Che cos’è la modalità di debug USB su Android e come abilitarla

da | Android, Smartphone

Che cos’è il debug USB in Android? Scopri cosa fa questa importante funzione e come abilitarla sul tuo dispositivo.

Android è facile da usare fuori dagli schemi, ma racchiude molte funzionalità nascoste per utenti esperti. In particolare, potresti conoscere il menu Opzioni sviluppatore nascosto . Come suggerisce il nome, queste funzionalità sono utili per gli sviluppatori che creano app Android, ma non sono così importanti per l’utente medio.

Una delle funzionalità per sviluppatori Android più note è il debug USB . Potresti aver visto questo termine fluttuare e ti sei chiesto se dovresti abilitarlo. Diamo un’occhiata a cosa serve la modalità di debug USB di Android e se ne hai bisogno.

Che cos’è la modalità di debug USB su Android?

Il debug USB consente a un dispositivo Android di comunicare con un computer che esegue Android SDK, al fine di utilizzare operazioni avanzate.

Quando sviluppi app Android, devi installare Android Software Developer Kit (SDK) sul tuo computer. Un SDK offre agli sviluppatori gli strumenti di cui hanno bisogno per creare app per una determinata piattaforma.

Di solito, lo installi insieme ad Android Studio , che è un ambiente di sviluppo per app Android. Include una suite di strumenti vitali per qualsiasi sviluppatore, come un debugger per la risoluzione dei problemi e un editor visivo.

Le librerie sono un altro componente chiave dell’SDK. Questi consentono agli sviluppatori di eseguire funzioni comuni senza doverli ricodificare. Ad esempio, Android ha una funzione di stampa integrata, quindi quando scrivi un’app, non devi trovare un nuovo modo di stampare. Chiama semplicemente il metodo integrato incluso nella libreria quando è il momento di farlo.

Puoi fare molto con Android dal dispositivo stesso. Ma gli sviluppatori hanno bisogno di più opzioni. Sarebbe un enorme problema spostare manualmente i file tra dispositivi, eseguire comandi ed eseguire attività simili tutto sul telefono durante lo sviluppo. Utilizzano invece strumenti integrati in Android Studio e Android SDK per semplificare questi processi. E devi abilitare il debug USB per farlo.

Se non hai bisogno della totalità di Android Studio, puoi installare solo l’SDK di Android da solo. Dovrai farlo per molti metodi di rooting comuni, oltre a eseguire altre attività avanzate.

L’abilitazione del debug USB consente al telefono di comunicare completamente con un PC in modo da poter sfruttare questi strumenti. Tuttavia, non è necessario abilitare il debug USB se desideri semplicemente connettere il telefono e il PC tramite Bluetooth o un cavo USB per attività semplici come la sincronizzazione delle foto.

Come abilitare il debug USB su Android

Sui moderni dispositivi Android, troverai Debug USB nel menu Opzioni sviluppatore , che è nascosto per impostazione predefinita.

Per sbloccarlo, vai su Impostazioni e scorri verso il basso fino a Informazioni sul telefono . Scorri di nuovo verso il basso nel menu successivo e vedrai una voce Numero build in basso. Toccalo più volte e alla fine vedrai una notifica che ti informa che ora sei uno sviluppatore.

Successivamente, torna alle Impostazioni e scorri di nuovo verso il basso. Apri la voce Sistema e (se necessario) espandi la sezione Avanzate . Qui vedrai una nuova voce intitolata Opzioni sviluppatore .

A seconda della versione di Android, questi passaggi possono differire leggermente. Ad esempio, potresti vedere la voce Opzioni sviluppatore elencata nella pagina Impostazioni principale .

Indipendentemente da ciò, una volta che sei all’interno del menu Opzioni sviluppatore , cerca Debug USB sotto l’ intestazione Debug . Premi il dispositivo di scorrimento per abilitarlo e conferma l’avviso di Android che comprendi a cosa serve questa funzione.

Ora hai attivato il debug USB. Per usarlo, devi solo collegare il telefono a un PC tramite un cavo USB. Quando lo fai, vedrai un messaggio sul tuo telefono che ti chiede se vuoi autorizzare il debug USB per quel computer specifico.

Questa è una funzione di sicurezza progettata per proteggere il tuo dispositivo dagli attacchi, quindi assicurati di fidarti del computer connesso prima di accettarlo. Se accetti per errore una richiesta per un dispositivo, seleziona Revoca autorizzazioni debug USB dalla stessa pagina delle opzioni sviluppatore per reimpostare tutti i computer attendibili.

Cosa fa il debug USB di Android

Senza il debug USB, non è possibile inviare comandi avanzati al telefono tramite un cavo USB. Pertanto, gli sviluppatori devono abilitare il debug USB in modo da poter inviare app ai propri dispositivi per testare e interagire.

Quando crei una nuova build della tua app in Android Studio e vuoi testarla, puoi inviarla al tuo dispositivo connesso con pochi clic. Dopo la compilazione, verrà eseguito e comparirà immediatamente sul tuo dispositivo. Questo è molto più veloce del sideload manuale dei file APK ogni volta.

Un motivo comune per cui i non sviluppatori abilitano il debug USB è eseguire il root dei loro telefoni. I metodi di rooting variano in base al dispositivo e cambiano nel tempo, ma la maggior parte dei metodi prevede l’esecuzione di alcuni programmi dal desktop. Una volta abilitato il debug USB e collegato il telefono, puoi utilizzare uno strumento per inviare le istruzioni di root al tuo dispositivo senza nemmeno toccarlo. L’installazione di una ROM personalizzata comporta un processo simile.

Devi anche attivare il debug USB per utilizzare i comandi Android Debug Bridge (ADB). Usando questi, puoi installare i file APK memorizzati sul tuo PC sul tuo telefono, spostare i file avanti e indietro e visualizzare i registri del dispositivo per gli errori di debug. I comandi ADB e Fastboot possono anche salvare il tuo dispositivo in muratura anche quando non puoi accenderlo normalmente.

Ai tempi antichi di Android, era necessario il debug USB anche per alcune altre funzioni. Il più degno di nota è stato l’acquisizione di uno screenshot tramite USB, che è stato altrettanto fastidioso come sembra. Questo prima di fare uno screenshot su Android aveva un comando standard ed era facile.

Ora, devi solo tenere premuta la combinazione di pulsanti del tuo dispositivo (di solito Power e Volume Down ) per catturare uno screenshot, rendendo questo metodo obsoleto.

Il debug USB è sicuro?

In teoria, con il debug USB abilitato, collegare il telefono a una porta di ricarica pubblica potrebbe metterlo a rischio. Se qualcuno avesse accesso alla porta, potrebbe potenzialmente rubare informazioni dal tuo dispositivo o inviarvi app dannose.

Questo è il motivo per cui Android visualizza una richiesta di conferma, quindi non ti connetti a un PC di cui non ti fidi. Tuttavia, un utente ignaro potrebbe accettare la richiesta senza rendersi conto a cosa serve.

Inoltre, lasciare abilitato il debug USB rende il tuo dispositivo aperto agli attacchi se dovessi perderlo. Qualcuno che sapeva cosa stava facendo poteva connettere il tuo dispositivo al proprio computer e inviargli comandi tramite ADB, senza conoscere il tuo PIN o altra sicurezza della schermata di blocco.

È spaventoso e una buona ragione per cui dovresti configurare Gestione dispositivi Android in modo da poter ripristinare le impostazioni di fabbrica del tuo dispositivo Android da remoto.

A meno che tu non usi regolarmente ADB e colleghi il tuo dispositivo Android al PC, non dovresti lasciare sempre abilitato il debug USB. Va bene lasciarlo acceso per alcuni giorni mentre lavori su qualcosa, ma non è necessario che sia abilitato quando non lo usi regolarmente. I rischi superano i benefici in quel caso.

Condividi su:

Seguici su Facebook

Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook per rimanere sempre informato sui nostri ultimi articoli pubblicati.

Seguici su Telegram

Ricevi su Telegram aggiornamenti sui nostri nuovi articoli sul mondo della tecnologia.

Sai davvero tutto su Whatsapp?

Leggi ora guide e trucchi su come usare al meglio WhatsApp

Cerca sul sito:

Pubblicità