Come clonare un disco rigido su un nuovo SSD

da | Windows, Computer

Trovi il tuo computer lento? E se potessi accelerarlo sostituendo il dispositivo di archiviazione con uno più veloce? Sapevi che è facile clonare i tuoi dati su un SSD per mantenerli intatti? Bastano pochi passi e un po’ di tempo.

Il vantaggio in termini di velocità dell’utilizzo di un SSD

I dischi rigidi sono dispositivi in ​​parte meccanici e funzionano tramite motori . Il motore fa girare i dischi magnetici al loro interno e una testina si sposta sulla superficie del disco per leggere i dati. Sono lenti a leggere e scrivere dati a causa dei componenti in movimento. Al contrario, gli SSD sono dispositivi completamente elettronici senza parti mobili . Gli SSD utilizzano chip di memoria flash e sono più simili alla RAM non volatile. Ciò rende gli SSD molto veloci rispetto ai dischi rigidi.

Come clonare il disco rigido su un SSD utilizzando Clonezilla

Clonezilla è gratuito ed è un software di clonazione di unità indipendente dal sistema operativo.

Prima di procedere, avrai bisogno di un cavo o di un adattatore per collegare il nuovo SSD alla tua macchina; il disco rigido esistente è già connesso.

È abbastanza semplice se stai usando un desktop. Trova un cavo SATA di riserva (o acquistane uno nuovo) e collega il nuovo SSD. Se stai utilizzando un’unità M.2 NVMe, inseriscila nello slot sulla scheda madre del tuo dispositivo.

Il processo diventa più complesso quando si desidera clonare un’unità su un laptop, poiché di solito hanno un solo cavo SATA, che è già occupato dall’HDD esistente. Per fare ciò, è necessario un adattatore da USB a SATA . Se utilizzi un NVMe M.2, inseriscilo nello slot.

Data la possibilità di scegliere tra SSD SATA e unità M.2 NVMe, scegli quest’ultima. È molto più veloce per una differenza di prezzo trascurabile.

Scarica e masterizza Clonezilla

Innanzitutto, scarica l’immagine ISO di Clonezilla .

Successivamente, scrivi l’immagine ISO su una chiavetta USB utilizzando un software come Rufus . Il software può creare unità USB avviabili. Rufus, in particolare, può creare unità avviabili compatibili con UEFI BIOS.

Collega il tuo nuovo SSD e accedi al BIOS

Collegare il nuovo SSD alla macchina con il disco rigido da clonare. Ricorda che il tuo SSD deve avere una capacità maggiore rispetto al disco rigido. Utilizzare una porta SATA, un adattatore da USB a SATA o uno slot M.2 NVME, a seconda della macchina.

Collegare la chiavetta USB avviabile di Clonezilla e accendere la macchina. Immettere le impostazioni del BIOS utilizzando i tasti F2 o DEL (a seconda del BIOS). Impostare prima il BIOS in modo che si avvii dalla chiavetta USB. Salva ed esci dal BIOS.

Il tuo computer si riavvierà e si avvierà in Clonezilla.

Usa Clonezilla per clonare il tuo SSD

Una volta entrato, Clonezilla ti mostrerà varie opzioni per clonare i dischi.

  • Poiché stai clonando un disco rigido completo su un SSD, scegli l’ opzione dispositivo-dispositivo .
  • Entrambi i dischi sono collegati alla stessa macchina. Scegli l’ opzione disk_to_local_disk 
  • Scegli il disco di origine. Nel tuo caso, sarà il disco rigido. Quindi, nella schermata successiva, scegli il disco di destinazione, che sarà il tuo SSD.
  • Salta il controllo , poiché nella maggior parte dei casi non è necessario. Anche Clonezilla suggerisce lo stesso.
  • Ora, seleziona Usa tabella delle partizioni dal disco di origine . Espanderai la dimensione della partizione in un secondo momento invece di aumentarla proporzionalmente. Ciò eviterà di sprecare spazio su disco per le partizioni che rimangono solo di dimensioni fisse. Un esempio potrebbe essere la partizione di ripristino di Windows.
  • Procedi e Clonezilla ti chiederà conferma; la clonazione inizierà immediatamente. Il processo è irreversibile.
  • Clonezilla copierà l’intero disco, indipendentemente dal numero di file presenti sul disco. Pertanto, il tempo necessario per completare la clonazione dipenderà dalle dimensioni dei dischi. In questo caso, dipenderà dalla velocità di lettura dell’hard disk e dalla velocità di scrittura dell’SSD. I dischi rigidi veloci leggono a 300 Mbps e persino gli SSD di base scrivono a 500 Mbps. Quindi, la velocità di trasferimento totale è tecnicamente la velocità di lettura dell’HDD.
  • Una volta terminato, puoi riavviare il computer.
  • Ora, accedi nuovamente al BIOS e imposta l’SSD come primo dispositivo di avvio. Vedrai una fenomenale diminuzione del tempo di avvio e un aumento della reattività del computer.

Come espandere le partizioni dell’unità per coprire lo spazio su disco aggiuntivo

Clonezilla ha copiato la tabella delle partizioni così com’è. Quindi, le nuove dimensioni della partizione sono le stesse del disco rigido precedente. Ma l’SSD ha spazio non allocato aggiuntivo, che puoi utilizzare espandendo le partizioni.

Puoi farlo utilizzando l’applicazione Gestione disco su Windows.

Su Linux, puoi utilizzare Gnome Disk Utility per espandere le partizioni.

Seguici su Facebook

Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook per rimanere sempre informato sui nostri ultimi articoli pubblicati.

Seguici su Telegram

Ricevi su Telegram aggiornamenti sui nostri nuovi articoli sul mondo della tecnologia.

Segui il nostro canale Whatsapp.

Continua a rimanere informato sul mondo della tecnologia seguendo in nostro canale Whatsapp.