Cosa significano CC e BCC in un’e-mail?

da | Siti web e servizi online

Quando scrivi un’e-mail, ci sono molti acronimi da tenere d’occhio. Due dei più comuni, tuttavia, sono CC e BCC. In quasi tutti i servizi di posta puoi trovare questi due acronimi nella parte superiore di ogni email che invii, ma cosa significano esattamente?

Cosa significa CC?

CC sta per Carbon Copy. Questo acronimo è un residuo di quando le persone inviavano più frequentemente posta fisica.

Quando qualcuno voleva inviare più copie della stessa lettera a più di una persona, aggiungeva carta carbone tra una pila di lettere per copiare ciò che aveva scritto sui pezzi di carta sottostanti.

Questo processo era noto come copiatura carbone, poiché la carta carbone copiava ciò che era scritto sui fogli sottostanti.

Allo stesso modo, la copia carbone in un contesto moderno significa inviare un’e-mail a più persone. È essenzialmente come aggiungere più destinatari quando si invia un’e-mail. Tutto ciò che fa è assicurarsi di fornire una copia di un’e-mail che hai inviato a più di una persona.

I destinatari potranno vedere che hai inviato l’e-mail a più persone e gli indirizzi e-mail degli altri destinatari.

Cosa significa BCC?

BCC sta per Blind Carbon Copy. Proprio come CC, BCC funziona per inviare una copia di qualsiasi cosa tu stia inviando a un altro destinatario.

Ma in cosa differisce BCC da CC? La differenza tra CC e BCC è che qualsiasi destinatario inserito nel campo CCN riceverà la sua copia dell’e-mail senza che il destinatario originale lo sappia.

Questo per dire che il destinatario originale è cieco al fatto che una copia viene inviata. Per quanto ne sanno, sono l’unica persona che riceve l’e-mail.

Quando dovresti usare CC e BCC?

Anche quando conosci la differenza tra CC e BCC, può essere un po’ difficile sapere quando utilizzare ciascuno di questi strumenti.

Per CC, ci sono diversi modi in cui puoi usarlo. Se stai tentando di inviare un’e-mail a più persone, ad esempio, CC sarebbe un campo appropriato da utilizzare, anche se vale la pena notare che puoi semplicemente inserire più destinatari nel campo A anche per questo scopo.

Per le applicazioni aziendali, è spesso comune inviare una copia delle e-mail a terzi per verificare la corrispondenza. In questo caso, CC è perfetto perché significa che la terza parte sta semplicemente ricevendo una copia dell’e-mail. Questa è una piccola distinzione, tuttavia.

Un altro modo per utilizzare CC è aggiungere un po’ di peso alla tua email. Se hai problemi legali, ad esempio, puoi mettere in copia il tuo avvocato in modo che l’altra parte sappia che ciò che sta dicendo potrebbe avere potenziali conseguenze legali.

Con BCC, può essere un po’ più difficile sapere quando usarlo. Il primo e principale caso d’uso è quando non vuoi che qualcuno sappia che stai inviando un’e-mail a più destinatari.

Nello stesso esempio legale, potresti voler far sapere al tuo avvocato della tua corrispondenza senza avvisare la persona a cui stai inviando un’e-mail di questo fatto.

In alternativa, potresti voler utilizzare BCC per inviare e-mail a un gran numero di persone senza che sappiano che la loro e-mail non è univoca. Poiché BCC non rivelerà che stai inviando l’e-mail a più persone, questo è un caso d’uso ideale.

Se sei il tipo di persona che sa come creare un gruppo di posta elettronica e una lista di distribuzione in Outlook , ad esempio, questo può essere molto utile.

Condividi su:

Seguici su Facebook

Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook per rimanere sempre informato sui nostri ultimi articoli pubblicati.

Seguici su Telegram

Ricevi su Telegram aggiornamenti sui nostri nuovi articoli sul mondo della tecnologia.

Sai davvero tutto su Whatsapp?

Leggi ora guide e trucchi su come usare al meglio WhatsApp

Cerca sul sito:

Pubblicità