavia, questa funzione occupa molto spazio in GB, quindi se non la stai utilizzando, puoi liberare spazio. 

Allo stesso modo, i punti di ripristino consumano una notevole quantità di spazio di archiviazione, ma ne vale la pena poiché ti consentono di ripristinare il dispositivo a un punto precedente nel tempo se qualcosa va storto. Tuttavia, avere più punti di ripristino sarebbe uno spreco di spazio sul disco rigido. Pertanto, si consiglia di eliminare eventuali punti di ripristino aggiuntivi su Windows creati.

Gestire l’archiviazione dei file temporanei

I file temporanei di solito consumano più spazio sulle unità dopo i file di sistema e le applicazioni installate. Come suggerisce il nome, sono file temporanei che accelerano solo i processi di Windows. Significa che puoi eliminarli in sicurezza? Sì, ma dovrai stare attento. Ecco alcuni suggerimenti per cancellare saggiamente i file temporanei:

  • Elimina i file temporanei dalla cartella Download solo se li hai già spostati altrove e tutto ciò che rimane sono duplicati.
  • Elimina i file di registro dell’aggiornamento di Windows solo se non si verificano problemi durante l’aggiornamento di Windows.
  • Elimina miniature , file di ottimizzazione della consegna e file Internet temporanei .
  • Non eliminare i dati del Cestino a meno che tu non sia sicuro che non sarà necessario ripristinarli in seguito.

Con questi suggerimenti, si spera che sarai in grado di liberare una notevole quantità di spazio che prima era occupato inutilmente. Stai ancora esaurendo lo spazio su disco? In tal caso, l’unità di archiviazione del dispositivo non è abbastanza grande. Quindi, aggiornalo per accogliere i tuoi dati in modo più efficace.

Nuvola madisoft registro elettronico: come funziona

Nuvola madisoft registro elettronico: come funziona

Il registro elettronico Nuvola Madisoft è una soluzione innovativa per la gestione della didattica a distanza. Con questo strumento, gli insegnanti possono tenere traccia dei progressi degli studenti, assegnare compiti e valutazioni, e comunicare con i genitori in modo semplice e veloce.

Il registro elettronico Nuvola Madisoft è facile da usare e accessibile da qualsiasi dispositivo connesso a internet. Gli insegnanti possono creare lezioni, assegnare compiti e valutazioni, e monitorare i progressi degli studenti in tempo reale. Inoltre, il registro elettronico consente di creare gruppi di lavoro per progetti specifici, e di condividere contenuti e risorse didattiche con gli studenti.

Il registro elettronico Nuvola Madisoft offre anche una funzione di comunicazione per la gestione dei contatti tra insegnanti, studenti e genitori. Gli insegnanti possono inviare messaggi ai genitori per informarli sui progressi degli studenti e su eventuali problemi. I genitori possono rispondere ai messaggi e comunicare direttamente con gli insegnanti.

In sintesi, il registro elettronico Nuvola Madisoft è una soluzione completa e flessibile per la didattica a distanza. Gli insegnanti possono utilizzare questo strumento per gestire efficacemente la didattica, monitorare i progressi degli studenti e comunicare con i genitori. Ciò rappresenta un supporto importante per l’apprendimento degli studenti e per una maggiore efficienza nella gestione della scuola.

Come utilizzare nuvola madisoft registro elettronico

Per utilizzare il registro elettronico Nuvola Madisoft, è necessario seguire questi semplici passaggi:

  1. Accedi al sito web di Nuvola Madisoft e crea un account insegnante.
  2. Una volta effettuato l’accesso, potrai creare le tue classi e aggiungere gli studenti.
  3. Crea lezioni e assegna compiti e valutazioni. Potrai anche caricare risorse didattiche come documenti, immagini e video.
  4. Monitora i progressi degli studenti in tempo reale e utilizza la funzione di comunicazione per inviare messaggi ai genitori e alle famiglie degli studenti.
  5. Utilizza la funzione di creazione gruppi per organizzare progetti specifici e condividere contenuti con gli studenti.
  6. Utilizza il registro elettronico per tenere traccia delle valutazioni degli studenti e delle loro attività, e per generare report dettagliati sui progressi degli studenti.

Il registro elettronico Nuvola Madisoft è uno strumento intuitivo e facile da usare. Se hai bisogno di assistenza, il sito web offre una sezione di supporto con tutorial e guide per l’utilizzo del registro elettronico.

Come utilizzare nuvola madisoft registro elettronico se sei uno studente

Come studente, per utilizzare il registro elettronico Nuvola Madisoft, dovrai seguire questi passaggi:

  1. Accedi al sito web di Nuvola Madisoft e crea un account studente.
  2. Una volta effettuato l’accesso, ti verrà assegnata una classe dal tuo insegnante.
  3. Accedi alla tua classe per visualizzare le lezioni, i compiti e le valutazioni assegnati dall’insegnante.
  4. Completa i compiti e le valutazioni assegnati dall’insegnante e invia le tue risposte.
  5. Utilizza la funzione di comunicazione per chiedere chiarimenti o per segnalare eventuali problemi all’insegnante.
  6. Accedi alla sezione “Progressi” per visualizzare il tuo stato di avanzamento e le valutazioni ottenute.

Il registro elettronico Nuvola Madisoft è uno strumento intuitivo e facile da usare. Se hai bisogno di assistenza, il sito web offre una sezione di supporto con tutorial e guide per l’utilizzo del registro elettronico. Inoltre, è sempre possibile chiedere aiuto al proprio insegnante per qualsiasi dubbio o problema.

Epic Games: cos’è  e come funziona la sua piattaforma per installare giochi su PC

Epic Games: cos’è e come funziona la sua piattaforma per installare giochi su PC

Epic Games è un’azienda statunitense di sviluppo di giochi fondata nel 1991. La società è nota per aver creato la serie di giochi Unreal, nonché per la piattaforma di gioco in linea Fortnite.

La società è stata fondata da Tim Sweeney, che è ancora attualmente CEO dell’azienda. Nel corso degli anni, Epic Games ha sviluppato una serie di giochi di successo, tra cui Unreal Tournament, Gears of War e Infinity Blade. Tuttavia, il gioco più noto e di successo dell’azienda è Fortnite, un gioco multiplayer in linea gratuito che è stato lanciato nel 2017.

Fortnite ha riscosso un enorme successo, diventando uno dei giochi più popolari al mondo e generando entrate miliardarie per l’azienda. La popolarità di Fortnite ha anche portato ad una crescente attenzione sulla piattaforma di gioco in linea di Epic Games, che ora offre una serie di giochi di terze parti in più di 175 milioni di dispositivi in tutto il mondo.

Nel 2018, Epic Games ha acquisito la società di sviluppo di giochi cinese Kamu, che fornisce servizi di gestione dei diritti digitali e anti-cheat per i giochi online. Nel 2019, ha acquisito Psyonix, lo sviluppatore del popolare gioco Rocket League.

Epic Games è diventata anche nota per le sue battaglie legali contro Google e Apple per la politica delle commissioni sull’App Store. La società ha accusato entrambi i colossi della tecnologia di utilizzare il loro potere di mercato per imporre commissioni eccessive sugli sviluppatori di app, e ha intentato cause legali contro entrambi.

In generale Epic Games è un’azienda leader nel mercato dei videogiochi, con una lunga storia di successi nello sviluppo di giochi di alto livello e una piattaforma di gioco in linea in continua crescita. La sua popolarità è destinata a continuare a crescere nei prossimi anni.

Come funziona Epic Games

Per utilizzare Epic Games, è necessario prima creare un account. È possibile farlo visitando il sito web di Epic Games e facendo clic sul pulsante “Crea un account” o “Accedi” nell’angolo in alto a destra dello schermo. Verrà richiesto di inserire i propri dettagli personali, come il nome utente, l’indirizzo email e la password. è possibile creare un account utilizzando anche un’opzione di accesso social come Google o Facebook.

Una volta creato un account, è possibile accedere alla libreria di giochi di Epic Games. È possibile navigare tra i giochi disponibili, leggere le recensioni degli utenti e acquistare o scaricare i giochi. È possibile scaricare i giochi sul proprio computer o dispositivo mobile utilizzando l’applicazione Epic Games Launcher.

Per giocare ai giochi, è necessario aprire l’applicazione Epic Games Launcher e accedere al proprio account. Una volta effettuato l’accesso, è possibile vedere tutti i giochi acquistati o scaricati nel proprio account e avviarli.

Per quanto riguarda Fortnite, una volta scaricato, è possibile giocare sia in modalità Battle Royale, ovvero una modalità multiplayer dove 100 giocatori si sfidano tra di loro per essere l’ultimo sopravvissuto, sia in modalità creativa, dove invece è possibile costruire e creare mondi.

Inoltre, l’applicazione Epic Games Launcher offre anche la possibilità di partecipare a eventi e tornei, nonché di acquistare oggetti virtuali come skin per i personaggi e accessori per il gioco.

In generale, utilizzare Epic Games è semplice e intuitivo, offre una vasta libreria di giochi e una piattaforma di gioco in linea in continua crescita.

Come scaricare Epic Games Launcher

Per scaricare Epic Games Launcher, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  1. Visita il sito web di Epic Games all’indirizzo https://www.epicgames.com/
  2. Fai clic sul pulsante “Scarica” nell’angolo in alto a destra dello schermo.
  3. Seleziona il tuo sistema operativo (Windows o Mac) e fai clic su “Scarica” per avviare il download.
  4. Una volta completato il download, apri il file scaricato per avviare l’installazione.
  5. Segui le istruzioni sullo schermo per completare l’installazione.
  6. Al termine dell’installazione, apri l’applicazione Epic Games Launcher e accedi al tuo account.
  7. Potrai quindi navigare nella libreria di giochi disponibili, acquistarli e scaricarli.

Tenere presente che l’applicazione Epic Games Launcher è anche disponibile per dispositivi mobile come iOS e Android, basta cercare l’applicazione sul proprio store di applicazioni e scaricarla.

In generale, il processo di scaricamento di Epic Games Launcher è semplice e intuitivo, e una volta installato, ti darà accesso a una vasta libreria di giochi e a una piattaforma di gioco in linea in continua crescita.

Come programmare un termostato Google Nest

Come programmare un termostato Google Nest

Metteremo in evidenza come ottenere il massimo da questo fantastico dispositivo per la casa intelligente e mostreremo come puoi persino risparmiare denaro sulle bollette energetiche.

Passare a un termostato intelligente può essere un ottimo modo per risparmiare denaro sulle bollette energetiche, ma può anche essere una curva di apprendimento difficile.

Mentre alcuni dei modelli di Google Nest Thermostat sono in grado di apprendere le tue preferenze di riscaldamento e raffreddamento, a volte vuoi solo creare il tuo programma e mantenere la tua casa confortevole alle tue condizioni.

Il termostato Nest è attualmente l’unico modello senza la funzione di programmazione automatica. Ma indipendentemente dal modello che hai, entrambi possono essere programmati manualmente da te. Tuttavia, il Nest Thermostat standard richiede un’app diversa dal Nest Learning Thermostat, quindi scopriamo come programmare entrambi i modelli.

In che modo il termostato Nest può risparmiare energia

Puoi risparmiare energia utilizzando un termostato Nest grazie alle sue fantastiche funzionalità. Ad esempio, puoi attivare la Temperatura Eco sul tuo termostato per rilevare automaticamente quando non sei in casa, spegnendo così il riscaldamento per risparmiare energia. Allo stesso modo, puoi abilitare le routine A casa e Fuori o A casa/Fuori casa per passare automaticamente alla Temperatura Eco quando rileva che non sei a casa.

La programmazione automatica dell’apprendimento è una delle funzionalità di spicco di Google Nest Learning Thermostat. Significa che il tuo termostato può apprendere le tue routine ed effettuare regolazioni automatiche in base alla tua cronologia di raffreddamento/riscaldamento. Puoi assicurarti che la programmazione automatica sia attiva procedendo come segue:

  • Apri l’app Nest per iOS o Android e seleziona il tuo Nest Learning Thermostat.
  • Seleziona Impostazioni > Programmazione automatica .

Per impostazione predefinita, questa opzione è attiva. Se il termostato è impostato su Riscaldamento, imparerà e creerà programmi di riscaldamento. D’altra parte, se lo hai impostato su Caldo e Freddo, creerà programmi separati per il riscaldamento e il raffreddamento della tua casa.

Anche il primo giorno di utilizzo del tuo Nest Learning Thermostat, inizia a ricordare le tue preferenze. Ad esempio, se regoli la temperatura, il termostato rimarrà a quella temperatura fino a quando non verrà modificata. Il secondo giorno, continuerà a fare lo stesso, monitorando a quali temperature hai impostato il termostato e in quali orari. Rileva anche quando sei a casa o meno e quanto spesso regoli la temperatura.

Dopo alcuni giorni, il tuo Nest Learning Thermostat perfezionerà una programmazione in base alle modifiche apportate e a quanto appreso finora. Dopo una settimana, sarebbe stato creato un programma per te, ma questo può essere modificato manualmente se hai bisogno di cambiare qualcosa.

Regolando automaticamente la tua programmazione per adattarla alla tua routine (e riscaldando o raffreddando la tua casa solo quando sei lì), il Nest Learning Thermostat può farti risparmiare energia e potenzialmente denaro. Piuttosto che rinfrescare o riscaldare costantemente la tua casa, soprattutto se hai dimenticato di regolare la temperatura, questo termostato intelligente funzionerà quando sarà davvero necessario.

Quando inizi a insegnare al tuo termostato la tua routine ideale, potresti notare la comparsa di altre funzionalità. Ad esempio, se vedi l’icona di una foglia verde, nota come Fogliolina Nest, significa che hai scelto una temperatura più efficiente dal punto di vista energetico. Può anche visualizzare per quanto tempo stima che la tua casa si riscaldi alla temperatura scelta. Quindi, se pianifichi che la tua casa si riscaldi fino a 20 C° entro le 17:00 quando torni dal lavoro, potrebbe iniziare prima per raggiungere la temperatura desiderata per quando torni a casa.

Come creare programmazioni sul tuo termostato Nest

Solo il Nest Learning Thermostat può sfruttare la funzione di programmazione automatica. Il termostato Nest non può regolare automaticamente la programmazione della temperatura, ma Google Savings Finder può darti suggerimenti su come utilizzare l’app Google Home per creare programmazioni al fine di risparmiare energia nel tempo.

Se hai già utilizzato il tuo termostato Nest, potresti aver configurato alcune programmazioni esistenti. Ecco come cancellare completamente le pianificazioni esistenti per ricominciare da capo:

  • Premi l’anello sul termostato Nest.
  • Seleziona Impostazioni > Ripristina > Programma .

Creare manualmente una nuova pianificazione è facile. Ciò ti consente di modificare la temperatura della tua casa a orari prestabiliti. Puoi farlo nell’app Nest, nell’app Google Home o sul termostato Nest.

Utilizzando l’app Nest:

  • Apri l’app Nest, quindi seleziona il tuo termostato Nest.
  • Seleziona Programma .
  • Aggiungi o rimuovi i punti di regolazione della temperatura in base alle tue esigenze.

Utilizzando l’app Google Home:

  • Apri l’app Google Home.
  • Tocca e tieni premuto il riquadro del termostato Nest, quindi seleziona Impostazioni .
  • Selezionare Programmi quindi aggiungere/rimuovere le temperature preimpostate.

Utilizzo del termostato Nest:

  • Utilizzando il menu Visualizzazione rapida, seleziona Programmazione o Impostazioni , a seconda del tipo di termostato Nest che possiedi.
  • Come l’app, puoi aggiungere o rimuovere i tempi di temperatura qui.

Sensore di temperatura Nest

Sebbene non sia un requisito, è possibile investire nel sensore di temperatura Nest per ottimizzare ulteriormente i risparmi energetici. Questo dispositivo funziona con Nest Learning Thermostat e può essere posizionato in qualsiasi stanza.

Usando il termostato, puoi impostare la temperatura in diverse stanze secondo i tuoi gusti. Ad esempio, potresti desiderare che sia più fresco in camera da letto che in salotto. Puoi anche dare la priorità al riscaldamento delle singole stanze e impostare le programmazioni come di consueto nell’app Nest. Questo è qualcosa che può essere più utile nelle famiglie più grandi dove il calore ha più spazio per fuoriuscire.

Come eliminare automaticamente i cookie in Chrome, Firefox e Edge

Come eliminare automaticamente i cookie in Chrome, Firefox e Edge

In Chrome, Firefox e Edge puoi facilmente abilitare le funzionalità per cancellare automaticamente i tuoi cookie. Ecco come farlo, per evitare di cancellarli manualmente.

I cookie sono dati di navigazione inviati dai siti web per essere memorizzati dal tuo browser. Tali dati vengono conservati per salvare le preferenze di navigazione del sito, i dettagli di accesso e per scopi di targeting pubblicitario. I cookie di tracciamento sono quelli per i quali l’UE ha stabilito una legislazione sui siti Web di autorizzazione dei cookie.

Alcuni utenti preferiscono cancellare i dati dei cookie di terze parti. Tuttavia, non è necessario eliminare manualmente i cookie ogni volta che si desidera eliminare tali dati. Puoi invece impostare Google Chrome, Firefox e Edge per eliminare automaticamente i cookie come descritto di seguito.

Come impostare Chrome per eliminare automaticamente i cookie

Google Chrome, Edge e Firefox includono tutti impostazioni integrate per l’eliminazione automatica dei cookie alla chiusura del browser. Pertanto, non avrai più bisogno di cancellare manualmente i cookie in Chrome o in altri browser con tali opzioni abilitate. In questo modo puoi impostare Chrome in modo che cancelli automaticamente i cookie.

  • Fai clic sul pulsante del menu a tre punti di Chrome all’estrema destra della barra degli strumenti.
  • Seleziona Impostazioni per visualizzare la scheda di Chrome.
  • Fai clic su Privacy e sicurezza a sinistra della scheda.
  • Seleziona Cookie e altri dati secondari per accedere alle opzioni di Chrome per i cookie
  • Fai clic su Cancella cookie e dati dei siti quando chiudi tutte le finestre per attivare l’impostazione. Chrome ora cancellerà automaticamente i dati dei cookie quando chiudi la sua finestra.

Come impostare Edge per eliminare automaticamente i cookie

Edge include opzioni più generali per la cancellazione automatica dei dati quando esci dal browser rispetto a Chrome. Oltre a eliminare automaticamente i cookie, puoi impostare Edge in modo che cancelli la cronologia di navigazione e i dati memorizzati nella cache quando viene chiuso. Questi sono i passaggi per impostare Edge in modo da eliminare automaticamente i dati dei cookie:

  • Innanzitutto, fai clic sul pulsante Impostazioni di Edge e altro (che ha anche un tasto di scelta rapida Alt + F ).
  • Seleziona la scheda Privacy, ricerca e servizi .
  • Quindi fare clic sull’opzione Scegli cosa cancellare ogni volta che chiudi il browser 
  • Fare clic su Cookie e altri dati del sito per attivare tale opzione.
  • Puoi anche attivare Immagini memorizzate nella cache , Cronologia esplorazioni e Compilazione automatica dati modulo per fare in modo che Edge cancelli tali dati ogni volta che chiudi il browser.

Come impostare Firefox per eliminare automaticamente i cookie

Firefox include una funzione Enhanced Tracking Protection, che puoi impostare per un blocco più rigoroso dei cookie di terze parti. Incorpora inoltre impostazioni di cronologia più generali per la cancellazione automatica dei cookie e di altri dati di navigazione. Puoi impostare Firefox per cancellare la cronologia dei cookie quando viene chiuso in questo modo:

  • Premere il pulsante del menu Apri applicazione di Firefox .
  • Fare clic sull’opzione Impostazioni del menu per accedere alle opzioni del browser.
  • Successivamente, seleziona la scheda Privacy e sicurezza per visualizzare le opzioni relative ai dati.
  • Selezionare Usa impostazioni personalizzate per la cronologia nel menu a discesa di Firefox .
  • Fai clic sulla casella di controllo Cancella cronologia alla chiusura di Firefox .
  • Premi il pulsante Impostazioni per l’ opzione Cancella cronologia 
  • Seleziona la casella di controllo Cookie se desideri solo che i dati vengano cancellati automaticamente. Se tutte le opzioni sono già selezionate per impostazione predefinita, deselezionare tutte le altre caselle di controllo dei dati della cronologia.
  • Premere OK per impostare l’opzione.

Se non sei un fan dei cookie di tracciamento, potresti anche abilitare una protezione di tracciamento più rigorosa già che ci sei. Selezionare il pulsante di opzione Rigido per la funzione di protezione da tracciamento. Oppure puoi fare clic su Personalizzato per selezionare quattro opzioni di blocco alternative per i cookie nel menu a discesa. Qui puoi selezionare l’ opzione Blocca tutti i cookie di terze parti .