Come fotografare lo schermo Android

Come fotografare lo schermo Android

Come fotografare lo schermo Android

Fotografare lo schermo Android. Non sai come fotografare la tua schermata del telefonino? Ti piacerebbe pubblicare una chat che però non sai come catturare? Non ti preoccupare, qui ti mostrerò in quale modo si cattura lo screenshoot da ogni tipo di telefono!

Combinazioni di tasti predefinite fotografare lo schermo Android

Cominciano vedendo quali sono le combinazioni di tasti più diffuse per la creazione di screenshot su Android. Funzionano sugli smartphone e i tablet di tutti i principali produttori hardware:

  • Power+Home – su molti terminali Android, gli screenshot si possono fare premendo contemporaneamente il tasto Power (ossia il pulsante di accensione) e quello Home (il pulsante centrale che si trova sotto lo schermo). La realizzazione dello screenshot viene segnalata con il lampeggiamento dello schermo e l’emissione di un suono simile al flash delle vecchie macchine fotografiche.

  • Power+Volume giù – nei terminali Android che non hanno un tasto Home fisico, gli screenshot solitamente si effettuano premendo contemporaneamente i tasti Power (il pulsante di accensione) e Volume giù (il tasto per abbassare il volume, che solitamente si trova sulla destra). Anche in questo caso, quando l’operazione va a buon fine viene visualizzato un flash sullo schermo e viene emesso un suono in stile macchina fotografica.

Gli screenshot che effettui su Android vengono salvati nella cartella Screenshot del tuo telefono, o del tuo tablet. Per visualizzarli, apri l’applicazione Foto e dovresti trovarli fra le immagini della galleria. In alternativa puoi pigiare sull’icona ad hamburger collocata in alto a sinistra, selezionare la voce Cartelle del dispositivo dalla barra che compare di lato e “navigare” fino alla cartella Screenshots.

Come fotografare lo schermo Android

Gestire e scorciatoie fotografare lo schermo Android

Tra le funzioni che i produttori personalizzano c’è anche quella per fotografare lo schermo Android, che su molti terminali si può richiamare tramite appositi gesti o scorciatoie. Ecco qualche esempio pratico:

Samsung – i terminali Samsung più recenti includono una funzione che permette di fotografare lo schermo del telefono utilizzando delle gesture, ossia dei movimenti della mano. Basta appoggiare il lato della mano sul telefono e passarlo da destra verso sinistra (o viceversa) e viene catturato automaticamente uno screenshot. Per attivare questa funzione bisogna recarsi nelle Impostazioni di Android, selezionare le voci Movimenti e controlli > Movimento palmo ed attivare l’opzione Screenshot con lato mano.

  • Huawei – grazie alla tecnologia Knuckle-Sense, molti smartphone Huawei permettono di fotografare lo schermo di Android semplicemente “bussando” per due volte sul display con le nocche. Per attivare questa funzione, bisogna andare nelle Impostazionidi Android, recarsi nel menu relativo all’assistenza Smart e impostare l’opzione Smart screenshot su On.

  • LG – i telefoni di LG consentono di effettuare gli screenshot anche tramite la app QMemo+, alla quale si può accedere tramite l’apposita icona presente nel menu delle notifiche oppure facendo uno swipe dal fondo dello schermo verso l’alto e selezionando l’icona della matita dal menu che compare.

  • ASUS – alcuni smartphone ASUS, come quelli della linea ZenFone 2, permettono di aggiungere un pratico “interruttore” per la realizzazione di screenshot nel menu delle notifiche. Per attivarlo, bisogna recarsi nel menu delle notifiche di Android e pigiare sul pulsante per la personalizzazione degli interruttori in alto a destra.

  • OnePlus – gli smartphone di OnePlus permettono di scattare gli screenshot direttamente dal menu di spegnimento di Android, basta tenere il tasto Power premuto per qualche secondo e selezionare l’opzione Screenshot dal menu che compare. Qualora l’opzione per la realizzazione degli screenshot non fosse presente, è possibile attivarla nel menu Impostazioni > Tasti > Menu tasto di alimentazione > Cattura schermata.

Applicazioni per gli screenshot su Android

Lascia che ti segnali alcune applicazioni che permettono di catturare screenshot, personalizzarli e condividerli facilmente su Android:

  • Screenshot di Geeks.Lab.2015 – un’applicazione semplice ma efficace, permette di catturare screenshot e modificarli con scritte, ritagli e disegni a mano. Per utilizzarla, non devi far altro che pigiare sul pulsante Avvia acquisizione, catturare uno screenshot usando la classica combinazione di tasti Home+Power o Power+Volume giù e personalizzare l’immagine ottenuta usando gli strumenti inclusi nell’applicazione. Al termine delle modifiche potrai salvare lo screenshot nella galleria di Android o condividerlo in altre varie app e social network. Qualora il risultato finale non dovesse soddisfarti, puoi provare Super Screenshot che funziona in maniera molto simile a Screenshot di Geeks.Lab.2015.

  • Nimbus Clipper – un’ottima app gratuita che permette di personalizzare gli screenshot con scritte, frecce e sfocature per nascondere le informazioni sensibili. Include anche degli strumenti per aggiungere annotazioni ai PDF, catturare le pagine Web e altro ancora. Per modificare gli screenshot scattati precedentemente basta pigiare sul pulsante From gallery.

  • Screenshot Ultimate – si tratta di un’applicazione destinata soprattutto a coloro che hanno un dispositivo rootato. Permette di catturare lo schermo di Android in tanti modi diversi, ad esempio agitando il dispositivo, pigiando su un’icona che si può aggiungere al menu delle notifiche e altro ancora. Una volta catturati, gli screenshot possono essere salvati nella galleria di Android, modificati o condivisi.