Gli 8 computer più potenti del mondo

da | Computer

Siamo abituati a vedere computer potenti nella fantascienza in grado di elaborare enormi quantità di dati in pochi secondi, macchine così avanzate da far sembrare i personal computer moderni come giocattoli in confronto.

Ma sconosciuti a molti, i supercomputer di oggi sono già così potenti da offuscare il confine tra fantascienza e realtà quasi ogni anno. In questo elenco, diamo un’occhiata agli otto supercomputer più potenti del mondo.

Pubblicità
Pubblicità

Gli 8 computer più potenti del mondo

Frontier

Frontier è stata realizzata nel 2022 dalla multinazionale americana di tecnologia dell’informazione Hewlett Packard Enterprise in collaborazione con la sua controllata Cray. È il primo supercomputer exascale al mondo, il che significa che può calcolare almeno un quintilione (10^18) di calcoli al secondo.

Frontier ha un totale di 8.730.112 core e ottiene 1,1 EFLOPS (o exaflop) nei test di benchmark Linpack. Si basa sulla più recente architettura HPE Cray EX235a e utilizza una combinazione di CPU AMD 7A53s a 64 core a 2GHz di terza generazione e GPU MI250X.

Frontier è anche il supercomputer più efficiente al mondo, con un’efficienza energetica di 52,23 gigaflops/watt. Ciascuno dei suoi 74 armadi per computer pesa circa 8.000 libbre (~ 3,63 tonnellate) e l’intero sistema costa ben 600 milioni di dollari in totale.

Pubblicità
Pubblicità

Fugaku

Fugaku è stato costruito nel 2020 dal gigante IT giapponese Fujitsu come successore del vecchio computer K dell’azienda costruito nel 2011. È stato progettato per risolvere i più grandi problemi del mondo , in particolare rallentando il cambiamento climatico.

Fugaku era il supercomputer più veloce del mondo prima che Frontier lo detronizzasse nel maggio 2022. Ha un totale di 7.630.848 core e registra ben 442 PFLOPS (o petaflop), il che significa che può eseguire 442 quadrilioni di calcoli al secondo.

Funziona con il processore Fujitsu A64FX a 48 core da 2,2 GHz e ha un’efficienza energetica di soli 14,78 gigaflops/watt, il che lo rende piuttosto inefficiente per gli standard odierni. Il sistema è costato più di 1 miliardo di dollari e ciascuno dei suoi armadi pesa 1,6 tonnellate, per un totale di circa 700 tonnellate.

Pubblicità

LUMI

LUMI (Large Unified Modern Infrastructure) è stato costruito nel 2022 da HPE e si trova in Finlandia, il che lo rende il supercomputer più veloce d’Europa. LUMI ha un totale di 1.110.144 core e ha una velocità di clock di 151,9 PFLOPS.

Pubblicità

LUMI funziona con lo stesso processore di Frontier e ha un’efficienza energetica di 51,63 gigaflops/watt, il che lo rende il secondo supercomputer più efficiente al mondo.

Pubblicità

Summit di IBM

Summit è stato creato nel 2018 da IBM per condurre ricerche scientifiche. Si trova presso l’Oak Ridge National Laboratory negli Stati Uniti, cioè lo stesso sito di Frontier. Summit ha un totale di 2.414.592 core e ha un punteggio di 148,6 PFLOPS.

Summit funziona con le CPU IBM POWER9 a 22 core da 3,07 GHz e le GPU Nvidia Tesla V100 e ha un’efficienza energetica di 14,72 gigaflops/watt, simile a Fugaku.

Sierra

Sierra è stata costruita nel 2018 ed è molto simile a Summit poiché entrambi i supercomputer utilizzano la stessa architettura CPU IBM POWER9 a 22 core e GPU Nvidia Tesla V100. Tuttavia, mentre Summit è stato creato per la ricerca scientifica, Sierra è stato creato per eseguire simulazioni per testare e mantenere le armi nucleari degli Stati Uniti.

Pubblicità

Eseguendo simulazioni di armi nucleari, la National Nuclear Security Administration (NNSA) degli Stati Uniti può verificare l’efficacia delle sue armi nucleari senza test fisici, il che aiuta a risparmiare sui costi. Sierra ha un totale di 1.572.480 core e ha un punteggio di 94,64 PFLOPS e ha un’efficienza energetica di 12,72 gigaflops/watt.

Pubblicità

Sunway TaihuLight

Sesto della lista, troviamo il nostro primo supercomputer cinese, Sunway TaihuLight. È stato costruito nel 2016 per vari scopi come previsioni meteorologiche, ricerca farmaceutica, ricerca nelle scienze della vita e altro ancora.

Sunway TaihuLight ha un totale di 10.649.600 core CPU e ha un punteggio di 93,01 PFLOPS. Funziona con il processore Sunway SW26010 a 260 core da 1,45 GHz e ha un’efficienza energetica di soli 6,05 gigaflops/watt, il che lo rende il supercomputer più inefficiente di questo elenco.

Pubblicità

Perlmutter

Costruito nel 2021 da HPE, Perlmutter è il settimo supercomputer più potente al mondo, dal nome del premio Nobel Saul Perlmutter. Proprio come Sunway TaihuLight, è stato realizzato per vari scopi, tra cui simulazioni di fusione nucleare, proiezioni climatiche, ricerca materiale e biologica e cosmologia computazionale.

Attualmente si trova presso il National Energy Research Scientific Computing Center (NERSC) ed è utilizzato dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. Perlmutter utilizza CPU AMD 7763 a 64 core da 2,45 GHz e GPU Nvidia A100 e ha un totale di 761.856 core e ha una velocità di clock di 70,87 PFLOPS e ha un’efficienza energetica di 27,37 gigaflops/watt.

Selene

Selene è stata costruita nel 2020 da Nvidia e prende il nome dalla dea greca della luna. Il suo scopo più importante è stato realizzato nel 2020 quando il laboratorio nazionale di ricerca Argonne National Laboratory con sede in Illinois lo ha utilizzato per studiare il coronavirus e una potenziale cura. Selene viene anche utilizzato per addestrare il modello di elaborazione del linguaggio naturale di Google BERT.

Pubblicità
Pubblicità

Selene ha un totale di 555.520 core e ottiene 63,46 PFLOPS nei benchmark. È basato sull’architettura di riferimento NVIDIA DGX SuperPOD e funziona su processori AMD 7742 a 64 core da 2,25 GHz. Ha un’efficienza energetica di 24 gigaflops/watt.

Condividi su:

Seguici su Facebook

Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook per rimanere sempre informato sui nostri ultimi articoli pubblicati.

Seguici su Telegram

Ricevi su Telegram aggiornamenti sui nostri nuovi articoli sul mondo della tecnologia.

Sai davvero tutto su Whatsapp?

Leggi ora guide e trucchi su come usare al meglio WhatsApp

Pubblicità