Al momento stai visualizzando Come cambiare domicilio online

Come cambiare domicilio online

Se, da un po’ di tempo, stiamo lavorando fuori dal nostro Comune di Residenza, oppure se ci siamo trasferiti definitivamente, forse potremo aver bisogno di cambiare domicilio o residenza.

Tale pratica adesso è fattibile anche via telematica, senza doversi recare agli sportelli dell’anagrafe comunale.

Pubblicità

Scopo di questo articolo è quindi quello di:

  • chiarire le differenze tra domicilio e residenza,
  • spiegare come cambiare domicilio online,
  • dare qualche informazione in più su come svolgere il cambio definitivo di residenza.

Informazioni preliminari: differenza tra domicilio e residenza

Vediamo, innanzitutto, quali sono differenze tra il domicilio e la residenza.

Anche se, queste due operazioni, spesso coincidono, si tratta di concetti abbastanza differenti:

Pubblicità
  • la residenza è la propria dimora abituale, cioè la casa nella quale si abita per gran parte dell’anno. Legalmente, la residenza è quella in cui il soggetto ha l’indirizzo della sua abitazione principale e che risulta all’anagrafe del Comune di appartenenza.
  • Il domicilio è il luogo in cui il soggetto stabilisce la sede principale dei propri interessi, affari o esigenze.

Per esempio, se siamo studenti fuori sede:

  • la nostra residenza corrisponde con l’indirizzo dell’abitazione dalla quale proveniamo,
  • il domicilio coincide con l’indirizzo della casa provvisoria, nella quale viviamo per frequentare l’Università.

Quindi, come vediamo, il domicilio e residenza possono essere diversi.

Pubblicità
  • La residenza, all’atto pratico, è quella indicata all’ufficio Anagrafe del Comune e registrata presso gli archivi nazionali, che prevede la presenza abituale in un dato luogo.
  • Il domicilio è una situazione di diritto, dettata da esigenze differenti (e spesso temporanee) da quelle abituali.

Per esempio, durante la compilazione di un qualsiasi modulo, che richieda l’immissione dei propri dati personali, è possibile indicare un domicilio, presso cui ricevere le comunicazioni, diverso dalla propria residenza anagrafica.

A differenza di quanto succede per la residenza, che è registrata, non esiste un registro che tenga traccia dei vari domicili di una persona.

Per questo motivo, se si dovesse scegliere di differenziare i due indirizzi, è indispensabile dichiarare il proprio domicilio al soggetto coinvolto nella comunicazione, sia esso una persona, un ente, un professionista, un servizio e così via.

Pubblicità

Riassumendo:

  • la residenza corrisponde con l’indirizzo presso il quale si abita “ufficialmente”, nel cui Comune si versano tributi e imposti,
  • il domicilio corrisponde all’indirizzo (o agli indirizzi) desiderati per ricevere comunicazioni, beni o elementi di altro tipo.

Come cambiare domicilio online

Fatto questo distinguo tra domicilio e residenza, vediamo adesso come cambiare domicilio online.

Si può cambiare domicilio, anche mantenendo la stessa residenza, quando ci si trasferisce per un periodo di tempo determinato, presso un’altra dimora, per motivi di lavoro, studio, salute o altro.

Siccome il cambio di domicilio ha quasi sempre natura provvisoria, è sufficiente:

  • presentare un’autocertificazione firmata,
  • in cui dichiarare di aver modificato, a titolo temporaneo, il proprio domicilio presso un indirizzo diverso dalla propria residenza,
  • tale auto dichiarazione, deve contenere i propri dati anagrafici e l’indirizzo presso il quale si vuole avere il proprio domicilio,
  • va inviata al Comune scelto tramite Posta Elettronica Certificata, insieme a un proprio documento d’identità.
Potrebbe interessarti:  Second Life: guida su come funziona e come iniziare

La modifica temporanea del proprio domicilio non ha effetto sulla consegna della posta ordinaria, delle raccomandate o di altri prodotti postali, a meno che il mittente non abbia dichiarato il nuovo indirizzo presso il quale inviare queste comunicazioni.

Pubblicità

A proposito Poste Italiane mette a disposizione il servizio Seguimi che, con prezzi a partire da circa 8,5€, per motivi gravi è anche gratuito, consente di inoltrare la posta destinata a uno specifico indirizzo (ad es. quello di residenza) presso il nuovo domicilio. Per avere maggiori informazioni consultare il sito.

Come cambiare domicilio fiscale online: Agenzia delle Entrate

Il domicilio fiscale definisce la competenza territoriale per l’Ufficio tributario e, per quanto riguarda le persone fisiche, corrisponde al Comune presso il quale il soggetto è iscritto all’anagrafe, e quindi dove ha la residenza.

Per quanto riguarda le persone giuridiche, invece, il domicilio fiscale è fissato nel Comune in cui è registrata la sede legale dell’attività.

Non è possibile cambiare il domicilio fiscale in alcun modo, se non:

  • cambiando la propria residenza,
  • oppure la sede legale dell’attività per la quale si è titolari.

Tuttavia, è possibile modificare l’indirizzo presso il quale si ricevono avvisi e notifiche relative ai tributi, differenziandolo dal proprio domicilio fiscale.

Pubblicità

Questa opportunità serve se, per un motivo o per un altro, si abita provvisoriamente presso un’abitazione differente da quella abituale.

Pubblicità

La dichiarazione di un nuovo indirizzo per la ricezione degli avvisi fiscali può essere effettuata:

  • direttamente tramite il portale dell’Agenzia delle Entrate,
  • usando il servizio online dedicato all’indicazione del domicilio per la notifica degli atti.

Per usufruirne:

  • collegarsi al sito Web
  • scegliere la modalità d’accesso più adatta allo strumento digitale in nostra dotazione tra –
  1. SPID,
  2. CIE,
  3. CNS,
  4. Credenziali fisconline/SISTER,
  • effettuare il login indicando le credenziali del proprio account,
  • oppure esibendo la smart card unitamente al PIN d’accesso.

In seguito:

  • selezionare la voce Servizi dalla barra dei menu collocata in alto,
  • premere sulla dicitura Istanze,
  • cliccare sulla voce Domicilio per la notifica degli atti, residente nel riquadro che compare subito dopo.

Appare una schermata riepilogativa con:

Pubblicità
  • i nostri dati personali,
  • il domicilio fiscale,
  • il domicilio attualmente dichiarato come luogo di notifica.

Per modificarlo:

  • spuntare accanto alla voce Elezione in Italia,
  • oppure Elezione all’estero,
  • premere sul bottone Esegui,
  • compilare il modulo proposto con le informazioni richieste,
  • proseguire con la richiesta, premendo sull’apposito pulsante.

Per concludere:

  • esaminare la correttezza dei dati sottoscritti,
  • premere sul pulsante per inviare la richiesta, che verrà presa in esame ed eventualmente accettata,nel giro di alcune ore.

Si può visualizzare l’esito della richiesta tramite il servizio di Domicilio per la notifica degli atti scegliendo, all’inizio, di eseguire lo storico delle operazioni.

Potrebbe interessarti:  Come funziona Google Drive

Come cambiare residenza online

La richiesta di cambio di residenza, insieme alla dichiarazione per nuova utenza TARI, va effettuata rivolgendosi all’ufficio Anagrafe del Comune, nel quale ci si trasferisce o ci siamo già trasferiti.

Per farlo da computer, senza recarsi presso la sede competente per i Servizi Demografici comunali, si possono usare i servizi online messi a disposizione dal Comune stesso.

Pubblicità

Usando uno di questi strumenti digitali:

  • SPID,
  • Carta d’Identità Elettronica con annesso codice d’accesso,
  • TS-CNS con relativo PIN,
  • oppure rivolgersi all’ufficio di competenza tramite Posta Elettronica Certificata.

Oltre al modulo di richiesta, bisogna allegare:

  • una copia del documento di identità del dichiarante,
  • una copia del documento di identità di tutti i membri maggiorenni del nucleo familiare,
  • il modulo di assenso dell’affittuario/proprietario dell’immobile che si va a occupare,
  • la dichiarazione di eventuali componenti già residenti per l’inserimento nello Stato di famiglia,
  • la copia del contratto di locazione/di proprietà dell’immobile,
  • eventuali moduli aggiuntivi, strettamente connessi al caso specifico (ad es. la dichiarazione di assenso del genitore assente, nel caso di trasferimento di minore con uno soltanto dei genitori).

La modalità di richiesta del cambio di residenza cambia da Comune a Comune.

Per cambiare domicilio online Roma insieme alla residenza, bisogna:

  • rivolgersi ai Municipi di Roma Capitale,
  • fornire la documentazione necessaria tramite PEC,
  • oppure recarsi di persona presso l’ufficio Anagrafe.

Per saperne di più e prendere visione della scheda informativa, si può andare sul sito istituzionale della Regione Lazio.

Pubblicità

Per cambiare domicilio online Milano, andando a modificare anche la propria residenza precedente, bisogna:

  • scaricare e compilare la modulistica indicata in questa pagina.
  • avanzare la richiesta mediante il servizio online dedicato, accessibile sempre dal sito Web.

Facciamo un altro esempio spiegando come usare i servizi online, dedicati al cambio di residenza, messi a disposizione dal Comune di Palermo.

Tramite questi ultimi, è possibile:

  • effettuare la dichiarazione di residenza, con relativa dichiarazione TARI, per cittadini con provenienza da altro Comune,
  • oppure con provenienza dall’estero,
  • sia se risultiamo iscritti all’AIRE, sia se non si è cittadini italiani.

Per procedere:

  • collegarsi al sito Web istituzionale del Comune di Palermo.
  • premere sulla voce Servizi Demografici collocata nella barra laterale di sinistra,
  • fare clic sul pulsante Avanti, corrispondente al riquadro Dichiarazione di cambio di indirizzo/abitazione,
  • premere sulla voce Nuova dichiarazione di cambio residenza o cambio indirizzo,
  • cliccare sul pulsante Accedi,
  • effettuare il login al portale tramite SPID,
  • oppure CIE, premendo sull’apposito pulsante e seguendo le indicazioni che vediao sullo schermo,
  • acconsentire all’invio dei dati relativi alla nostra utenza.

A login completato, verranno proposti una serie di moduli, che dovremo compilare specificando le informazioni richieste:

Pubblicità
  • il tipo di dichiarazione (tipo di mutazione, assegnazione o meno in un’altra famiglia esistente e Comune/Stato di provenienza),
  • i dati del dichiarante,
  • eventuali dati su familiari e nucleo familiare di aggregazione,
  • l’indirizzo della nuova residenza,
  • i dati su iscrizione TARI presso il nuovo Comune,
  • cessazione TARI presso quello di provenienza,
  • i recapiti da usare per le comunicazioni.
Potrebbe interessarti:  Cos'è FIFA+ servizio di streaming gratuito per gli appassionati di calcio

Una volta compilati tutti i moduli:

  • esaminare il documento che viene generato,
  • se i dati sono esatti, cliccare sul pulsante Conferma per passare allo step successivo,
  • stampare il documento creato, firmarlo in tutte le sue parti,
  • scannerizzare la copia firmata, creando un singolo file in formato PDF, contenente i seguenti documenti:
  1. il modulo firmato in precedenza,
  2. una copia del documento d’identità di tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare (con esclusione del dichiarante),
  3. la dichiarazione di assenso per trasferimento di minori (nel caso di cambio di residenza per un minore insieme a uno soltanto dei genitori),
  4. la dichiarazione del titolo di occupazione dell’abitazione,
  5. la copia del titolo di occupazione (se l’appartamento non è di proprietà).

Una volta realizzato il documento necessario:

  • accedere di nuovo al portale per i Servizi Demografici del Comune,
  • cliccare sull’opzione Completa dichiarazione cambio residenza o cambio indirizzo già compilata,
  • usare il modulo che compare sullo schermo per inviare il file PDF unico, generato in precedenza,
  • seguire le indicazioni che vediamo sullo schermo, per portare a termine la richiesta.

I tempi di evasione della pratica, dopo il suo protocollo, dipendono dallo stato di attività dell’ufficio Anagrafe del Comune.

Tutte le comunicazioni riguardanti la pratica verranno recapitate al numero di telefono e/o all’indirizzo email specificati.

Lo stato di avanzamento della procedura può essere controllato, tramite il portale dei Servizi Demografici del Comune di Palermo, premendo sul pulsante Accedi corrispondente al riquadro Archivio Pratiche.

Pubblicità

Come cambiare domicilio sanitario online.

Se viviamo in un luogo diverso dalla propria residenza ufficiale, come nel caso di:

  • studenti fuori sede,
  • lavoratori in trasferta,
  • o altri casi simili,

potrebbe rivelarsi necessario cambiare il domicilio sanitario, così da aver diritto alla richiesta di un nuovo medico di base provvisorio, e all’assistenza sanitaria temporanea – da un minimo di 3 mesi a un massimo di 12 mesi – anche nella città presso la quale risiediamo.

Per farlo:

  • contattare l’ASL/ATS del territorio presso il quale si è temporaneamente domiciliati tramite PEC o altre modalità di contatto previste,
  • fornire la documentazione seguente:
  1. la propria tessera sanitaria,
  2. un documento di riconoscimento in corso di validità,
  3. il modulo di richiesta di domicilio sanitario (generalmente disponibile sul sito Web dell’ASL/ATS di competenza) compilato in tutte le sue parti,
  4. un’autocertificazione/dichiarazione firmata che giustifichi la motivazione del trasferimento.

Per maggiori informazioni circa gli indirizzi di contatto e la documentazione specifica da inviare presso l’Ente di interesse, si può cercare su Google frasi come:

  • richiesta domicilio sanitario online,
  • [Comune/Regione/ASL o ATS di pertinenza],
  • le indicazioni potrebbero differire da territorio a territorio.
Condividi su: