Telefonare e ricevere chiamate senza copertura rete su Android e iPhone

Telefonare e ricevere chiamate senza copertura rete su Android e iPhone

Telefonare e ricevere chiamate senza copertura rete su Android e iPhone

Telefonare e ricevere chiamate senza copertura rete su Android e iPhone. Per riuscire a telefonare anche quando lo smartphone non prende linea telefonica, il truccho consiste nell’essere connessi ad una rete Wi-Fi.

Sei a lavoro in un bar o in un luogo in cui il telefono non prende e hai paura di perdere delle chiamate importanti.

Grazie a questa app che si chiama Libon se ti trovi in un luogo in cui la tua rete mobile non prende ma esiste comunque una connessione wi-fi a cui connettersi non perderai nessuna telefonata.

Per telefonare potrai naturalmente usare se hai il contatto del destinatario app come Whastapp, skype, Facebook messenger, Telegram e tante altre tra le più conosciute.

Telefonare senza copertura rete su Android e iPhone con Libon

Libon (disponibile per Android e iOS) è un’app davvero intelligente che vi risulterà utile anche se siete all’estero e dovete ricevere telefonate. Anche se lo smartphone non prende, potete ricevere comunque telefonate grazie a Libon: dovrete sempre essere connessi a una rete Wi-Fi ma non è necessario che anche il vostro mittente abbia l’app Libon installata.

Come funziona Libon

Se il vostro numero non è raggiungibile, perché non c’è campo o siete offline, ogni chiamata ricevuta sarà inoltrata a Libon che si occuperà di “rimandare” la telefonata tramite Internet, sfruttando l’app installata sul nostro dispositivo. Insomma, chi chiama potrà farlo come se fosse una telefonata normale e non ci sono costi aggiuntivi.

Se invece vogliamo chiamare noi qualche persona che non ha Libon installata, e non abbiamo campo, possiamo sfruttare la WiFi e avremo 15 minuti di chiamate gratis al mese. Possiamo chiamare sfruttando Libon e il nostro destinatario riceverà una telefonata normale, senza dover avere Libon necessariamente installato sullo smartphone.

Seguici su Facebook:


Condividi articolo :