Come usare Lightroom

da | Computer

Adobe Photoshop Lightroom è un software per gestire e modificare le foto scattate con la macchina fotografica digitale ed avere immagini nitide, ad alto rapporto di pixel, con una resa cromatica perfetta. Valorizzando, in questa maniera, ancor di più il lavoro dei reflex digitali con la loro vasta gamma di obiettivi compatibili e di accessori.

Se quindi siamo appassionati di foto e fotografia digitale Lightroom è una delle migliori soluzioni, in quanto supporta i file RAW di tutti i principali tipi di fotocamere in commercio. In questo articolo spiegheremo come usare Lightroom, anche nella versione per dispositivi mobili. Dopo questa descrizione sarà più facile e immediato ottenere immagini perfette, sviluppare un editing, modificando, tra le altre cose, la luminosità ed contrasto delle immagini scattate ed ottimizzando gli autoscatti.

Nel dettaglio affronteremo come usare Lightroom Classic, come servirsi di quello gratuito e come adoperarlo su smartphone e tablet. In sintesi l’uso del programma permetterà di: controllare i mezzitoni, le ombre e le luci, applicare filtri, modificare su mobile, desktop e web, archiviare ed organizzare le proprie foto.

Come usare Lightroom Classic

Questo software per la gestione e l’elaborazione di immagini di Adobe non è gratuito, in quanto usato anche in ambito professionale, ma richiede la sottoscrizione del piano Fotografia di Adobe Creative Cloud, al sito https://www.adobe.com/it/creativecloud/plans.html?clickre , da 12,19 euro/mese.

E’ possibile, comunque, testarne gratuitamente le funzionalità per 7 giorni, prima di decidersi se abbonarsi o meno.

Per poterlo utilizzare:

  • scaricare il software dalla pagina di Adobe scegliendo se acquistarlo direttamente o procedere con la prova gratuita,
  • ci troveremo nella pagina della Libreria dove, dopo la prima importazione di file, saranno presenti tutte le foto importate nel software.

Per importare delle foto:

  • premere sul pulsante Importa in basso,
  • scegliere la locazione della memoria dalla quale andare a prenderli,
  • troviamo tutte le cartelle del proprio PC sulla sinistra,
  • una volta aperte, dentro potremo apporre la spunta alle foto da importare,
  • premere il pulsante Importa,
  • oppure trascinare i file da una cartella del PC direttamente in questa schermata.

Ora che ci sono i file possiamo iniziare a modificarli:

  • cliccare sulla prima foto da editare,
  • premere sulla voce Sviluppo in alto,
  • da qui l’immagine andrà al centro dello schermo e si apriranno i comandi sulla destra,
  • spostare i cursori posti sulle rispettive barre di regolazione per modificare i parametri riguardanti:
      1. l’esposizione,
      2. il contrasto,
      3. le luci, le ombre,
      4. il bilanciamento del bianco e del nero,
      5. la temperatura,
      6. la vividezza,
      7. la saturazione e così via.

Se vogliamo ritagliare la foto o ruotarla:

  • pigiare sul pulsante Sovrapposizione ritaglio situato in alto a destra (il quadrato con le frecce che ruotano intorno),
  • nella finestra che si apre, spostare i bordi per raddrizzare la foto manualmente,
  • oppure premere su Automatico per raddrizzarla in automatico,
  • o, ancora, andare alla voce Foto dal menu in alto per trovare le voci per rifletterla o ruotarla ad angolazioni fisse.

Per ritagliare lo scatto:

  • fare clic sulle barre grigie che compaiono sul perimetro e sugli angoli dell’immagine che stiamo ritoccando,
  • eseguire il ritaglio desiderato trascinando il cursore nella posizione desiderata,
  • al termine premere Invio sulla tastiera per salvare le modifiche apportate.

Se sulla foto sono presenti dei difetti si possono rimuovere tramite lo strumento Correzione:

  • pigiare sull’icona del cerotto situata sulla toolbar collocata a destra,
  • selezionare dal pannello che si apre la dimensione le altre caratteristiche del pennello,
  • evidenziare l’area in cui è presente il difetto da rimuovere (es. una ruga, un passante ecc.), il difetto verrà eliminato,
  • se così non fosse si può provare a modificare i parametri del pennello, finché non si ottiene il risultato desiderato.

Esiste anche la possibilità di ritoccare soltanto una porzione di foto, usando il comando Maschera dalla sua icona situata sulla destra.

Con Maschera si possono usare il pennello o altri elementi, per eseguire modifiche solo su alcune parti della foto.

Per esempio:

  1. la funzione Selezione soggetto effettua una selezione su tutto ciò che ritiene il soggetto della foto,
  2. lo strumento Pennello per decidere noi cosa selezionare e con quale intensità farlo, spennellandoci sopra,
  3. il pannello di regolazione sottostante, le modifiche vengono eseguite solo sul selezionato.

Si possono creare infinite maschere, una per ogni elemento dell’immagine interessata.

Andiamo a descrivere ora come usare preset Lightroom:

  • scegliere uno dei preset disponibili nella colonna di sinistra Predefiniti, applicabili con un clic,
  • per crearne di propri:
    1. fare clic sul pulsante + di fianco alla voce Predefiniti,
    2. premere su Importa predefiniti,
    3. selezionare eventuali filtri presenti sul PC.

A lavoro ultimato per esportare la foto di output:

  • aprire il menu File collocato in alto a sinistra,
  • selezionare la voce Esporta…,
  • dargli un nome,
  • scegliere la posizione e la dimensione da assegnare al file,
  • premere sul bottone Esporta.

Per avere ulteriori informazioni sull’utilizzo di Lightroom, si può consultare la guida ufficiale di Adobe all’indirizzo https://helpx.adobe.com/it/lightroom-cc/get-started.html.

Come usare Lightroom gratis

Lightroom negli anni si è evoluto spesso, abituandosi all’era digitale, ma è rimasto Lightroom Classic per chi vuole avere sempre tutto salvato in locale, un sistema che potremo definire Ecosistema Lightroom.

Questa la differenza tra Lightroom Classic e Ecosistema Lightroom:

  1. Lightroom Classic è il programma che abbiamo installato sul nostro PC, del quale abbiamo già spiegato le funzioni principali,
  2. Ecosistema Lightroom è la sua versione online, che si integra con il Web.

Acquistando Lightroom avremo, cioè, anche accesso a uno spazio di archiviazione online chiamato Adobe Creative Cloud.

I file caricati qui, saranno modificabili e condivisibili su Internet tramite social o con altri colleghi che si occupano del medesimo progetto. Il tutto senza avere bisogno di tantissimi file sul PC, basta caricare tutto qui ed editarli con una connessione Internet e le credenziali di accesso al proprio profilo.

Una volta sottoscritto l’abbonamento o il periodo di prova:

Fatto ciò la foto è nel nostro profilo cloud accessibile ovunque.

Per modificarla:

  • farci clic sopra,
  • selezionare una delle icone di sinistra per aprire il rispettivo pannello di editing,
  • scegliere, per esempio, le tre barre orizzontali, per aprire tutta la sezione dedicata ai cursori per regolazione luci, ombre, colori, definizione e così via.

Se clicchiamo sui:

  • cerchi concentrici apriamo i filtri,
  • con il quadrato con le frecce circolari le opzioni di ritaglio:
  • con il cerotto avremo lo strumento di correzione dei difetti,
  • con il cerchio coi trattini si possono applicare le maschere o le correzioni con il pennello.

Tutti strumenti che funzionano come su Lightroom Classic.

Il salvataggio è automatico e si può:

  1. scaricare in locale,
  2. condividere la foto con i pulsanti con le frecce verso il basso (scaricare) e alto (condividere) che troviamo nella barra in alto.

Di diverso c’è che non esiste menu in alto con le voci: File, Immagine, Modifica ecc., il che vuol dire la mancanza di molte funzioni avanzate.

Si può scegliere di usare questo tipo di Lightroom, quindi, esclusivamente per avere sempre tutto a portata di mano, senza spostare i byte di dati in hard disk vari.

Per conoscere meglio cosa c’è di diverso tra Lightroom Classic e l’Ecosistema Lightroom, si può consultare la pagina ufficiale di confronto di Adobe https://helpx.adobe.com/it/lightroom-classic/kb/lightroom-feature-comparison.html .

Come usare Lightroom su smartphone e tablet

Per usare Lightroom su iPhone o Android:

  • scaricare l’app Adobe Photoshop Lightroom, per:
    1. Android
    2. iOS/iPadOS
  • aprirla e procedere all’editing.

Di base è gratuita ma ci sono alcune funzioni avanzate disponibili solo per chi ha la versione completa a partire da 5,49 euro/mese.

Per iniziare ad usarla:

  • accedere al proprio account Adobe,
  • oppure crearne uno tramite i pulsanti in basso,
  • si può anche usare un account Google, Apple o Facebook.

Una volta dentro;

  • concedere l’ accesso,
  • ci troveremo nella Home dell’app che è anche la Galleria del nostro smartphone,
  • ad accesso effettuato, saltare la richiesta del passaggio alla versione Pro (se non abbiamo un abbonamento attivo),
  • consentire all’app l’accesso alla galleria,
  • pigiare sull’anteprima dell’immagine da ritoccare, per passare alla schermata di editing,
  • selezionare o scattare la foto che vogliamo ritoccare, usando gli strumenti situati nella toolbar che si trova in basso:
  • Ritaglia, per ritagliare una porzione della foto,
  • Correzione, per correggere lo scatto utilizzando il pennello correttivo,
  • Colore, per modificare la temperatura, la saturazione ecc.,
  • Effetti, per regolare la chiarezza dello scatto, per rimuovere la foschia o per rimuovere la granulosità,
  • Dettagli, per aumentare la nitidezza dell’immagine o per ridurre i disturbi,
  • Ottica, per attivare e/o disattivare lo strumento di correzione dell’obiettivo e così via.

Al termine il lavoro di editing sulla foto:

  • fare tap sui tre puntini situati in alto a destra,
  • premere sulla voce Salva copia sul dispositivo per salvarla in locale,
  • oppure fare tap su pulsante di condivisione per condividerla,

L’app è molto simile alla versione online di Lightroom, con cursori da muovere o profili da applicare per effettuare qualunque correzione.

Seguici su Facebook

Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook per rimanere sempre informato sui nostri ultimi articoli pubblicati.

Seguici su Telegram

Ricevi su Telegram aggiornamenti sui nostri nuovi articoli sul mondo della tecnologia seguendo il nostro canale gratuito.

Segui il nostro canale Whatsapp.

Continua a rimanere informato sul mondo della tecnologia seguendo il nostro canale WhatsApp gratuito.