Facebook App : 4 ragioni per cui dovresti disinstallarla dal tuo smartphone

Facebook App : 4 ragioni per cui dovresti disinstallarla dal tuo smartphone.

Facebook è indiscutibilmente la più grande rete sociale dei media su internet, ma gli utenti Android che hanno Facebook app installato sul proprio dispositivo – la maggior parte di voi – dovrebbero rivalutare se mantenere l’applicazione ufficiale sul proprio smartphone.

Batteria e dati

Un rapporto da The Guardian  rivendica che Facebook app drena la batteria e di disinstallare l’applicazione Facebook consentirebbe di risparmiare fino al 20% della durata della batteria su Android.

Non solo l’applicazione Facebook consuma batteria ma anche il piano di internet.

Secondo AVG il produttore di antivirus , Facebook app emerge in cima tra le applicazioni che consumano di più sul vostro piano dati Internet.

Problemi di memoria

Facebook influisce sulla memoria interna del telefono più di qualsiasi altra applicazione che si potrebbero utilizzare.

Facebook sta invadendo la tua privacy

Ogni applicazione richiede un numero di permessi da parte dell’utente per accedere sia i contatti, immagini (nel caso di photo-sharing applicazioni come Instagram) e simili.

Allo stesso modo, Facebook richiede anche determinate autorizzazioni dal dispositivo in modo da essere in grado di funzionare al suo livello ottimale ma queste autorizzazioni rappresentano quasi tutte le autorizzazioni.

Per darvi una breve idea, si consente alle applicazioni di Facebook per accedere a:

  • I contatti, registri delle chiamate, messaggi di testo. Questo in sostanza significa che l’azienda può vedere che tutti sono nei tuoi contatti, li chiamano, messaggio di loro e anche vedere chi siete stati in contatto con. L’applicazione può anche apportare modifiche nel calendario del dispositivo.
  • La vostra posizione, che permette loro di sapere dove ti trovi.
  • La fotocamera, il che significa che l’applicazione ha permesso di cliccare le immagini, registrare video e audio tramite il microfono troppo.
  • Lo spazio di archiviazione interna, il che significa che possono vedere i file sul telefono, così come eliminarli.
  • L’applicazione può accedere al WiFi, cambiare lo sfondo, la connettività di rete e molto altro ancora.

Si prega di notare che Facebook da una spiegazione per giustificare il quasi pieno controllo del nostro dispositivo, ma spero ti ricordi come Facebook è noto per la vendita di dati degli utenti per pubblicare annunci pertinenti sulla loro piattaforma.

Siamo certi che la spiegazione è veritiera, ma comunque facebook ha questi permessi sul nostro smartphone.

Di per sé, la prima spiegazione è per ‘Leggere i messaggi di testo (SMS o MMS)’. Facebook ha accesso ai messaggi di testo, anche dopo che si è verificato il tuo numero di telefono. Fate molta attenzione il livello di accesso che stai dando a queste applicazioni.

Rende il dispositivo lento

This Redditor ha registrato la performance del suo dispositivo con e senza l’applicazione Facebook e Messenger installato su di esso. Ha scoperto che con entrambe le applicazioni di Facebook disinstallate, le prestazioni del tuo telefono si sono velocizzate, come le altre applicazioni si sono avviate il 15% più veloce rispetto a quando Facebook app era stato eseguito sul dispositivo.

Alternative: Usa Facebook Lite o accesso tramite Chrome

Se sei un utente abituale della rete sociale dei media e trovi ad affrontare problemi con l’applicazione Facebook per i motivi di cui sopra o qualcos’altro, allora si consiglia di utilizzare l’applicazione Facebook Lite  o accedere a Facebook tramite Chrome o qualsiasi altro browser di vostra scelta.

Facebook Lite è destinato a lavorare su connessioni di rete lente e spotty e così lo fa via con le caratteristiche come istantanea articoli e altro ancora, ma si mantiene in contatto comunque con tutte le caratteristiche necessarie.

Accesso a Facebook su un browser Chrome è semplice, non ha bisogno di alcun download e si può anche ottenere notifiche mentre si è connessi tramite Chrome.

 

 

 

Seguici su Facebook:


Condividi articolo :