Come recuperare dati iPhone rotto

da | iPhone/iPad

Come tutte le cose un iPhone si può rompere o danneggiare, oppure il suo schermo può diventare non più utilizzabile. A volte, anche se fortunatamente non spesso, può anche succedere che vi sia un errore del sistema operativo, oppure un guasto della ricarica della batteria. Ognuno di noi spera che non gli capiti uno di questi eventi, ma nel caso ciò dovesse succedere, è bene sapere come fare per risolvere ogni tipo di evenienza e soprattutto come fare per non perdere i dati archiviati al suo interno.

Esistono varie soluzioni mediante le quali poter ritrovare i dati di iPhone non più usabile, ed in questo articolo cercheremo di spiegare come fare per recuperare i dati di un iPhone rotto. Solo in certi casi “più gravi” infatti c’è bisogno di rivolgersi a degli esperti del settore, in tutti gli altri si può risolvere il problema da soli, con vari interventi che prenderemo in considerazione nei dettagli.

Inizieremo con spiegare come recuperare i dati di un iPhone rotto tramite iCloud, il servizio di Apple che permette di conservare foto, video e documenti degli utenti con 5GB di spazio gratuito. Proseguiremo poi col dire come recuperare i dati da un iPhone con schermo rotto sia mediante una procedura standard, sia utilizzando alcuni programmi di terze parti. Infine termineremo con la classica delle disavventure, cioè come fare per recuperare i dati da un iPhone caduto in acqua

Come recuperare dati iPhone rotto tramite iCloud

Vediamo come recuperare dati iPhone rotto tramite iCloud, quel servizio offerto da Apple che permette agli utenti di iPhone, iPad e macOS di creare delle copie di sicurezza dei propri dati (contatti, calendari, dati delle app, ultime foto scattate ecc.) e di sincronizzarle su tutti i dispositivi sui quali è connesso lo stesso ID Apple.

Se abbiamo attivato questa funzione e abbiamo creato una copia di riserva del nostro dispositivo via iCloud, in questo caso serve solo effettuare un backup iPhone e recuperare i dati. Anche se l’apparecchio è rotto, infatti, si ha a disposizione una copia esatta del contenuto dello smartphone, alla data dell’ultimo backup effettuato.

Per impostazione predefinita, tutte le opzioni di sincronizzazione con iCloud dovrebbero già essere attive, anche senza il nostro intervento diretto e quindi ci sono ottime possibilità di poter recuperare i dati.

Se vogliamo riversare un backup del vecchio iPhone su un altro iPhone, dobbiamo selezionare la voce apposita nel menu di configurazione iniziale di quest’ultimo.

Per recuperare i singoli dati presenti su iCloud senza avere un altro iPhone a disposizione c’è da accedere al proprio account iCloud da un altro dispositivo e scaricare i nostri dati da lì:

  • avviare il browser Web,
  • collegarsi al sito Internet https://www.icloud.com/ ,
  • premere sul pulsante Accedi e effettuare il login tramite l’ID Apple associato al dispositivo,
  • a login avvenuto, nella schermata principale di iCloud, cliccare sul pulsante riguardante il contenuto da recuperare.

Ogni pulsante ci introduce ai vari strumenti di iCloud.

Ad esempio per:

  1. visualizzare i file archiviati su iCloud Drive, cliccare sulla relativa icona (quella a forma di nuvola),
  2. recuperare i video e le immagini scattate con il iPhone, premere sull’icona di Foto.

Si possono ritrovare anche:

  • i documenti creati con Pages, Keynote o Numbers,
  • gli appuntamenti salvati su Calendario,
  • i Contatti,
  • le Note.

Un altra possibilità è quella di:

Entro breve tempo riceveremo un link da cui prelevare un archivio, con tutti i dati contenuti nel proprio ID Apple.

iCloud di Apple non è l’unico servizio di archiviazione cloud da prendere in considerazione. Per quanto riguarda le foto si può utilizzare Google Foto, in questo modo:

  • collegarsi al sito ufficiale di Google Foto
  • cliccare sul pulsante Vai a Google Foto e accedervi con il proprio account Google,
  • nella sezione Foto, cliccare sull’immagine che intendiamo recuperare,
  • premere sull’icona dei tre puntini, in alto a destra,
  • scegliere l’opzione Scarica dal menu che si apre, per avviarne il download.

Per quanto riguarda il recupero della posta elettronica si può fare tramite Webmail, accedendo al sito Internet del fornitore del servizio tramite le nostre credenziali: indirizzo email completo/nome utente e password.

Una funzione specifica esiste, inoltre, anche per non perdere le conversazioni di WhatsApp, precedentemente archiviate su un iPhone rotto.

Come recuperare dati da iPhone con schermo rotto

Adesso passiamo a vedere come recuperare dati da iPhone con lo schermo rotto.

Per prima cosa occorre controllare lo stato dello schermo, se il touch-screen è ancora funzionante, è possibile attivare il backup su iCloud, così da accedere ai dati e sincronizzarli su un altro dispositivo, oppure recuperarli come abbiamo visto nel capitolo precedente.

Se invece il touch-screen sembra rispondere solo parzialmente e soltanto in certe zone, per riavere i propri dati si può utilizzare uno dei metodi che ora esporremo da ora in poi. Sempre considerando che sia almeno possibile immettere il codice, o la sequenza di sblocco in fase di avvio del telefono.

Procedura standard

Vediamo come svolgere la procedura standard da un l’iPhone con lo schermo rotto, ma che si possa accendere, in quanto il ripristino dei file all’interno della memoria di un cellulare, è possibile solo se questa è alimentata e, dunque, che l’apparecchio sia acceso.

Per non perdere i dati da un iPhone con uno schermo rotto si può usare:

  • iTunes su Windows,
  • il Finder su macOS.

Per iniziare collegare il telefono a una delle porte USB del computer via cavo,

su Windows:

  • scaricare e installare iTunes sul PC,
  • avviare il programma e, se questa è la prima volta che colleghiamo l’iPhone al computer, autorizzare la comunicazione tra i due dispositivi premendo sugli appositi pulsanti su schermo e digitando il codice di sblocco su iPhone,
  • nella schermata principale di iTunes, fare clic destro sull’icona dell’ iPhone,
  • selezionare la voce Esegui backup dal menu che compare, in modo da avviare il backup e conservare i dati dell’ iPhone sul computer,
  • per recuperare il backup, collegare il dispositivo allo stesso PC,
  • aprire iTunes,
  • autorizzare la comunicazione tra i due dispositivi,
  • fare clic destro sull’icona dell’iPhone e selezionare la voce Ripristina backup.

Se vogliamo recuperare solo le foto:

  • aprire l’Esplora File di Windows, facendo clic sull’icona della cartella gialla dalla barra delle applicazioni,
  • selezionare l’opzione Questo PC visibile nella barra laterale a sinistra,
  • fare clic destro sulla voce Apple iPhone,
  • selezionare l’opzione Importa immagini e video dal menu apertosi,
  • scegliere una delle opzioni disponibili tra:
    1. Rivedi, organizza, raggruppa gli elementi da importare, per suddividere le foto e i video in gruppi basati sulla data di creazione,
    2. Importa tutti gli elementi nuovi ora, per importare tutti i file senza alcuna suddivisione,
  • premere sui pulsanti Avanti e Importa, per avviare il processo.

Se stiamo usando macOS:

  • aprire il Finder,
  • autorizzare la comunicazione tra Mac e smartphone rispondendo in maniera affermativa agli avvisi che vediamo comparire sullo schermo (e digitando il codice di sblocco su iPhone),
  • cliccare sull‘icona dell’iPhone a sinistra e individuare la sezione Backup,
  • selezionare la voce Effettua backup di tutti i dati di iPhone sul Mac,
  • cliccare su Esegui backup adesso,
  • procedere al ripristino del backup per recuperare i dati.

Programmi di terze parti

Se non abbiamo a disposizione un backup, né su iCloud né sul computer, possiamo recuperare i dati da un iPhone con lo schermo rotto tramite l’aiuto di programmi di terze parti da installare sul computer..

Questa soluzione può essere utilizzata solo se il telefono abbia danni minimi allo schermo e che il touch-screen sia funzionante almeno in parte .

Tra i vari software di ripristino esistenti, si può consigliare Dr.Fone di Wondershare, un programma a pagamento, con costi a partire da circa 70 euro.

Esiste anche una versione gratuita di prova limitata solo alla scansione del dispositivo, senza la possibilità di recupero effettivo dei dati.

Dr.Fone permette di recuperare dati da iPhone rotto senza backup direttamente dal dispositivo, ed anche di ripristinare i dati sia dal backup di iTunes che dal Backup iCloud.

Per scaricare la prova gratuita del programma:

  • andare sul suo sito Internet ufficiale
  • premere sul pulsante Prova Gratis,
  • a download completato, con Windows:
    1. aprire il file .exe ottenuto,
    2. fare clic su ,
    3. spuntare la casella delle condizioni d’uso e premere su Installa nella finestra appena apparsa,
    4. avviare il programma con il pulsante Inizia Ora,
  • con un Mac:
    1. aprire il pacchetto .dmg ottenuto,
    2. fare doppio clic sull’icona relativa all’installer al suo interno,
    3. premere su Apri nel popup,
    4. attendere lo scaricamento automatico di tutti i contenuti del programma e la sua installazione automatica,
    5. al termine della procedura apparirà la finestra principale di Dr.Fone.

Ora, a prescindere dal sistema operativo usato, saremo nella schermata del programma:

  • collegare iPhone al computer via cavo,
  • selezionare dalla barra laterale di sinistra o dal pannello che si apre i tipi di dati da recuperare,
  • ad esempio:
    1. Foto,
    2. SMS,
    3. Contatti,
    4. conversazioni WhatsApp,
    5. altri tipi di file,
  • premere Esegui backup per avviare la scansione dello smartphone.

Al termine dell’operazione il programma mostrerà ciò che è riuscito a recuperare dal nostro telefono danneggiato:

  • selezionare ciò che vogliamo ripristinare,
  • fare clic sul pulsante Esporta sul PC (funzione a pagamento).

Con Dr.Fone si può procedere con il recupero dei file direttamente dal dispositivo, quindi anche senza backup, o dai backup di iTunes e iCloud.

Un altro esempio di programmi di questo tipo è EaseUS MobiSaver

Come recuperare dati da iPhone caduto in acqua

Se il iPhone si è bagnato la prima cosa da fare è quella di evitare che l’acqua entrata possa provocare danni ancora più gravi all’ hardware.

Se il telefono è ancora acceso, spegnerlo immediatamente poi:

  • rimuovere tutti gli accessori e i componenti hardware che possono essere rimossi, quali il carrellino della scheda SIM e l’eventuale custodia e/o pellicola protettiva,
  • asciugare l’iPhone con un panno in microfibra, evitando carta assorbente o panni in cotone,
  • una volta asciugato si può a recuperare i dati seguendo le indicazioni viste nei capitoli precedenti,

Se ciò non riesce non rimane che rivolgersi ad un‘azienda specializzata in servizi di recupero dei dati.

Seguici su Facebook

Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook per rimanere sempre informato sui nostri ultimi articoli pubblicati.

Seguici su Telegram

Ricevi su Telegram aggiornamenti sui nostri nuovi articoli sul mondo della tecnologia.

Segui il nostro canale Whatsapp.

Continua a rimanere informato sul mondo della tecnologia seguendo in nostro canale Whatsapp.