Come controllare la salute della RAM su Windows 10

Come controllare la salute della RAM su Windows 10

Come controllare la salute della RAM su Windows 10. Ma come si fa a scoprire se il vostro PC ha una cattiva RAM ? Ecco come controllare la RAM sul vostro PC .

Prima di fare nulla di tutto questo ecco alcuni segni rivelatori che la vostra RAM potrebbe avere problemi:

  • il vostro PC emette un segnale acustico una o più volte quando si avvia
  • il vostro PC rallenta
  • il vostro PC continua a bloccarsi
  • problemi di accesso a file

Il più veloce è quello di utilizzare il Memory Diagnostic di Windows. Fare clic su Start, digitare mdsched.exe, quindi premere Invio. Riavviare il computer quando richiesto, e si avvierà al Strumento diagnostico .

Qui è possibile premere F1, quindi scegliere se si desidera eseguire il Basic, Standard o Esteso, che cambiano il tempo necessario, così come l’efficacia dei test. Windows si riavvierà automaticamente quando ha finito, e riceverai una notifica di tornare in Windows per vedere se gli errori sono stati trovati.

Se la memoria di diagnosi non fa apparire gli eventuali errori, ma sei ancora convinto che la RAM potrebbe avere un problema, vale la pena provare questo strumento più dettagliato per scoprirlo. Questo strumento inizialmente veniva usato principalmente per PC con processori a 32 bit (da qui il ’86’ nel nome), ma oggi è altrettanto utile anche sui 64 bit.

Scarica MemTest86 , selezionando l’opzione “Immagine per la creazione di avvio USB Drive”.

Estrarre il file ZIP sul computer , quindi fare doppio clic sul file “imageUSB” per aprire lo strumento di creazione di immagini. (Avrete bisogno di una pennina  USB vuota da poter utilizzare.)

Selezionare l’ USB inserita e  quindi la posizione corrente del file “memtest86-usb” estratto in precedenza.

Infine fare clic sul pulsante “Scrivi a UFD”. Una volta fatto, riavviare il PC da USB per far partire il test della RAM.

Questa operazione potrebbe richiedere un po ‘, ma alla fine saprete se ci sono errori nella vostra memoria.

Seguici su Facebook:


Condividi articolo :