Pubblicità
You are currently viewing Come abilitare TPM e Secure Boot per aggiornare il PC a Windows 11

Come abilitare TPM e Secure Boot per aggiornare il PC a Windows 11

Vuoi eseguire l’aggiornamento a Windows 11? Potrebbe essere necessario abilitare prima queste impostazioni di sistema.

Considerando l’aggiornamento a Windows 11? Ci sono un paio di cose che potrebbero fermarti.

Pubblicità

Per prima cosa, il tuo hardware fisico. Se non stai utilizzando una serie AMD Ryzen 3000 o una CPU Intel di settima generazione o superiore, il percorso di aggiornamento automatico non funzionerà.

In secondo luogo, se il tuo computer non supporta Secure Boot e TPM, cadrai anche al primo ostacolo. Tuttavia, non tutto è perduto perché puoi attivare Secure Boot e TPM dal menu BIOS/UEFI.

Quindi, continua a leggere per sapere come attivare Secure Boot e TPM per abilitare l’aggiornamento a Windows 11.

Pubblicità

Cosa sono Secure Boot e TPM

La Trusted Module Platform (TPM) è una soluzione di sicurezza a livello hardware che protegge i tuoi dati dall’hacking e da altre violazioni dei dati. Il TPM contiene chiavi di crittografia univoche archiviate in modo tale da rendere quasi impossibile l’accesso a un hacker. Se qualcuno viola il tuo computer e i tuoi dati vengono crittografati, rimarranno al sicuro.

I requisiti consigliati da Microsoft per Windows 11 elencano TMP 2.0, sebbene sia ancora possibile eseguire l’aggiornamento utilizzando una versione precedente, TPM 1.2, che è il requisito minimo.

Insieme a TPM 2.0, Microsoft richiede anche di attivare Secure Boot, l’impostazione di sicurezza a livello UEFI che impedisce l’avvio di qualsiasi sistema operativo non autorizzato. Secure Boot è effettivamente un gatekeeper, che impedisce l’avvio del codice dannoso prima del sistema e il suo obiettivo principale è quello di proteggere da rootkit, bootkit e altro codice dannoso.

Potrebbe interessarti:  Come scaricare Photoshop gratis in italiano

Ma ha anche alcuni effetti collaterali. Ad esempio, Secure Boot ti impedirà di eseguire il dual-boot di numerose distribuzioni Linux, il che ha portato molti utenti a disabilitare Secure Boot.

Oltre a queste due funzionalità vitali, Windows 11 viene fornito con requisiti hardware specifici , con Microsoft che sceglie di bloccare il percorso di aggiornamento automatico per milioni di utenti. Se stai utilizzando Windows 10 su una serie AMD Ryzen 3000 o successiva o una CPU Intel di settima generazione o successiva, puoi eseguire l’aggiornamento diretto a Windows 11.

Pubblicità

Tuttavia, in caso contrario, dovrai optare per un’installazione pulita di Windows 11 . Un’installazione pulita di Windows 11 funzionerà sulla maggior parte dell’hardware, ma comporta degli avvertimenti. In particolare, Microsoft ha ripetutamente affermato che non fornirà aggiornamenti alle installazioni di Windows 11 su hardware “non supportato”, quindi l’installazione è a proprio rischio.

Come abilitare il TPM e l’avvio protetto

Trusted Module Platform e Secure Boot si trovano nelle impostazioni UEFI. Dovrai inserire il sistema UEFI per abilitarli prima di tentare l’aggiornamento a Windows 11. Entrambe le impostazioni si trovano in aree simili, ma suddivideremo i passaggi in tre parti per facilitare la lettura.

Come accedere al BIOS/UEFI

Ci sono un paio di modi per accedere al BIOS/UEFI di sistema. Il metodo collaudato del vecchio, toccando un tasto della tastiera durante l’avvio funziona ancora, ma potresti non avere la possibilità se hai abilitato l’avvio rapido. Se le schermate di avvio sfrecciano e finisci in Windows 10, c’è un altro modo per accedere al BIOS.

  • Vai su Impostazioni> Aggiornamento e sicurezza> Ripristino> Riavvia ora .
  • Quando il computer si riavvia, vedrai una grande schermata blu con diverse opzioni. Seleziona Risoluzione dei problemi > Opzioni avanzate > Impostazioni firmware UEFI > Riavvia .
Potrebbe interessarti:  Che cos'è GateKeeper su Mac e come funziona

Quando il computer si riavvia di nuovo, dovresti essere nel menu delle impostazioni del BIOS/UEFI.

Come abilitare il TPM nel BIOS/UEFI

La posizione delle impostazioni TPM nel BIOS varia a seconda del produttore della scheda madre.

Pubblicità

Un’altra cosa da considerare è che il TPM potrebbe essere elencato con un nome diverso su alcune schede madri, a seconda del produttore della CPU:

  • Tecnologia Intel Platform Trust (PTT)
  • AMD fTMP

Una volta acceso, puoi salvare le impostazioni e tornare a Windows 10. Una volta avviato Windows, puoi controllare lo stato del TPM per assicurarti che tutto sia attivo e funzionante.

Premi il tasto Windows + R per aprire la finestra di dialogo Esegui, quindi inserisci tpm.msc e premi Invio. Verrà caricata la console di gestione del TPM, indicando se il TPM è abilitato e, in tal caso, quale versione stai utilizzando.

Come abilitare Secure Boot

Mentre sei in profondità nelle impostazioni del tuo sistema, prenditi un momento per verificare se Secure Boot è abilitato.

Come le opzioni TPM, dove trovi l’opzione Secure Boot sarà leggermente diversa, ma generalmente si trova nella scheda Boot. Trova la tua scheda Boot e scorri verso il basso per trovare l’opzione Secure Boot e assicurati che sia abilitata.

Pubblicità

In alternativa, il tuo computer o hardware potrebbe essere troppo vecchio per abilitare Secure Boot.

Conclusioni

Così il gioco è fatto. Hai abilitato due delle impostazioni più importanti che bloccheranno il percorso di aggiornamento di Windows 11. Una volta abilitato e presumendo che tu stia utilizzando hardware compatibile, Microsoft ti offrirà l’aggiornamento a Windows 11. Per verificare se l’aggiornamento a Windows 11 è pronto, vai su Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update , dove troverai il grande pulsante di aggiornamento..

Condividi su:
Pubblicità