Come attivare una Pec gratuita

In questo articolo affronteremo il discorso sulla PEC, la posta elettronica certificata, con la quale inviare le email con lo stesso valore legale di una tradizionale raccomandata A/R con avviso di ricevimento.

In particolare prenderemo in esame la PEC gratuita, specificando come fare per ottenerla e faremo , comunque, anche una visita virtuale alle principali offerte PEC a pagamento, alcune davvero economiche.

Come funziona la PEC

Spieghiamo meglio cosa è una PEC (acronimo di Posta Elettronica Certificata):

  • uno strumento per l’invio e la ricezione telematica di comunicazioni, aventi bisogno di una ricevuta di invio e di una ricevuta di consegna,
  • attraverso la PEC i cittadini, le aziende e la Pubblica Amministrazione possono scambiarsi email che hanno lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno,
  • può essere usata per richiedere informazioni presso gli uffici pubblici,
  • serve per inviare documenti e comunicazioni.

E’ obbligatoria, ormai da qualche anno, per tutte le imprese, comprese le ditte individuali, le quali devono iscrivere almeno un indirizzo PEC al Registro delle Imprese, e i Liberi Professionisti, se iscritti a un ordine o collegio.

Per usare la posta elettronica certificata non c’è bisogno di acquistare macchinari o dispositivi particolari, bastano i client di posta elettronica tradizionali.

Si possono avere ed aprire anche indirizzi email certificati senza pagare niente, creando una casella PEC gratuita. Utilizzabili su tutti i client di posta elettronica: come Microsoft Outlook, Mozilla Thunderbird e Apple Mail, tramite i protocolli POP e IMAP.

Gli indirizzi di posta certificata sono accessibili anche via browser (come Gmail) mentre, per quanto concerne i dispositivi portatili, il servizio è limitato e per attivarla viene richiesto un tipo particolare di abbonamento.

Perciò:

  • la differenza rispetto agli indirizzi di posta elettronica standard sta nel sistema di controllo, che certifica l’autenticità di ciascun messaggio,
  • ogni email spedita tramite PEC viene presa in consegna dal gestore del mittente che ne verifica la regolarità, poi viene di nuovo spedita al gestore del destinatario, controllata di nuovo e poi inviata definitivamente,
  • l’intera operazione si svolge in pochissimo tempo ed è seguita da alcune notifiche, riguardanti l’accettazione delle email da parte del gestore e l’avvenuta consegna al destinatario.

PEC gratuita privati

Per aprire una casella PEC si possono contattare solo aziende private che, quindi, lavorano offrendo servizi a pagamento (con abbonamento annuale o mensile). Alcune di esse, ad ogni modo, propongono dei periodi di prova gratuiti, durante i quali lavorare con la posta elettronica certificata senza pagare niente.
Vediamo quali sono queste aziende private che propongono il periodo di prova gratuito per la PEC:

Legalmail

  • Legalmail è un servizio di posta certificata a pagamento usato in gran parte da professionisti,
  • permette di provare gratis per 6 mesi il suo piano Silver, comprendente una casella PEC da 8GB, un archivio di sicurezza da utilizzare come backup, l’accesso da mobile tramite l’apposita app per Android e iOS/iPadOS, le notifiche via SMS,
  • alla fine del periodo di prova il costo è di 39 euro + IVA all’anno.

Per provare gratuitamente il piano Silver di Legalmail:

  • collegarsi al suo sito Web ufficiale www.legalmail.it,
  • premere sul pulsante Prova gratis, così da effettuare la registrazione al servizio,
  • procedere all’attivazione della casella di posta certificata, seguendo le istruzioni a schermo.

Register.it

Anche  l’azienda Register.it, conosciuta per l’acquisto di domini, dà la possibilità di attivare il suo servizio di PEC gratuitamente per 6 mesi. In caso di mancato rinnovo, però, si devono pagare 9,90 euro di uscita.

Il piano disponibile per la trial è quello denominato PEC Agile, comprendente una casella da 2GB con un numero illimitato di email inviabili giornalmente, notifiche via SMS e accesso da mobile e Web. Al termine della trial, si pagano 24,90 €/all’anno + IVA o 9,90 euro per il mancato rinnovo

Per attivare la versione di prova gratuita della PEC Agile:

  • collegarsi al sito Web ufficiale di Register www.register.it/pec,
  • premere sul pulsante Attiva ora,
  • seguire le indicazioni a schermo, per completare la registrazione e l’attivazione della PEC.

PEC gratuite pubbliche

[email protected]

L’unico servizio di PEC gratuito messo a disposizione dal Governo, è stato chiuso alla fine del 2014 a causa degli elevati costi di gestione e dello scarso riscontro suscitato tra i cittadini.

PEC gratuita INPS

Anche alla PEC gratuita offerta dall’INPS (e quella messa a disposizione dall’ACI) è toccata la medesima sorte di [email protected]

PEC a pagamento

Dobbiamo perciò passare ai principali provider PEC a pagamento, che comunque hanno dei costi piuttosto economici.

  • Aruba PEC — Aruba si è specializzata nei settori delle pratiche online, del Web hosting e del cloud ed offre una una valida offerta PEC, che permette a privati cittadini, imprese, professionisti e Pubbliche Amministrazioni di comunicare in modo semplice e con elevati standard di sicurezza. Il servizio contiene: antivirus e antispam multipli, blocco degli allegati non sicuri, usa il protocollo sicuro TLS 1.2 e rispetta tutte le norme del GDPR per il trattamento dei dati personali. Le comunicazioni inviate tramite email certificate Aruba, hanno valore legale pari a quello delle raccomandate con ricevuta di ritorno e non sono ripudiabili. Le caselle PEC sono valide per il domicilio digitale (obbligatorio dal 1° ottobre 2020 per imprese e professionisti, per ricevere comunicazioni dalla PA). Il servizio è accessibile direttamente da Webmail, con diverse funzioni Smart, tra cui la visualizzazione delle fatture elettroniche ricevute, da Android e iPhone/iPad mediante specifiche app e da qualsiasi client di terze parti (tramite protocollo IMAP). Sono disponibili varie offerte: PEC Standard (5 euro + IVA/anno il primo anno e poi 7,90 euro + IVA/anno) con una casella da 1GB, notifiche via email, traffico illimitato, assistenza h24, invio di messaggi con dimensioni fino a 100MB e supporto a 500 destinatari in un unico invio; PEC Pro (25 euro + IVA/anno) che aggiunge ai vantaggi del piano Standard 2GB di spazio, notifiche via SMS e archivio di sicurezza con 3GB di spazio e infine PEC Premium (40 euro + IVA/anno), che comprende tutti i vantaggi di PEC Pro ma con 8GB di spazio per l’archivio. È possibile anche attivare una casella PEC su dominio (da 7,90 euro + IVA/anno).
  • PosteCert di Poste Italiane – è particolarmente economico. Il suo piano per gli utenti privati: costa 5,50 euro + IVA all’anno e prevede una casella PEC da 100MB con un numero massimo di 200 invii giornalieri. Quello riservato agli utenti business, invece, include 5 caselle da 1GB con 200 invii al giorno.  Per le istruzioni per configurare PosteCert nei client di posta elettronica tramite POP o IMAP postecert.poste.it/pec/configurazione.shtml.
  • KOLST PEC – è una valida alternativa alla PEC di Aruba. Il suo piano base è chiamato Smart ed offre una casella con 1GB di spazio, invii illimitati, accesso tramite Web-Mail e avvisi di ricezione al costo di 5 euro + IVA all’anno. Si può scegliere anche c’è il piano Dominio 5 che al costo di 10 euro + IVA all’anno offre una casella da 5GB con dominio personalizzato. La più cara è la PEC Dominio 10 che costa 30 euro/anno + IVA e include una casella da 5GB con dominio personalizzato e avvisi via SMS. Per scoprire i parametri IMAP/POP necessari a configurare le caselle di KOLST nei client di posta elettronica, andare su store.kolst.com/company/infopoint/pec_infopoint.aspx.
  • LiberoPEC – è un servizio di posta certificata per utenti privati e professionisti. Il piano Family PEC costa 9,90€ all’anno (IVA inclusa) e mette a disposizione una PEC con 1 GB di spazio. Il piano PEC Unlimited ha un prezzo di 25 euro+IVA all’anno e propone uno spazio illimitato per i messaggi, che può essere aumentato. Consente anche l’accesso da mobile. Per la configurazione a Libero PEC via IMAP o POP andare su aiuto.libero.it/articolo/mail-pec/come-accedere-alla-casella-di-posta-elettronica-certificata-pec.
  • LegalMail – è un servizio riservato per lo più a dei professionisti, quindi ha prezzi un po’ più elevati rispetto agli altri provider PEC. Il suo piano entry-level è PEC Bronze che al prezzo di 25 euro + IVA all’anno offre una casella PEC da 5GB con archivio di sicurezza, notifiche via SMS e accesso da smartphone. A costo un po’ più alto c’è l’offerta PEC Silver che al prezzo di 39 euro + IVA all’anno offre una casella da 8GB con accesso mobile, archivio di sicurezza e notifiche via SMS (è l’unico che si può provare gratis per 6 mesi prima dell’acquisto). Poi c’è l’ultimo gradino, denominato PEC Gold , che costa 75 euro + IVA all’anno e comprende una casella da 15GB completa di notifiche via SMS, archivio di sicurezza e accesso da dispositivi portatili. Per configurare LegalMail via POP o IMAP per Thunderbird e Outlook, andare su help.infocert.it/tag/imap/?cc=legalmail.
  • Register.it – il suo piano comprende PEC Agile con una casella PEC da 2GB, notifiche via SMS e accesso da smartphone e Web, costa 33,90 euro/anno + IVA ma si può provare gratis per 6 mesi. Ad un prezzo un po’ più elevato c’è il piano PEC Unica che per 43 euro/anno + IVA che propone una casella da 3GB o da 5GB. Ci sono in promozione alcuni periodi per l’acquisto di PEC Unica in sconto. I parametri IMAP e POP3 per la configurazione della PEC di Register.it si trovano su https://www.register.it/assistenza/cat/pec.
Condividi su: