Come funziona “Visualizza una volta” su WhatsApp

Come funziona “Visualizza una volta” su WhatsApp

In un’epoca dominata dalla comunicazione digitale, WhatsApp si è affermato come uno dei principali mezzi di messaggistica istantanea, utilizzato quotidianamente da miliardi di persone in tutto il mondo. Tra le varie funzionalità offerte, la funzione “Visualizza una volta” rappresenta uno strumento cruciale per la privacy degli utenti, permettendo di condividere foto, video e messaggi che scompaiono dopo essere stati visualizzati una singola volta dal destinatario. Questa caratteristica enfatizza l’importanza della discrezione e della sicurezza nelle nostre interazioni digitali, offrendo agli utenti un controllo maggiore sulle proprie condivisioni.

Che cos’è la Funzione “Visualizza una volta”

Introdotto come un ulteriore livello di privacy, il “Visualizza una volta” di WhatsApp permette l’invio di contenuti multimediali che possono essere visualizzati solamente una volta dal destinatario prima di scomparire definitivamente. A differenza dei messaggi standard, che rimangono nella chat fino a quando non vengono cancellati manualmente, i messaggi inviati con questa modalità offrono una soluzione ideale per condividere informazioni sensibili, foto momentanee o qualsiasi contenuto che non si desidera rimanga archiviato.

Come Attivare “Visualizza una volta”

Per utilizzare la funzione “Visualizza una volta”, segui questi semplici passaggi:

  1. Apri WhatsApp e seleziona la chat dove desideri inviare il messaggio o il file multimediale.
  2. Premi sull’icona della clip per allegare un file o sulla fotocamera per scattare una foto o registrare un video.
  3. Scegli il file da inviare dalla tua galleria o utilizza la camera per catturare un’immagine o un video al momento.
  4. Prima di inviare, noterai un’icona a forma di “1” nell’angolo inferiore destro della sezione di anteprima del file. Tocca questa icona per attivare la modalità “Visualizza una volta”.
  5. Invia il messaggio. Una volta che il destinatario apre il messaggio, il contenuto sarà visibile una sola volta prima di scomparire definitivamente.

Vantaggi della Funzione “Visualizza una volta”

La funzione “Visualizza una volta” offre diversi vantaggi per la privacy e la sicurezza degli utenti:

  • Protezione della Privacy: Ideale per la condivisione di informazioni sensibili che non si desidera rimangano nella chat.
  • Controllo sui Contenuti Condivisi: Riduce il rischio che foto o video privati vengano salvati o inoltrati senza consenso.
  • Pulizia Automatica delle Chat: Aiuta a mantenere le conversazioni pulite senza dover cancellare manualmente i messaggi.

Limitazioni e Considerazioni

Mentre “Visualizza una volta” è una funzione utile, presenta alcune limitazioni:

  • Screenshot e Screen Recording: WhatsApp non può impedire che il destinatario faccia uno screenshot o registri lo schermo mentre visualizza il messaggio.
  • Nessuna Notifica di Screenshot: A differenza di altre piattaforme, WhatsApp non avvisa l’utente se viene effettuato uno screenshot del contenuto “Visualizza una volta”.
  • Unico Visualizzo: Se il destinatario apre il messaggio ma non è in grado di visualizzare il contenuto (ad esempio, a causa di problemi di connessione), il messaggio scomparirà ugualmente.

Best Practices per l’Uso di “Visualizza una volta”

Per massimizzare la sicurezza e l’efficacia di questa funzione, considera queste best practices:

  • Usa con Persone di Fiducia: Invia contenuti “Visualizza una volta” solo a contatti di cui ti fidi.
  • Sii Cauti con Informazioni Estremamente Sensibili: Valuta attentamente cosa condividere, dato il rischio di screenshot.
  • Verifica la Funzione Prima dell’Uso: Assicurati che la modalità “Visualizza una volta” sia attivata prima di inviare il messaggio.

Conclusione

La funzione “Visualizza una volta” di WhatsApp rappresenta uno strumento prezioso per la privacy degli utenti, offrendo un modo sicuro e controllato per condividere informazioni sensibili o momentanee. Tuttavia, è fondamentale essere consapevoli delle sue limitazioni e utilizzarlo in modo responsabile. Integrando questa funzione nelle nostre abitudini di messaggistica, possiamo migliorare la nostra sicurezza digitale mantenendo al contempo la comodità e la facilità di comunicazione che WhatsApp offre.

Come Disattivare il Tuo Abbonamento DAZN

Come Disattivare il Tuo Abbonamento DAZN

Sei alla ricerca di una soluzione per interrompere il rinnovo automatico del tuo abbonamento a DAZN? Questa guida completa è ciò che fa per te. Dopo aver esplorato le potenzialità di DAZN e aver goduto delle sue numerose offerte sportive, potresti voler sospendere il tuo abbonamento per ottimizzare le spese, specialmente nei periodi in cui i tuoi eventi preferiti non sono programmati. Fortunatamente, sei nel posto giusto per trovare tutte le informazioni di cui hai bisogno per disattivare DAZN con facilità.

Panoramica Generale per la Disattivazione di DAZN

Indipendentemente dal piano a cui sei iscritto – sia esso DAZN Plus, DAZN Standard, DAZN Start, o l’abbonamento annuale – il processo per evitare il rinnovo automatico è lo stesso. Accedere alle impostazioni del proprio account e selezionare l’opzione per prevenire il rinnovo automatico è tutto ciò che occorre. Tuttavia, la procedura specifica può variare a seconda del dispositivo utilizzato per attivare l’abbonamento.

Passaggi per la Disattivazione da Dispositivi Diversi

Disattivazione da Computer:

  1. Accedi al Sito Ufficiale: Visita il sito di DAZN e accedi al tuo account utilizzando le tue credenziali.
  2. Naviga nel Menu Account: Clicca sulla lettera iniziale del tuo nome e seleziona “Il tuo account” seguito da “Abbonamento DAZN”.
  3. Gestisci il Tuo Abbonamento: Scegli “Dettagli piano” e poi “Gestisci il tuo abbonamento”. Qui puoi decidere di mettere in pausa o di non rinnovare l’abbonamento.

Disattivazione da Dispositivi Mobile:

Per gli utenti che hanno attivato DAZN tramite app su dispositivi Android o iOS, la procedura varia leggermente.

  • Android: Apri Google Play Store, accedi a “Pagamenti e abbonamenti” > “Abbonamenti” e seleziona DAZN per annullare l’abbonamento.
  • iOS: Vai nelle Impostazioni di iOS, tocca il tuo nome, poi “Abbonamenti”, e seleziona DAZN per annullare l’abbonamento.

Disattivazione da Smart TV e Dispositivi di Streaming:

La disattivazione dell’abbonamento DAZN attivato su Smart TV o dispositivi di streaming come Apple TV richiede di agire tramite il browser, seguendo i passaggi indicati per la disattivazione da computer.

Disattivazione per Clienti TIM e Sky

Se hai attivato DAZN tramite promozioni riservate ai clienti TIM o Sky, dovrai procedere attraverso la tua area personale MyTIM o contattando l’assistenza clienti di Sky o DAZN per la disattivazione.

Nota Importante: Ricorda che è possibile disattivare DAZN in qualsiasi momento, ma è necessario farlo con un preavviso di 30 giorni per evitare addebiti non desiderati.

Conclusione

Seguendo attentamente i passaggi descritti in questa guida, sarai in grado di disattivare il rinnovo automatico del tuo abbonamento a DAZN senza intoppi. Che tu decida di sospendere temporaneamente il servizio o di interromperlo definitivamente, avrai sempre la possibilità di riattivare il tuo abbonamento in futuro, qualora cambiassi idea.

Come impedire screenshot su WhatsApp

Come impedire screenshot su WhatsApp

In un’epoca dove la privacy digitale è diventata un tema di primaria importanza, WhatsApp, l’applicazione di messaggistica più diffusa al mondo, offre diverse funzionalità per tutelare la sicurezza delle conversazioni tra gli utenti. Tra queste, la possibilità di limitare la condivisione indesiderata di contenuti attraverso gli screenshot. In questo articolo, vi guideremo passo dopo passo su come sfruttare al meglio questi strumenti per proteggere la vostra privacy, sia su smartphone che su PC.

Introduzione alle Funzionalità di Privacy di WhatsApp

Prima di procedere, è essenziale comprendere che WhatsApp non integra direttamente un’opzione che vieta agli utenti di fare screenshot delle chat o di salvare gli allegati inviati. Tuttavia, l’applicazione mette a disposizione una funzionalità chiamata “Visualizza una volta”, che permette di inviare foto, video e messaggi vocali (i messaggi di testo sono esclusi) che il destinatario potrà aprire solo una volta, senza che questi possano essere salvati sul dispositivo o catturati tramite screenshot. È importante notare che, nonostante questa protezione, un destinatario determinato potrebbe utilizzare un altro dispositivo per fotografare o registrare il contenuto visualizzato, quindi una cautela aggiuntiva è sempre consigliata.

Proteggere i Contenuti su WhatsApp Android

Per gli utenti Android, il processo per inviare contenuti con la funzionalità “Visualizza una volta” è semplice e intuitivo. Avviate WhatsApp e selezionate la conversazione con il destinatario del vostro messaggio. Per inviare una foto o un video, cliccate sull’icona della graffetta, selezionate “Galleria”, e scegliete il file desiderato. Ricordate che è possibile applicare questa funzione solo ad un file per volta. Prima di inviare, cliccate sull’icona con il numero 1 cerchiato per attivare la modalità “Visualizza una volta”. Confermate e inviate con l’icona dell’aeroplanino. Per i messaggi vocali, il procedimento è analogo, attivando l’opzione prima dell’invio.

Impedire gli Screenshot su WhatsApp iPhone

Su iPhone, il processo è altrettanto semplice. Dopo aver aperto la conversazione desiderata, utilizzate l’icona “+” per accedere alle vostre foto e video. Selezionate il file da inviare e applicate l’opzione “Visualizza una volta” prima dell’invio. Anche qui, la funzione è limitata ad un singolo file per volta. Per i messaggi vocali, mantenete premuto il microfono e procedete come descritto per Android.

Bloccare gli Screenshot su WhatsApp via PC

Infine, se preferite utilizzare WhatsApp Web o l’applicazione desktop, il metodo non cambia significativamente. Dopo aver aperto la conversazione, selezionate l’icona della graffetta per aggiungere un file multimediale. Una volta scelto il file e apportate eventuali modifiche, attivate l’opzione “Visualizza una volta” prima di inviarlo. Per i messaggi vocali, l’icona del microfono vi permetterà di registrare e inviare il messaggio con la stessa modalità.

Conclusioni

Sebbene WhatsApp non offra una soluzione completa per impedire la cattura di screenshot, la funzionalità “Visualizza una volta” rappresenta uno strumento utile per aumentare la privacy delle vostre conversazioni. Ricordate sempre che la protezione dei vostri dati inizia dall’utilizzo consapevole delle tecnologie a vostra disposizione. Speriamo che questa guida vi sia stata utile per navigare con maggiore sicurezza nel mondo di WhatsApp.

Come trasferire foto da iPhone a hard disk esterno

Come trasferire foto da iPhone a hard disk esterno

L’applicazione che occupa più spazio su un iPhone è quella che archivia foto e video e la mancanza di memoria può diventare una criticità importante per ciascun smartphone. Da un po’ di tempo, succede che, sul nostro display, compaiono avvisi che ci comunicano che dobbiamo risolvere il problema dello spazio al più presto, prima che questo si esaurisca del tutto.

Nonostante ciò non è nostra intenzione perdere ed eliminare le foto e i video salvati nel telefono, anche quelli più pesanti, a cui siamo legati, anzi vogliamo continuare a farli. Una soluzione a tutto ciò può essere quella di spostare le foto e i filmati voluminosi su un disco esterno, così da liberare spazio e non incorrere più, almeno per un po’ di tempo, nel messaggio di memoria piena.

In questo articolo illustreremo come trasferire foto da iPhone a hard disk esterno, un’operazione non complicata, che non richiede delle competenze tecniche particolari. In pratica , nel dettaglio, gli argomenti trattati saranno:come spostare le foto e i video da iPhone a hard disk esterno, sia agendo direttamente dal telefono, sia procedendo con l’ausilio di un computer sia esso con sistema Windows, o Mac.

Come trasferire foto e video da iPhone a hard disk esterno: trasferimento diretto

Per trasferire foto e video dalla memoria di iPhone a un supporto esterno, occorre soddisfare alcuni requisiti ben precisi, per far sì che sia possibile leggere e scrivere file da e su hard disk esterno:

  1. accertarsi che il nostro iPhone sia aggiornato a iOS 13 o a un’edizione successiva del sistema operativo,
  2. verificare qual è la porta di ricarica disponibile sul device: se quest’ultimo è dotato di ingresso USB-C (iPhone 15 in su), vi possiamo connettere i dischi esterni dotati del medesimo connettore,
  3. oppure quelli muniti di porta classica USB-A con adattatore dedicato, tipo:
  • PORTENTUM Adattatore USB C USB A 3.0 (3.1) OTG Velocità 10Gb
  • Adattatore da USB C a USB[4 Pezzi], Adattatore USB C USB

Se, invece, il nostro iPhone ha un ingresso Lightning (iPhone 14 e precedenti), per collegarvi un disco dotato di connettore standard, procurarsi:

  1. un adattatore da USB a Lightning,
  2. certificato Mfi,
  3. dotato di una seconda porta Lightning di ricarica, un aspetto fondamentale, in quanto il connettore a bordo di iPhone potrebbe non fornire energia sufficiente ad alimentare il disco e, di conseguenza, risultare impossibilitato ad accenderlo,
  4. un esempio può essere Apple Adattatore fotocamere da Lightning a USB 3

Altro aspetto fondamentale al cui prestare attenzione è il file system con cui è formattato il disco, che deve essere supportato da iOS in modalità scrittura: che sono FAT/FAT 16, FAT32, exFAT e APFS.

I dischi formattati in FAT, FAT32 ed exFAT possono esser letti dalla maggior parte dei sistemi operativi desktop e mobile e, per integrità e prestazioni, è preferibile exFAT.

APFS è invece il formato di scrittura proprietario di Apple e, di conseguenza, può essere gestito nativamente su iPhone, iPad e Mac.

Dopo aver fatto attenzione a tutto ciò possiamo iniziare a trasferire tutte le foto che desideriamo sull’hard disk esterno.

Per cominciare:

con un iPhone 15 o versione successiva:

  • collegare il disco all’adattatore USB-C (se necessario),
  • inserire il connettore del disco/adattatore all’interno della porta di ricarica del telefono.

Con un telefono dotato di ingresso Lightning:

  • collegare il disco all’adattatore Lightning,
  • usare il cavo di ricarica di iPhone per connettere l’adattatore alla corrente elettrica,
  • collegare tra loro il telefono e l’adattatore stesso.

Comparirà una notifica che invita a sbloccare iPhone per poter usare gli accessori:

  • eseguire l’operazione richiesta,
  • aprire l’app File ed eseguire un doppio tap sulla scheda Sfoglia, per accedere alla schermata iniziale dell’app,
  • se necessario, toccare il simbolo > corrispondente alla voce Posizioni, per espandere la sezione omonima,
  • verificare che il nome della chiavetta compaia nell’elenco sottostante.

Se la prova ha esito positivo:

  • aprire l’app Foto,
  • per iniziare, individuare l’immagine oppure l’album di nostro interesse, tra quelli disponibili,
  • per eseguire una selezione multipla, recarsi nella scheda più adatta (ad es. Libreria),
  • fare tap sul pulsante Seleziona situato in alto a destra,
  • spuntare in corrispondenza di tutti gli elementi da spostare.

Per continuare:

  • eseguire un tap prolungato su una delle foto o degli album facenti parte della selezione (o sull’elemento singolo che vogliamo spostare),
  • selezionare la voce Condividi dal menu che va ad aprirsi,
  • premere sul pulsante Opzioni, situato in alto,
  • servirsi del pannello che viene proposto per selezionare il formato di esportazione delle immagini:
    1. Automatico, per applicare quello migliore in base alla destinazione,
    2. attuale, per lasciare invariato quello originale,
    3. più compatibile, per convertire le immagini e i video, rispettivamente, nei formati JPG e H.264.

Superato anche questo step:

  • sfiorare la dicitura Salva su File visibile nel menu che viene proposto,
  • fare tap sulla voce < Sfoglia situata in alto a destra,
  • premere sul nome del disco esterno, visibile nell’elenco delle Posizioni disponibili,
  • se lo desideriamo, scegliere la cartella in cui archiviare le immagini tra quelle presenti sulla chiavetta,
  • oppure effettuare un tap prolungato in un’area vuota del pannello e scegliere l’opzione Nuova cartella dal menu che va ad aprirsi, per crearne una nuova,
  • toccare sul pulsante Salva, per avviare la copia delle foto.

In base alla quantità di file selezionati, l’operazione potrebbe richiedere anche diversi minuti.

A copia completata, possiamo cancellare le foto dalla memoria di iPhone (e da iCloud, se il servizio Foto di iCloud è attivo) seguendo la procedura prevista da iOS.

Se, invece, il disco non viene letto dopo vari tentativi, o se non riusciamo a copiare le foto, in quanto iOS ci notifica l’impossibilità di scrivere sul disco, è possibile che questo debba essere formattato con uno dei file system che abbiamo citato prima.

Formattare un disco significa cancellare del tutto i dati presenti al suo interno e, se vogliamo farlo, è importante ricordarsi di archiviare i documenti precedentemente memorizzati sul disco in un’altra posizione.

Come trasferire foto iPhone su hard disk esterno usando il computer

Se non abbiamo gli strumenti adatti a trasferire le foto da iPhone al disco esterno in maniera diretta, possiamo utilizzare un PC Windows, oppure un Mac, eseguendo il trasferimento anche collegando entrambi i dispositivi al computer e spostando i file dal disco al telefono, mediante le applicazioni integrate di Windows e macOS.

I requisiti specifici per fare ciò sono:

  • il disco esterno deve essere collegato al PC o al Mac,
  • se necessario, formattarlo con un file system compatibile sia con il computer in uso che con il telefono,
  • il consiglio è di usare i file system FAT32 oppure exFAT, entrambi compatibili con la gran parte dei sistemi operativi per computer, smartphone e tablet,
  • sia il computer che il telefono devono essere stati connessi tra loro almeno una volta, e lo scambio dei dati deve essere stato preventivamente autorizzato.

Come trasferire foto da iPhone a hard disk esterno con Windows

Con Windows è indispensabile che il software iTunes risulti preventivamente installato sul computer e che quest’ultimo dispositivo sia stato autorizzato ad accedere a iPhone.

Quindi procedere in questa maniera:

  • sbloccare lo schermo di iPhone,
  • aprire l’Esplora File di Windows, cliccando sul simbolo della cartella gialla disponibile sulla taskbar,
  • oppure premendo la combinazione di tasti Win+E sulla tastiera,
  • fare clic sul nome di iPhone visibile nella barra laterale di sinistra, in corrispondenza della sezione Questo PC,
  • aprire la cartella Internal Storage, residente nella memoria del telefono,
  • selezionare le cartelle oppure le foto che vogliamo trasferire tracciando un rettangolo con il mouse,
  • oppure usando la combinazione Ctrl+clic (tenendo conto che il nome di ciascuna cartella identifica l’anno e il mese in cui le foto o i video sono stati acquisiti),
  • fare clic destro su uno qualsiasi degli elementi selezionati e scegliere la voce Copia, dal menu che compare.

Fatto ciò:

  • cliccare sul nome del disco esterno visibile nella barra laterale di sinistra dell’Esplora File,
  • accedere alla cartella in cui vogliamo archiviare le immagini,
  • fare clic destro su un punto vuoto di quest’ultima e scegliere la voce Incolla, dal menu che compare sullo schermo.

A trasferimento completato, si possono cancellare le immagini da iPhone accedendo nuovamente alla memoria interna del telefono:

  • facendo clic destro sull’elemento di nostro interesse,
  • premendo sulla voce Elimina, residente nel menu contestuale che va ad aprirsi,
  • tenendo conto che la cancellazione è definitiva e non può essere annullata, cliccare infine sul pulsante , per confermare.

Come trasferire foto da iPhone a hard disk esterno con Mac

Nel caso dei Mac, dopo aver connesso sia iPhone che il disco esterno al Mac:

  • attendere che quest’ultimo venga riconosciuto (l’ icona comparirà sulla Scrivania),
  • avviare Acquisizione immagine, il software che si trova nella cartella Altro del Launchpad,
  • oppure nel menu Vai > Applicazioni di macOS,
  • sbloccare lo schermo di iPhone (se necessario),
  • ritornare al computer e fare clic sul nome di iPhone, visibile nella barra laterale di Acquisizione immagine, per visualizzare le foto presenti sul telefono,
  • quando compariranno le immagini nella finestra apertasi in precedenza:
    1. per trasferirne solo alcune, fare clic sulle loro anteprime premendo e tenendo premuto il tasto cmd della tastiera,
    2. per spostarle tutte, non fare nulla, in quanto esiste un pulsante apposito da usare in un secondo momento.

Se desideriamo che le immagini vengano cancellate dopo il trasferimento:

  • premere sul pulsante (…) posto nella parte alta della finestra di Acquisizione Immagine,
  • spuntare sulla voce Elimina dopo l’importazione.

Poi:

  • aprire il menu a tendina posto accanto alla dicitura Importa in (in basso a sinistra),,
  • selezionare la voce Altro… dal menu che va ad aprirsi,
  • cliccare sul nome del disco esterno, che risiedere all’interno del riquadro Posizione,
  • cliccare sul pulsante Scegli,
  • se vuoi trasferire soltanto gli elementi selezionati in precedenza, cliccare sul pulsante Scarica,
  • per trasferire tutte le immagini e i video presenti nella memoria di iPhone, cliccare sul pulsante Scarica tutto.

Tali procedure potrebbero durare diverse ore, in base alla quantità di foto da spostare e alla velocità del disco collegato al computer.

Come ripristinare un iPhone senza password iCloud

Come ripristinare un iPhone senza password iCloud

Gli iPhone Apple hanno, alla base della loro privacy e sicurezza un apposito ID Apple, che mantiene i dati archiviati al sicuro, mediante una password, che viene richiesta nel momento in cui si debba intervenire in maniera diretta sul dispositivo. In pratica ‘ID Apple è un account personale utilizzato per autenticarsi in vari servizi della Apple Inc., come Apple Store, iCloud, Messaggi, Apple Store Online, FaceTime e altro ancora.

La Password iCloud viene richiesta anche in caso di ripristino del iPhone. Può succedere, tuttavia, che quando proviamo a ripristinare il proprio iPhone o iPad, ci accorgiamo di non avere la password del proprio ID Apple, oppure di averla dimenticata, e ciò potrebbe impedire il ripristino del proprio dispositivo. Comunque, anche nel caso in cui avessimo dimenticato la password, o non avessimo mai avuto questi dati è, ugualmente, possibile ripristinare un iPhone / iPad senza password dell’ID Apple.

In questo articolo cercheremo di capire come ripristinare un iPhone senza password iCloud, andando a reimpostare la password del proprio ID Apple o, agendo da computer, evitando anche questo passaggio. Nel dettaglio i temi che affronteremo saranno: come ripristinare un iPhone senza password iCloud, come farlo da computer, come ripristinare un iPhone senza password iCloud da remoto, oltre a dare ulteriori informazioni in caso di dubbi o problemi.

Ripristinare un iPhone senza password iCloud

Per ripristinare un iPhone senza password iCloud, agendo direttamente da esso, per portare a termine l’operazione, la password viene sempre richiesta.

Se non la ricordiamo si può eseguire un reset:

  • selezionare l’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio), dalla home screen e/o nella Libreria di iOS,
  • fare tap sul tuo nome nella nuova schermata proposta e sulla voce Esci presente in basso,
  • si aprirà la schermata Password ID Apple da cui è possibile avviare la procedura di reimpostazione password,
  • immettere una password errata,
  • fare tap sul tasto Disattiva e ripetere nuovamente questi step per accedere all’area di recupero password.

Successivamente:

  • fare tap sul pulsante Reimposta password,
  • inserire il codice d’accesso del dispositivo (se abbiamo problemi al riguardo, selezionare l’opzione Hai dimenticato il codice d’accesso e seguire i passaggi riportati sullo schermo),
  • oppure usare una modalità di ripristino diversa,
  • impostare la nuova password da usare nei campi Password e Conferma e fare tap sul tasto Avanti.

Se viene avviata in automatico la disconnessione dall’ID Apple:

  • specificare se mantenere o meno alcuni dati dell’account configurato intervenendo sulle apposite levette,
  • toccare il pulsante Esci e poi quello Fine,
  • effettuare nuovamente il login con le credenziali aggiornate.

Adesso si può procedere con il ripristino senza password iCloud d’origine:

  • andare di nuovo nella sezione Impostazioni di iOS,
  • fare tap sulla voce Generali nella schermata mostrata,
  • sfiorare la dicitura Trasferisci o inizializza iPhone situata in basso,
  • fare tap sulla voce Inizializza contenuto e impostazioni,
  • premere sul pulsante Continua e inserire il codice di sblocco del iPhone.

Nella schermata Carico dati su iCloud:

  • decidere se attendere il caricamento dei dati (per questo passaggio, premere sulla voce Salta backup),
  • iOS potrebbe chiedere di inserire la password dell’ID Apple per disattivare Dov’è e il blocco di attivazione
  • se è così, immetterla e premere sulla voce Disattiva collocata in alto a destra,
  • sfiorare il tasto Inizializza iPhone,
  • verrà avviato il processo di ripristino del dispositivo.

Successivamente, l’iPhone si riavvierà in automatico e verrà riportato allo stato iniziale.

A reset avvenuto, si potrà configurare il telefono, scollegandolo dal computer e agendo direttamente da questo, scegliendo una delle opzioni disponibili tra:

  1. configurazione come nuovo iPhone,
  2. configurazione tramite un altro dispositivo,
  3. ripristino dei dati da un backup di iCloud.

Se, invece, abbiamo ripristinato l’iPhone per cederlo a terzi o comunque non intendiamo utilizzarlo, non ci sarà da eseguire alcuna configurazione e basterà spegnere il dispositivo.

Se, invece, volessimo ripristinare solo alcune delle impostazioni e non tutto l’iPhone, non è necessario fornire la password dell’ID Apple.

In tal caso:

  • andare nella sezione Generali delle Impostazioni di iOS,
  • fare tap sulla voce Trasferisci o inizializza iPhone,
  • sfiorare la dicitura Ripristina,
  • scegliere dal menu che compare, una delle seguenti opzioni secondo esigenza:
    1. Ripristina impostazioni,
    2. Ripristina impostazioni rete,
    3. Ripristina dizionario tastiera,
    4. Ripristina layout schermata Home,
    5. Ripristina posizione e privacy.

Ripristinare un iPhone senza password iCloud da computer

Se non vogliamo o non possiamo usare smartphone, c’è la possibilità di ripristinare un iPhone senza password iCloud da computer, usando la modalità di recupero, che consiste nel collegare il telefono al PC o al Mac con il cavo e individuarlo poi con i software Apple.

Con un PC Windows, si può procedere tramite iTunes: con Windows 10 o Windows 11, si usa l’app Dispositivi Apple che è disponibile sul Microsoft Store

Con un Mac con macOS 10.15 Catalina e successivi, si può agire mediante il Finder.

Per fare ciò:

  • collegare l’iPhone al computer mediante l’apposito cavo e avviare iTunes, Dispositivi Apple o il Finder,
  • se è la prima volta che mettiamo in comunicazione computer e iPhone, confermare il collegamento mediante il tasto Autorizza sullo schermo dei dispositivi,
  • immettere il codice di sblocco di iOS sul telefono,
  • individuare il dispositivo:
    1. su iTunes premere sull’icona del telefono che compare in alto a sinistra,
    2. su Dispositivi Apple e nel Finder cliccare sul nome dell’iPhone dalla barra laterale sempre posta a sinistra.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, si deve intervenire dallo smartphone nel seguente modo, a seconda del modello di iPhone che possediamo:

  • iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone X, iPhone SE (2a generazione) e modelli successivi: tenere premuti contemporaneamente il tasto laterale e il tasto Volume giù finché non viene visualizzato il cursore di spegnimento, dopodiché tenere premuto il tasto laterale e rilasciarlo solo quando visualizziamo l’icona del computer e del cavo.
  • iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 6s e iPhone 6: tenere premuto il tasto laterale finché non viene visualizzato il cursore di spegnimento, dopodiché tenere premuto il tasto Volume giù e rilasciarlo solo quando visualizziamo l’icona del computer e del cavo.
  • iPhone SE (1a generazione), iPhone 5s e modelli precedenti: tenere premuto il tasto superiore finché non visualizziamo il cursore di spegnimento, dopodiché tenere premuto il tasto Home e rilasciarlo solo quando visualizziamo l’icona del computer e del cavo.

Quando compare la schermata del codice, dobbiamo spegnere l’iPhone e ricominciare da capo.

Se il codice non appare, vedremo comparire una nuova finestra sullo schermo del computer, che ci informerà che è necessario aggiornare o ripristinare l’iPhone: fare clic sul tasto Ripristina per inizializzare lo smartphone.

L’iPhone verrà poi riavviato in automatico e riportato allo stato di fabbrica. Completato il processo di reset, configurare nuovamente il dispositivo o spegnerlo, procedendo come abbiamo visto nella parte finale del capitolo precedente.

Ripristinare un iPhone senza password iCloud da remoto

Se vogliamo ripristinare un iPhone senza password iCloud da remoto, perché al momento non abbiamo la possibilità di accedere al dispositivo, si può usare la funzionalità offerta dal servizio Dov’è di Apple, da qualsiasi browser.

Per compiere questa operazione:

  • andare sul sito Web di iCloud
  • fare clic sul tasto Accedi,
  • cliccare sul collegamento Hai dimenticato l’ID Apple o la password?,
  • digitare l’indirizzo email abbinato al proprio ID Apple nell’apposito campo di testo,
  • premere sul pulsante Continua,
  • se avevamo associato un numero di telefono all’account in questione, confermarlo per validare la nostra identità.

Dopo aver compiuto questi passaggi, se il nostro account è protetto dall’autenticazione a due fattori, riceveremo una notifica su uno degli altri device associati allo stesso ID Apple, che permetterà di avviare la fase di reimpostazione della password.

Se il proprio account non è protetto con l’autenticazione a due fattori, allora:

  • reimpostare la password mettendo il segno di spunta accanto alla voce la password,
  • cliccare sul pulsante Continua,
  • decidere se procedere con il ripristino della password ricevendo un’email,
  • oppure rispondendo alle domande di sicurezza,
  • cliccare sul pulsante OK e seguire i passaggi che vengono proposti in base al metodo di reimpostazione scelto.

Se stiamo agendo da un altro dispositivo Apple, su cui abbiamo configurato l’uso di Face ID o Touch ID, oppure se abbiamo impostato una passkey, si può evitare di ripristinare la password, in quanto non verrà chiesto di inserirla, ma l’autenticazione avverrà in base al metodo definito.

Per continuare:

  • collegarsi di nuovo alla home page del sito di iCloud,
  • cliccare sul tasto Accedi ed effettuare il login al tuo ID Apple fornendo i dati richiesti,
  • fare clic sull’icona Dov’è nella schermata proposta,
  • fornire nuovamente la password dell’ID Apple,
  • o eseguire l’accesso con la passkey,
  • fare clic sulla voce Tutti i dispositivi in alto e selezionare il tuo iPhone dall’elenco.

A questo punto:

  • cliccare sulla voce Inizializza dispositivo nel box dedicato all’iPhone che si è aperto,
  • premere il pulsante Avanti in risposta all’avviso che compare,
  • in maniera facoltativa, compilare il campo Aggiungi un messaggio con un messaggio che verrà mostrato su iPhone,
  • premere il tasto Inizializza per avviarne l’inizializzazione remota.

Se il dispositivo è online, l’inizializzazione da remoto comincia dopo aver finito di seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo, mentre se l’iPhone è offline la procedura avrà inizio quando sarà online.

Una volta portata a termina la procedura per ripristinare un iPhone senza password iCloud, comparirà un messaggio indicante il tempo trascorso dall’inizializzazione e un pulsante per rimuovere dall’account l’iPhone, da premere nel caso in cui il dispositivo non ci appartenesse più, o se non vogliamo usarlo in futuro per dissociarlo dall’ID Apple in uso.

In caso di dubbi o problemi

Se seguendo queste indicazioni per ripristinare un iPhone senza password iCloud, fossero sorti alcuni problemi o dubbi si può visitare la sezione del sito Internet di Apple dedicata proprio al supporto per iPhone

Ci si può anche mettere in contatto diretto con il servizio clienti di Apple per ottenere assistenza personalizzata tramite telefono, via Web, oppure di persona.

Come ricaricare Postepay online

Come ricaricare Postepay online

L’azienda italiana Postepay del gruppo Poste Italiane S.p.A., commercializza l’omonima serie di carte prepagate, lanciata a fine 2003, utilizzabile ovunque in Italia (ATM e POS dei circuiti Postamat, Visa Electron e Maestro) e all’estero (ATM e POS del circuito Visa/Visa Electron e MasterCard/Maestro/Cirrus), su Internet (nei siti che accettano carte dei circuiti Visa e MasterCard) e in tutti gli uffici postali italiani, attraverso il circuito Postamat.

Viene molto usata per quanto riguarda gli acquisti su Internet, si calcola che il 35% delle operazioni di e-commerce in Italia si eseguono con una carta Postepay e non richiede il pagamento di nessun canone annuo. Per aprirla ed attivarla non viene richiesto un conto corrente proprio, né uno d’appoggio e può essere ricaricata negli uffici postali in contanti, negli ATM Postamat di Poste Italiane, dal sito poste.it o da ricevitorie SISAL abilitate.

Quello che tratteremo in questo articolo è come ricaricare Postepay online, tramite smartphone con l’app ufficiale o tramite il servizio di home banking del proprio conto corrente bancario. Per affrontare in tutti i suoi aspetti come svolgere questa ricarica via Internet, prenderemo in considerazione il sito di Poste Italiane, l’app Postepay e l’app BancoPosta. Vedremo poi come ricaricare Postepay online da Libretto Smart, con la carta di credito, e da conto bancario. A tal proposito vedremo se è possibile anche farlo, da alcuni istituti di Credito come: UniCredit, Fineco, BPM e Sanpaolo, per poi terminare spiegando come ricaricare Postepay online con PayPal e come ricaricare Postepay online di un altro.

Come ricaricare Postepay online

Esaminiamo come ricaricare la Postepay online utilizzando i diversi metodi offerti da Poste Italiane: sito Web ufficiale delle poste, app Postepay ed app BancoPosta.

Dal sito di Poste Italiane

Partiamo dal sito ufficiale di Poste Italiane, per procedere:

  • andare nella pagina di login di Poste Italiane
  • compilare gli appositi campi di testo con le proprie credenziali e fare clic sul tasto Accedi, per entrare nel proprio account MyPoste,
  • se non avessimo ancora tale account premere sul tasto Registrati e procedere seguendo le istruzioni.

Una volta all’interno del pannello di controllo MyPoste:

  • scorrere la pagina verso il basso fino a individuare il riquadro chiamato Postepay,
  • premere il pulsante giallo Accedi (collocato all’interno del suddetto riquadro),
  • nella nuova pagina individuare il riquadro relativo alla carta Postepay che desideriamo ricaricare, se ne possono vedere le ultime quattro cifre,
  • cliccare sul pulsante Accedi,
  • autorizzare l’operazione seguendo le istruzioni su schermo,
  • selezionare un metodo di riconoscimento tra quelli proposti apponendo su segno di spunta in corrispondenza della corretta dicitura, a es. App Postepay,
  • o premere sulla voce Vuoi usare un altro metodo di autorizzazione (es. SMS su Cellulare)?,
  • fare clic sul tasto Prosegui ( verrà richiesto più volte).

In base al metodo che abbiamo deciso di utilizzare:

  • aprire la notifica dell’app e premere sul pulsante presente in essa,
  • oppure inserire il codice ricevuto tramite SMS.

Ad autenticazione avvenuta visualizzeremo la pagina relativa alla gestione della propria carta Postepay.

Per ricaricarla:

  • premere sul tasto Ricarica Postepay collocato nel lato destro della pagina,
  • nell’ulteriore schermata inserire tutti i dati necessari negli appositi campi,
  • digitare l’importo che vogliamo versare sulla carta e la causale,
  • cliccare il pulsante Prosegui e selezionare il metodo di pagamento tra quelli proposti apponendo il segno di spunta accanto ad esso,
  • una volta selezionato premere sul tasto Prosegui e, se necessario, inserirne i dati.

Fatto ciò:

  • premere sul tasto Continua,
  • oppure autorizzare direttamente l’operazione tramite l’app Postepay, recandoti nella stessa,
  • premendo sull’icona della campanella (in alto a destra),
  • individuando la notifica nella scheda Notifiche e autorizzazioni,
  • facendo tap, in ultimo, sul tasto Autorizza nella schermata di riepilogo dell’operazione.

Manca ancora da:

  • inserire il Codice PosteID nell’apposita schermata dello smartphone,
  • premere il tasto Conferma,
  • attendere di visualizzare, sempre su smartphone, la schermata relativa alla buona riuscita dell’operazione,
  • sul computer, invece, vedremo comparire di nuovo l’homepage del servizio Postepay.

Dall’app Postepay

Per ricaricare la Postepay online si può anche utilizzare l’app Postepay, la stessa che si usa per confermare la ricarica della Postepay, quando viene effettuata tramite computer come visto prima.

Si tratta dell’applicazione ufficiale di Poste Italiane per la carta Postepay, con la quale si possono effettuare varie operazioni, tra cui la ricarica.

Vediamo come usarla:

  • scaricare l’app Postepay disponibile per:
    1. Android su Play Store
    2. iOS/iPadOS su App Store 
  • fare tap sulla barra di ricerca (se usiamo Android),
  • o sulla scheda Cerca, se utilizziamo un dispositivo Apple,
  • digitarci la parola Postepay, per ricercare l’app,
  • una volta individuata, premere sul pulsante Ottieni/Installa presente in corrispondenza dell’anteprima mostrata a schermo,
  • attendere che il download e l’installazione dell’applicazione vengano avviati e completati.

A installazione terminata:

  • premere sull’icona della suddetta app che è stata aggiunta nella schermata principale del dispositivo,
  • effettuare l’accesso con i dati del proprio account MyPoste,
  • se necessario, inserire il codice PosteID e accettare i termini e le condizioni.

Per ricaricare la carta Postepay:

  • pigiare sul pulsante Ricarica Postepay presente nella schermata principale dell’app,
  • seguire la procedura guidata su schermo,
  • nella schermata che visualizziamo selezionare l’opzione Una Postepay intestata a me,
  • oppure Una Postepay intestata ad altri,
  • la carta registrata verrà automaticamente inserita per la ricarica,
  • oppure potremo selezionarne una specifica tra quelle registrate, digitando negli appositi campi l’importo e la causale,
  • una volta fatto premere sul tasto Prosegui, per portare avanti l’operazione.

A questo punto:

  • scegliere lo strumento di pagamento per effettuare la ricarica tra quelli disponibili,
  • oppure fare tap sul tasto Aggiungi strumento di pagamento per inserirne uno nuovo,
  • nella schermata apertasi controllare che tutti i dati siano corretti e fare tap sui pulsanti Prosegui e Paga ora, per effettuare la ricarica,
  • non appena l’operazione sarà conclusa vedremo comparire un messaggio di conferma del buon esito della procedura.

Dall’app BancoPosta

Se possediamo un conto BancoPosta, per ricaricare online la nostra carta Postepay, si può anche utilizzare la sua applicazione ufficiale.

Per ricaricare la Postepay online tramite l’applicazione ufficiale BancoPosta:

  • scaricare la suddetta app sul dispositivo Android tramite il Play Store
  • o sul device iOS/iPadOS mediante l’App Store, seguendo le stesse indicazioni viste nel paragrafo precedente,
  • aprire l’applicazione toccando la sua icona e accedere con il proprio account di Poste Italiane,
  • digitare i propri dati di login con nome utente e password e accettare i termini di servizio, (se è la prima volta che la utilizziamo è possibile che dobbiamo procedere con l’attivazione dell’app).

Fatto ciò avremo accesso alla schermata Home, dove controllare le informazioni sul proprio conto BancoPosta, tra cui:

  • il saldo del conto,
  • le informazioni sui Libretti Postali e i Buoni Fruttiferi Postali,
  • il saldo della Postepay.

Per ricaricare la Postepay, tramite l’applicazione BancoPosta:

  • alla voce Operazioni veloci fare tap sul riquadro Ricarica Postepay,
  • selezionare il metodo di pagamento, scegliendo se pagare tramite:
    1. il conto BancoPosta,
    2. un’altra Postepay,
    3. il Libretto Smart.

Una volta impostato il metodo di pagamento, l’app chiederà di compilare il modulo di ricarica Postepay in cui inserire tutti i dati come:

  1. il numero di carta da ricaricare,
  2. l’importo e nominativo della persona a cui è intestata la carta.

Seguendo queste procedure, ricaricheremo la nostra carta Postepay dallo smartphone, in pochissimo tempo.

Come ricaricare Postepay online da Libretto Smart

Vediamo ora come fare per ricaricare Postepay sfruttando i soldi presenti nel Libretto Smart. Il metodo più comodo è quello di usare l’app BancoPosta, da cui si ha accesso a tutte le funzioni relative ai propri servizi postali.

Per procedere dobbiamo seguire le stesse procedure illustrate in precedenza, in merito al download dell’app BancoPosta sul dispositivo mobile e al login, utilizzando l’account MyPoste.

Una volta avviata la procedura di ricarica, nella prima schermata che vediamo aprirsi:

  • premere sull’icona della matita in corrispondenza della voce Paga con,
  • nell’ulteriore schermata fare tap sull’opzione Libretto Smart, per selezionare questo specifico metodo di pagamento,
  • portare a termine la procedura seguendo le stesse istruzioni viste nel paragrafo dedicato all’app BancoPosta.

Come ricaricare Postepay online con carta di credito

Passiamo ora alla ricarica Postepay online tramite una carta di credito di un ente differente da Poste Italiane.

A tale proposito possiamo seguire gli stessi suggerimenti riguardanti:

  1. la procedura di ricarica dal sito Web di Poste Italiane,
  2. l’app Postepay.

Tramite l’app BancoPosta si possono selezionare solo metodi di pagamento relativi ai servizi di Poste Italiane.

Quando viene richiesto il metodo per ricaricare la carta Postepay:

  • apporre il segno di spunta in corrispondenza della voce Altra carta Mastercard o Visa (tramite sito Web),
  • oppure, tramite l’app Postepay,
  • fare tap sul pulsante Aggiungi strumento di pagamento,
  • premere sul tasto Prosegui per due volte consecutive,
  • inserire nella nuova schermata i dati richiesti (indirizzo, email ecc.).

Fatto ciò, si aprirà in automatico una nuova finestra del browser dove potremo selezionare il tipo di circuito della carta Visa o Mastercard/Maestro e inserirne successivamente i dati (Nome e Cognome Titolare Carta, Numero Carta, ecc.).

Una volta fatto premere sul tasto Continua e portare a termine la procedura su schermo, confermando.

Come ricaricare Postepay da conto bancario

Se preferiamo usare un conto corrente bancario, utilizzando il servizio di home banking della propria banca, vediamo come fare per alcuni istituti bancari.

Come ricaricare Postepay online da UniCredit

Tramite UniCredit si possono ricaricare solo le carte prepagate emesse dalla banca, servendosi dell’app Mobile Banking UniCredit, per dispositivi: Android e iOS 

Non è quindi possibile effettuare ricariche sulle carte Postepay.

Se possediamo una Postepay Evolution, però, si può fare un bonifico SEPA indirizzato al codice IBAN della carta.

Come ricaricare Postepay online da conto bancario Fineco

Anche per quanto riguarda Fineco, le operazioni di ricarica relative alle prepagate sono rivolte solo alle carte rilasciate dalla banca stessa. È comunque possibile, se disponiamo di una Postepay Evolution, ricaricare la suddetta carta mediante un bonifico SEPA, come descritto in precedenza.

Come ricaricare Postepay online da conto bancario BPM

BPM, invece, offre il servizio di ricarica di carte prepagate di altri enti come, in questo caso, quelli di Poste Italiane.

Per procedere:

  • andare sul sito ufficiale di Banco BPM
  • fare clic sul tasto Aree Riservate in altro a destra,
  • premere sul pulsante Accedi in corrispondenza della voce YouWeb,
  • nella nuova pagina apertasi inserire le credenziali che utilizziamo per accedere,
  • cliccare sulle voci Carte > Carte prepagate,
  • attendere di visualizzare la nuova pagina del browser relativa all’inserimento dei dati,
  • compilare tutti i campi richiesti relativi ai dati della carta e all’importo da caricare su di essa,
  • confermare l’operazione e attenderne l’esito positivo.

Come ricaricare Postepay online da conto bancario Sanpaolo

Anche per quanto riguarda Intesa Sanpaolo, come nel caso di UniCredit e Fineco, le ricariche a favore delle prepagate si riferiscono solo alle carte rilasciate da tale istituto bancario.

L’unico modo per ricaricare la Postepay utilizzando questo metodo è servirsi del bonifico SEPA, ma solo nel caso di una Postepay Evolution dotata di codice IBAN.

Come ricaricare Postepay online con PayPal

Solo alcune banche, quindi, consentono di ricaricare la propria Postepay (soprattutto se Standard) tramite i servizi di home banking.

Tuttavia esiste una soluzione usando il servizio PayPal, associandovi il proprio conto corrente, trasferendoci il denaro tramite un bonifico SEPA e poi procedere con la ricarica della Postepay.

Per effettuare la ricarica sulla carta Postepay tramite PayPal:

  • recarsi alla pagina Web ufficiale di PayPal
  • cliccare sul pulsante Accedi posto in alto a destra e digitare i dati di login dell’account per effettuare l’accesso,
  • premere sul pulsante di colore blu con sopra scritto Accedi,
  • selezionare uno dei metodi proposti per la verifica dell’identità (ricezione di un SMS sul numero di telefono certificato o chiamata).

Dalla schermata del proprio account PayPal:

  • fare clic sulla voce Wallet presente nella parte alta della pagina,
  • cliccare su Trasferisci denaro, a destra sotto al totale del denaro disponibile sul proprio account PayPal,
  • premere sulla voce Trasferisci sul conto bancario,
  • spuntare accanto alla propria Postepay,
  • premere sul pulsante Avanti,
  • nella schermata Importo del trasferimento, inserire l’importo della ricarica,
  • attendere che il denaro venga trasferito dal proprio conto PayPal alla carta Postepay.

Come ricaricare Postepay online di un altro

Tutte le procedure viste finora consentono di ricaricare una Postepay intestata a proprio nome, oppure la Postepay di un’altra persona.

Quando richiesto dovremo solo selezionare l’opzione relativa alla Postepay di un’altra persona, inserirne i dati e scegliere un metodo di pagamento tra quelli disponibili.

Ad esempio:

  • sul sito Web, selezionare la voce Altra carta sotto alla dicitura Carta Postepay da ricaricare,
  • su app Postepay fare tap direttamente sulla voce Una Postepay intestata ad altri a inizio procedura,
  • su app BancoPosta il modulo relativo alla ricarica consente di inserire direttamente il numero della carta e l’intestatario, senza impostarne automaticamente una.

 

Come trovare il numero di telefono di qualcuno su Telegram

Come trovare il numero di telefono di qualcuno su Telegram

Come qualsiasi altra app di messaggistica, Telegram ti consente di incontrare e rimanere in contatto con altre persone. Quindi, se sei passato di recente a un nuovo dispositivo o hai perso i dati sul tuo dispositivo attuale, puoi trovare il numero di telefono di qualcuno su Telegram per assicurarti di non essere improvvisamente disconnesso dai tuoi amici e familiari.

Per creare un account Telegram, un utente deve avere un numero di cellulare. Questo può essere utile per trovare il numero di telefono di qualcuno su Telegram. Ma puoi farlo comunque se l’altro utente ha nascosto le proprie informazioni di contatto su Telegram? Scopriamolo.

1. UTILIZZANDO LA LORO PAGINA DEL PROFILO

Se sei già in contatto con l’utente tramite Telegram o se è disponibile nel tuo Telegram, puoi utilizzarlo per visualizzare i dettagli del suo profilo. Questo ti aiuterà a vedere facilmente il numero di telefono dell’utente. Segui i passaggi seguenti per farlo.

Nota : l’accesso al numero di telefono dipende dalle impostazioni sulla privacy dell’utente. Se il loro numero di telefono è disponibile pubblicamente, puoi visualizzarlo.

  • Passaggio 1: apri Telegram e tocca l’utente pertinente dalla finestra della chat.
  • Passaggio 2: qui, tocca il nome del contatto.
  • Passaggio 3: ora, in Informazioni, controlla il loro numero di telefono.

Tuttavia, se l’utente non è disponibile sulla tua app Telegram, continua invece con il metodo indicato di seguito.

2. UTILIZZO DI UN GRUPPO TELEGRAM COMUNE

Se tu e l’altro utente siete amici da molto tempo o condividete alcuni hobby, contatti, ecc. comuni, ci sono buone probabilità che entrambi vi siate uniti ad almeno un gruppo comune su Telegram . Se è così, puoi ottenere il numero di telefono da quel gruppo Telegram.

Tuttavia, tieni presente che puoi utilizzare questa opzione solo se il gruppo ha reso visibili le informazioni sui membri. Quindi, devi inviare all’utente un messaggio richiedendo il suo numero di telefono, poiché le informazioni del gruppo di solito mostrano il suo nome utente, non il suo numero di telefono. Ecco come farlo.

  • Passaggio 1: apri Telegram e tocca il gruppo pertinente.
  • Passaggio 2: ora tocca il nome del gruppo per visualizzare le informazioni sui membri.
  • Passaggio 3: esamina i membri del gruppo e tocca quello pertinente.
  • Passaggio 4: qui, tocca l’icona Chat.

Verrà aperta la finestra del messaggio per l’utente selezionato. Qui puoi presentarti e chiedere il loro numero di telefono.

3. RICERCA DEL LORO NOME UTENTE

Puoi trovare il numero di telefono del tuo amico tramite l’ID Telegram o il nome utente. Questo è unico per ogni utente e può aiutare a trovare il suo profilo Telegram. Tieni presente che i risultati di ricerca potrebbero includere gruppi Telegram contenenti le stesse lettere della tua query di ricerca, quindi ignorali quando trovi il profilo Telegram del tuo amico. Ecco come farlo.

Nota: l’ID di Telegram è diverso dall’ID utente di Telegram. Un ID utente di Telegram è una combinazione numerica univoca per ogni utente di Telegram e non può essere utilizzata per trovare qualcuno su Telegram.

  • Passaggio 1: apri l’app Telegram per Android e tocca l’icona della lente di ingrandimento nell’angolo in alto a destra. Quindi, tocca la barra di ricerca. Sull’app Telegram per iOS, tocca Contatti nell’angolo in basso a sinistra. Tocca la barra di ricerca.
  • Passaggio 2: digita il nome utente pertinente e consulta i risultati della ricerca.
  • Passaggio 3: se l’utente non è visibile, vai su Ricerca globale e tocca Mostra altro. Questo mostrerà i risultati dei nomi utente da tutto il mondo.
  • Passaggio 4: una volta visibile, tocca il nome utente pertinente.

Questo aprirà la finestra della chat. Poiché Telegram non ti mostra i dettagli di contatto se non sei nella sua lista dei contatti, puoi invece inviare al tuo amico un messaggio spiegando la situazione. Quindi, attendi che ti aggiungano ai loro contatti. Una volta terminato, dovresti vedere il loro numero di telefono tramite le impostazioni del profilo.

4. CHIEDERE A QUALCUN ALTRO

Se tu e il tuo amico avete contatti in comune, chiedi loro di inviarti il ​​numero di telefono del tuo amico. Possono condividere la scheda del contatto in Telegram o tramite qualsiasi altra app di messaggistica. Questa può essere l’ultima risorsa, soprattutto se non riesci a trovare il numero di telefono tramite l’ID Telegram o se hanno reso private le informazioni di contatto.

COME NASCONDERE LE INFORMAZIONI DI CONTATTO SU TELEGRAM

Proprio come puoi utilizzare i metodi sopra indicati per visualizzare il numero di telefono di qualcuno in Telegram, altri possono fare lo stesso per te. Se non sei un fan e desideri mantenere privato il tuo numero, segui i passaggi seguenti per nascondere le tue informazioni di contatto su Telegram.

  • Passaggio 1: sull’app Telegram per Android, tocca l’icona del menu hamburger nell’angolo in alto a sinistra. Quindi, tocca Impostazioni. Se stai utilizzando l’app iOS di Telegram, tocca Impostazioni nell’angolo in basso a destra per aprire il menu Impostazioni.
  • Passaggio 2: qui, tocca Privacy e sicurezza.
  • Passaggio 3: scorri verso il basso e tocca Numero di telefono.
  • Passaggio 4: per la domanda “Chi può vedere il mio numero di telefono?” opzione, seleziona Nessuno.
  • Passaggio 5: una volta visualizzato il messaggio “Chi può trovarmi tramite il mio numero?” diventa disponibile, selezionare I miei contatti.
  • Passaggio 6: quindi tocca Fine.

Ciò salverà le tue preferenze e nasconderà il tuo numero di telefono su Telegram . Tuttavia, le persone presenti nel tuo elenco di contatti potrebbero comunque riuscire a trovarti.

Accedere a Facebook senza password

Accedere a Facebook senza password

In un’era digitale dove la sicurezza online è più critica che mai, Facebook si impegna costantemente nell’esplorare nuove frontiere per garantire la protezione dei suoi utenti. Con il crescente allarme sui furti di identità digitali, giganti tecnologici quali Meta, Apple e Google sono alla ricerca di alternative più robuste alle tradizionali password. Le passkey emergono come una di queste soluzioni innovative, promettendo di ridisegnare il futuro dell’autenticazione online.

Introduzione alla Funzione di Accesso Senza Password di Facebook

Mentre attendiamo che le passkey diventino il nuovo standard, Facebook ha introdotto un metodo alternativo per accedere ai profili utente, mirando a eliminare la necessità di inserire ripetutamente nome utente e password. Questa novità non solo facilita l’accesso ma si estende anche all’utilizzo delle credenziali Facebook per altri servizi web e social network appartenenti al gruppo Meta, come Instagram.

Se la memoria delle password non è il tuo forte, questa innovazione di Facebook potrebbe rappresentare la soluzione ideale, semplificando notevolmente l’esperienza utente.

Valutiamo la Sicurezza dell’Accesso Senza Password

Prima di approfondire il “come”, è cruciale comprendere il “se” – è sicuro accedere a Facebook senza utilizzare una password? Questa modalità, sebbene comoda, richiede una consapevolezza dei potenziali rischi per la sicurezza, al fine di minimizzarli efficacemente. Un dispositivo smarrito o rubato potrebbe, ad esempio, esporre il tuo profilo Facebook. Consigliamo dunque di limitare l’uso dell’accesso senza password ai dispositivi personali o quelli costantemente al tuo fianco, proteggendo gli altri con una password di blocco schermo.

Procedura di Attivazione dell’Accesso Senza Password

Su Dispositivi Mobili:

  1. Disinstalla e reinstalla l’app Facebook dal tuo store di riferimento.
  2. Al primo accesso, inserisci email o numero di telefono e password.
  3. Dopo il login, seleziona “OK” alla notifica “Salva le tue informazioni di accesso” per abilitare l’accesso senza password.

Su PC:

  1. Dalla homepage di Facebook, seleziona “Esci” dal menu a discesa in alto a destra.
  2. Riaccedi inserendo i tuoi dati e, dopo l’accesso, premi “OK” al messaggio “Memorizza password”.

Reimpostare l’Accesso Con Password

Cambiare idea è semplice: nella schermata di accesso, clicca sulla “x” rossa accanto alla tua foto profilo per rimuovere il profilo dall’accesso rapido e tornare all’utilizzo delle credenziali tradizionali.

Recupero Password Facebook

Se necessiti di recuperare la tua password per attivare l’accesso rapido:

  1. Dalla pagina di accesso, seleziona “Password dimenticata?”.
  2. Segui le istruzioni per identificare il tuo profilo e ricevere il codice di recupero via email o SMS.
  3. Inserisci il nuovo codice, imposta una nuova password e riaccedi al tuo account.

In conclusione, l’innovativo sistema di accesso senza password introdotto da Facebook semplifica notevolmente l’esperienza utente, mantenendo al contempo un occhio di riguardo sulla sicurezza. Tuttavia, è fondamentale adottare questa comodità con cautela, proteggendo i dispositivi e mantenendo la consapevolezza dei rischi associati. Con queste precauzioni, l’accesso senza password si prospetta come un’avanzata soluzione per la navigazione quotidiana nel vasto mondo di Facebook.

Ritiro del Pacco Vinted: Una Guida Passo Dopo Passo

Ritiro del Pacco Vinted: Una Guida Passo Dopo Passo

In un mondo sempre più interconnesso, dove lo shopping online diventa un’abitudine quotidiana per milioni di persone, piattaforme come Vinted si sono affermate come luoghi privilegiati per scoprire e acquistare articoli unici di seconda mano, dalla moda agli accessori. Se hai recentemente compiuto un acquisto su Vinted, potresti trovarti nella situazione di attendere con entusiasmo l’arrivo del tuo pacco. Ma come si procede per ritirare un pacco Vinted? In questo articolo, ti guideremo attraverso i passaggi chiave per assicurarti che il processo di ritiro sia fluido e privo di stress.

Ritiro del Pacco Vinted: Una Guida Passo Dopo Passo

1. Scegliere il Punto di Ritiro Al momento dell’acquisto su Vinted, hai la possibilità di selezionare un punto di ritiro convenzionato per la consegna del tuo pacco. Questa opzione, non solo è comoda ma spesso rappresenta anche una soluzione più ecologica rispetto alla consegna a domicilio. Vinted collabora con diverse società di spedizione, tra cui UPS, Poste Italiane, InPost, BRT, GLS e Alfred24, offrendo una vasta rete di punti di ritiro accessibili.

2. Attesa della Notifica di Arrivo Una volta che il pacco raggiunge il punto di ritiro prescelto, riceverai una notifica da Vinted. Questo è il segnale che il tuo acquisto è pronto per essere ritirato. È importante, in questa fase, prestare attenzione a eventuali codici QR, PIN o OTP (One Time Password) forniti dalla società di spedizione, che potrebbero essere necessari per ritirare il pacco.

3. Prepararsi per il Ritiro Prima di dirigerti al punto di ritiro, assicurati di avere con te un documento d’identità valido. Questo è fondamentale per confermare la tua identità e garantire che il pacco venga consegnato alla persona corretta. Inoltre, se hai ricevuto un codice QR, PIN o OTP, assicurati di averlo a portata di mano.

4. Ritiro presso Punto di Ritiro Standard o Locker Il processo di ritiro può variare leggermente a seconda della società di spedizione e del tipo di punto di ritiro. Se il tuo pacco è in un punto di ritiro standard, come un negozio o un ufficio postale, la procedura sarà diretta: presentati, mostra il tuo documento e il codice di ritiro se richiesto, e ritira il pacco. Per i pacchi lasciati in un locker, seguirai le istruzioni fornite via SMS o email per aprire l’armadietto designato.

5. Cosa Fare in Caso di Problemi Se per qualsiasi motivo non disponi del codice di ritiro o incontri difficoltà nel processo, non esitare a contattare l’assistenza clienti di Vinted o della società di spedizione. In molti casi, la presentazione di un documento d’identità valido può essere sufficiente per risolvere la situazione.

Consigli per una Buona Esperienza di Ritiro

  • Mantieni Aggiornati i Tuoi Contatti: Assicurati che il tuo numero di telefono e il tuo indirizzo email su Vinted siano aggiornati, per non perdere le notifiche importanti.
  • Leggi le Istruzioni di Spedizione: Ogni società di spedizione ha le sue peculiarità. Leggere attentamente le istruzioni ricevute può evitare incomprensioni al momento del ritiro.
  • Pianifica in Anticipo: Se possibile, scegli un punto di ritiro che sai essere comodo per te da raggiungere, considerando orari di apertura e ubicazione.
  • Verifica lo Stato della Spedizione: Utilizza il numero di tracciamento fornito per tenere sotto controllo lo stato della tua spedizione.

Conclusione

Ritirare un pacco Vinted è un processo generalmente semplice e intuitivo, progettato per offrire comodità e flessibilità agli utenti della piattaforma. Seguendo i passaggi descritti in questo articolo e tenendo a mente i consigli forniti, sarai in grado di goderti i tuoi acquisti con il minimo sforzo. Ricorda, in caso di dubbi o problemi, l’assistenza clienti di Vinted è sempre a disposizione per aiutarti.

Migliori Assicurazioni Moto Online

Migliori Assicurazioni Moto Online

Sei sul punto di abbracciare l’adrenalina che solo una moto sa offrire o forse stai valutando di ridurre i costi assicurativi del tuo due ruote? Non importa la ragione che ti spinge a cercare un’assicurazione online per la tua moto, sei atterrato nel luogo giusto. In quest’articolo, ti guideremo attraverso il panorama delle migliori assicurazioni moto disponibili online, dimostrandoti che stipulare una polizza digitale è più semplice di quanto immagini.

Dalla selezione della compagnia assicurativa più adatta alle tue esigenze alla personalizzazione della tua polizza, ti forniremo tutte le informazioni necessarie per fare una scelta informata. Preparati a scoprire come poter navigare agevolmente tra le opzioni disponibili e assicurarti la miglior protezione per la tua moto con pochi clic.

Esploriamo le Migliori Assicurazioni Moto Online

Prima Assicurazioni: Tariffe Competitive e Facilità di Utilizzo

Prima Assicurazioni emerge come una scelta privilegiata per chi cerca una soluzione assicurativa conveniente e flessibile. Specializzata in polizze per auto, moto, furgoni e abitazioni, questa compagnia si distingue per le sue tariffe competitive e per un processo di preventivo online diretto e intuitivo.

Per avviare la tua richiesta di preventivo con Prima Assicurazioni, visita il loro sito, seleziona l’opzione moto e procedi con l’inserimento dei dati richiesti. Il sito offre la comodità di auto-compilare i dettagli del veicolo attraverso la targa, semplificando ulteriormente il processo. Dopo aver inserito tutte le informazioni necessarie, potrai visualizzare un preventivo personalizzato e decidere se aggiungere coperture aggiuntive, come assistenza stradale o tutela legale.

ConTe.it: Personalizzazione e Assistenza Garantite

ConTe.it si posiziona come un altro attore di spicco nel settore delle assicurazioni moto online. La piattaforma offre la possibilità di ottenere rapidamente un preventivo gratuito e di personalizzare la polizza in base alle proprie esigenze specifiche.

Dopo aver inserito i dati del veicolo e del proprietario, ConTe.it ti permetterà di definire il profilo del conducente principale e di aggiungere eventuali altri guidatori. Successivamente, potrai rispondere a domande sulla tua storia assicurativa e selezionare il metodo di pagamento preferito. Il preventivo finale rifletterà tutte le tue scelte, garantendoti una polizza su misura.

Altre Opzioni Assicurative da Considerare

  • Linear: Parte del gruppo Unipol, offre polizze personalizzabili con diverse garanzie aggiuntive.
  • Sara Assicurazioni: Permette di ottenere facilmente preventivi online e di personalizzare ampiamente la propria polizza.
  • Allianz Direct: Nota per la sua affidabilità, offre assicurazioni moto con la possibilità di sospensione gratuita del servizio.

Trova la Miglior Offerta con un Confronto Online

Per chi cerca di valutare diverse opzioni in modo efficace, piattaforme come SOStariffe rappresentano uno strumento indispensabile. Questi siti consentono di confrontare le offerte di diverse compagnie in base ai dati inseriti, fornendo una panoramica chiara delle polizze più vantaggiose per le tue esigenze specifiche.

Inserendo informazioni come marca, modello e situazione assicurativa della moto, potrai ricevere una serie di preventivi personalizzati. Questo approccio ti permette di ponderare le varie offerte, considerando eventuali garanzie aggiuntive come incendio, furto o infortunio del conducente, per scegliere infine la polizza più adeguata.

Conclusione

La ricerca della migliore assicurazione moto online non deve essere un’odissea. Grazie alle moderne piattaforme digitali, oggi è possibile trovare soluzioni assicurative che coniugano convenienza, flessibilità e copertura adeguata alle proprie necessità. Che tu stia per acquistare la tua prima moto o cerchi un’alternativa più vantaggiosa alla tua attuale polizza, ricorda che la chiave sta nel confrontare diverse offerte e personalizzare la tua assicurazione in base alle tue esigenze uniche.

Non dimenticare l’importanza di leggere attentamente i dettagli del contratto prima di sottoscrivere, ponendo particolare attenzione alle clausole di esclusione e alle condizioni di rinnovo. In questo modo, potrai goderti la libertà della strada sapendo che la tua moto è protetta in modo ottimale.