Smartphone resistenti all’acqua: cosa significa e cosa sono i codici IP

Gli smartphone hanno test standardizzati per la resistenza all’acqua. Questi sono impostati dalla Commissione elettrotecnica internazionale (IEC). I codici sono comunemente indicati come IP, seguiti da due cifre.

Ad esempio IP68 . In questi due numeri, la prima cifra si riferisce alla protezione dalla polvere. Per questo, 6 è il punteggio più alto, che la maggior parte degli smartphone ottiene oggi. La seconda cifra si riferisce alla protezione dell’acqua, in cui 9 è il punteggio più alto. Tuttavia, la maggior parte degli smartphone offre un livello di impermeabilità 7 o 8.

Livello IPProtezione contro la penetrazione di liquidi
IP X0Non protetto
IP X1Protetto da caduta verticale di gocce d’acqua
IP X2Protetto contro acqua gocciolante con un angolo entro ±15°
IP X3Protetto contro acqua spruzzata con un angolo entro ±60°
IP X4Protetto contro spruzzi d’acqua da qualsiasi direzione
IP X5Protetto contro getti d’acqua da qualsiasi direzione
IP X6Protetto contro forti getti d’acqua da qualsiasi direzione e da ondate
IP X7Protetto contro brevi immersioni (fino ad 1 m di profondità)
IP X8Protetto contro lunghe immersioni (oltre 1 m di profondità)
IP X9Protetto contro immersioni permanenti e da spruzzi/getti ad alta pressione (fino ad 5 m di profondità)

La maggior parte degli smartphone oggi offre 7 o 8 protezione dall’acqua, mentre alcuni dispositivi meno recenti potrebbero averne 4, 5 o 6.

In breve, le classificazioni IPx7 e IPx8 indicano che un telefono può sopravvivere all’immersione in acqua. Come accennato con le valutazioni ATM, tieni presente che questi test di valutazione vengono ancora eseguiti in acque ferme in condizioni perfette. Solo perché il tuo telefono può essere immerso in pochi metri d’acqua non significa che puoi spruzzarlo con un’idropulitrice.

Qualsiasi dispositivo che il produttore afferma sia “impermeabile” è in realtà resistente all’acqua. Ci sono condizioni precise in cui ti dà quella protezione, ma quelle hanno alcune limitazioni.

Il primo è che la resistenza all’acqua non è un tratto permanente. Nel tempo, sia a causa della normale usura o perchè ti è cascato o altro, la resistenza all’acqua del telefono può diminuire. Le guarnizioni possono usurarsi nel tempo e il danno fisico può dare all’acqua un punto di ingresso che altrimenti non avrebbe.

Per questo motivo, i danni causati dall’acqua non sono coperti dalla maggior parte delle garanzie.

A seconda del dispositivo, potresti non essere in grado di premere i suoi pulsanti mentre tieni il tuo telefono sott’acqua. In alcuni casi, questi possono rompere i sigilli e consentire l’ingresso di acqua.

Tieni presente che i test di protezione dall’acqua vengono eseguiti solo in acqua dolce. Non dovresti immergere il tuo dispositivo in acqua salata in nessuna condizione. Il sale può danneggiarlo irreparabilmente.

Infine, la resistenza IP non protegge necessariamente da altri liquidi come caffè o acqua fangosa. Per la linea iPhone XS e versioni successive, Apple afferma che i dispositivi sono resistenti agli schizzi di bevande come soda e succo di frutta. Devi semplicemente risciacquare la fuoriuscita con acqua del rubinetto, quindi pulire il tuo iPhone e lasciarlo asciugare. Per altri dispositivi, è necessario verificare con il produttore la procedura consigliata.

È importante ricordare che le caratteristiche di resistenza all’acqua sono progettate come un livello bonus di protezione dai danni causati dall’acqua, non come una caratteristica interessante che dovresti mettere alla prova. Se hai un telefono resistente all’acqua e lo lasci cadere accidentalmente nel water, probabilmente non devi preoccuparti troppo. Ma non dovresti portare il tuo dispositivo in piscina ogni volta che ne hai la possibilità.

Condividi su: