Qwant il motore di ricerca che rispetta la privacy: cos’è e come funziona

qwant

Qwant il motore di ricerca che rispetta la privacy. Qwant non utilizza alcun cookie o altro dispositivo di tracciamento.

Le ricerche effettuate tramite Qwant non vengono salvate su nessuna cronologia, a meno che l’utente non decida di iscriversi al servizio e di usufruire dei servizi offerti dall’azienda francese: in questo caso verrà installato sul browser un local storage, che serve a salvare sul dispositivo le preferenze di navigazione (in qualsiasi momento questo cookie può essere disattivato).

Cos’è e Qwant

Qwant è un motore di ricerca che non utilizza cookie e sistemi di tracciamento degli utenti.

L’obiettivo principale dell’azienda è quella di proteggere la privacy delle persone, è un servizio offerto dall’omonima azienda francese fondata nel 2011.

Qwant basa il proprio funzionamento su alcuni pilastri fondamentali: non vengono utilizzati cookie, sistemi di tracciamento e qualsiasi altro strumento che potrebbe raccogliere le informazioni delle persone.

Qwant segue il Codice Privacy approvato nel 2003 e in aggiunta si astiene dall’ottenere dati di cui non ha bisogno. Nel caso in cui raccoglie informazioni personali avverte immediatamente l’utente, ma non le utilizza per scopi promozionali e non le rivende a società di terze parti.

Le ricerche effettuate non vengono salvate in una cronologia e vengono immediatamente anonimizzate tramite dissociazione dall’indirizzo IP.

Per garantire la massima protezione ai propri utente mette a disposizione anche un servizio Privacy con a capo un Responsabile per la protezione dei dati che cura i rapporti con il Garante della Privacy.

Infine, Qwant utilizza il protocollo di accesso https (per intenderci la sigla che precede l’URL) che garantisce la massima riservatezza sui propri dati e sulle proprie abitudini online.

Come funziona Qwant

qwant

Vai al motore di ricerca Qwant cliccando qui

Sulla sinistra c’è una colonna con diverse sezioni nelle quali è possibile effettuare ricerche mirate: Web, Novità, Social, Immagini, Video, Acquisti, Musica.

L’idea è di offrire dei risultati specifici a seconda del tipo di ricerca che effettua l’utente.

Nella sezione Tutti, invece, si effettuano le ricerche generiche e si ha accesso a dei servizi extra offerti da Qwant: le Ultime Tendenze e le Ultime Notizie dove trovare i contenuti più interessanti della giornata.

Quando si effettua una ricerca su Qwant, la SERP (Search Engine Result Page) non viene personalizzata a seconda dei siti che visitiamo maggiormente, ma è identica per ogni utente.

Il sistema di intelligenza artificiale non interviene per personalizzare i risultati di ricerca, ma solamente per migliorare il servizio offerto alle persone.

Altra caratteristiche che rende Qwant differente rispetto agli altri motori di ricerca è la funzione Bacheche, una sorta di social network dove poter condividere notizie, video e immagini e seguire quello che viene pubblicato dagli altri utenti.

In che modo Qwant protegge la tua vita privata?

“Dovremmo sempre chiedere al nostro motore di ricerca quali dati personali non raccoglie.

Innanzi tutto, Qwant non raccoglie i dati dei suoi utenti che effettuano ricerche. È molto semplice.

Quando utilizzi il motore di ricerca di Qwant, non installiamo nel tuo browser alcun cookie che consentirebbe di individuarti a ogni utilizzo di Internet o di seguire le tue attività sul web. Non ricorriamo ad alcun dispositivo di tracciamento (pixel, fingerprinting…). Non raccogliamo né conserviamo alcuna cronologia delle ricerche effettuate. Ogni richiesta di ricerca ricevuta viene immediatamente anonimizzata tramite dissociazione dall’indirizzo IP, in conformità con le raccomandazioni del Garante Privacy, l’autorità incaricata di garantire l’applicazione della legge sulla tutela dei dati personali, e del Gruppo di Lavoro Articolo 29, sul piano comunitario. In parole semplici, quello che fai con Qwant fa parte della tua vita privata e non vogliamo saperne niente.

Qwant ha messo a punto un apposito servizio Privacy dedicato alla protezione della tua vita privata e anche un Responsabile per la protezione dei dati (Data Protection Officer, di seguito il “Responsabile”) per curare i rapporti con il Garante Privacy. Il Responsabile, che opera in stretta collaborazione con il servizio Privacy, ha il compito di verificare l’applicazione e il rispetto delle disposizioni legali che tutelano la protezione dei dati personali.

Il Responsabile gestisce il registro dei trattamenti dei dati personali effettuati da Qwant. Per esempio, quando ti registri sul sito, puoi scegliere di compilare tuo profilo, il che comporta un trattamento dei dati personali, a fronte del quale il registro indica le modalità di conservazione dei dati e chi può accedervi. Il Responsabile mette il registro a disposizione degli utenti che ne fanno richiesta presso: [email protected].

Ci impegniamo anche ad adottare tutte le misure disponibili al fine di garantire la protezione e la riservatezza dei dati personali dei nostri utenti e soprattutto ad impedire che tali dati vengano danneggiati o contraffatti o che terze parti non autorizzate vi possano accedere. L’URL di Qwant è preceduta da HTTPS, il che indica agli utenti che i dati da loro trasmessi sono protetti dal protocollo TLS. Tecnicamente parlando, il TLS garantisce ai visitatori che i loro dati non possano essere intercettati in maniera fraudolenta. Inoltre, il lucchetto che appare prima dell’URL di Qwant nella maggior parte dei browser certifica che stai navigando in un sito sicuro.”

Cosi citato nella pagina dell’informativa sulla protezione dei dati sul sito ufficiale di Qwant cliccando qui.

Seguici su Facebook:


Condividi articolo :