Come bloccare smartphone con imei – Come bloccare il cellulare rubato o perso

Come bloccare smartphone con imei.

Come bloccare smartphone con imei. A volte, in situazioni estreme, come furto del nostro device o simili, necessitiamo di dover bloccare del tutto il nostro smartphone.

Come bloccare il cellulare se l’avete perso o dopo un furto.

La prima cosa da fare è trovare il codice IMEI del vostro apparecchio, questo codice si può trovare, nella confezione del telefono, sotto la batteria, digitando il codice #06# sul telefono, oppure chiamando il servizio assistenza del vostro operatore e fornendo alcuni dati.
Se avete letto bene avrete sicuramente capito che gli ultimi tre metodi per individuare il codice non possono essere effettuati se non si è in possesso del cellulare, quindi vi consiglio, per prevenzione, di appuntare i codici dei vostri cellulari per averli a portata di mano in caso di necessità.

Una volta ottenuto il codice IMEI del nostro amato apparecchio, di cui siamo stati privati, dobbiamo andare a sporgere denuncia ai carabinieri in modo da avere un documento da allegare alla richiesta di blocco che andremo ad effettuare. In teoria la denuncia servirebbe soprattutto per cerare di riavere il nostro telefono, ma voglio essere franco con voi il ritrovamento del telefono è un evento più unico che raro purtroppo, anche se grazie alle nuove tecnologie alcuni smartphone possono essere ritrovati grazie ad alcune applicazioni scaricabili e/o già presenti nell’apparecchio, tramite localizzazione satellitare.

Infine dobbiamo chiedere il blocco dell’apparecchio al nostro operatore, per rendere impossibile agli eventuali ladri l’utilizzo del cellulare e della scheda. E qui possiamo scegliere tra due operazioni possibili: recarci nel punto vendita del nostro operatore, oppure inviare un fax.
Io personalmente consiglio la prima opzione, dato che bisognerà semplicemente consegnare il codice IMEI del cellulare rubato e la propria carta d’identità al commesso, che provvederà immediatamente ad inserire il cellulare rubato in una blacklist.

Bloccare il codice IMEI con TIM

Con l’operatore TIM è possibile bloccare il proprio smartphone attraverso la compilazione di un modulo, il quale deve essere necessariamente compilato e spedito via fax all’azienda al numero:  800-600119. Il modulo deve avere in allegato il documento che denuncia il furto (nel caso di furto), e sullo stesso è possibile fare richiesta di ritrovamento del codice IMEI nel caso non lo si conosca, inserendo i quattro numeri più chiamati.  Con questo modulo (che potete trovare a fondo pagina) è necessario mandare i seguenti dati:

– Fotocopia di un documento di identità fronte retro

– Denuncia di furto ( in caso di furto)

Come bloccare smartphone con imei con Vodafone

Con Vodafone il discorso non varia. Anche con questo operatore dobbiamo allegare al modulo da compilare (in caso di furto) la nostra denuncia, e la fotocopia di un nostro documento di identità. Il modulo (che trovate a fine articolo) va compilato nelle sue parti, e se non abbiamo il codice IMEI, possiamo richiederlo compilando l’apposito paragrafo dedicato sullo stesso dove scriveremo numeri di cellulare più chiamati e l’orario (orientativo). Una volta fatto, possiamo inviare tale richiesta con i dovuti documenti allegati via fax, al numero di riferimento che è: 800-034651. Di seguito ecco il necessario da allegare:

– Fotocopia di un documento di identità fronte retro

– Denuncia di furto (in caso di furto)

Come bloccare smartphone con imei con Wind

Anche Wind naturalmente ha il controllo sul vostro codice IMEI, ma a differenza dei primi due operatori citati, la richiesta che farete andrà spedita via posta e non via fax all’indirizzo seguente:

WIND TELECOMUNICAZIONI S.p.A. – Casella Postale n. 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 MILANO MI.

Con il modulo (scaricabile in fondo a questo articolo), dovrete allegare anche qui copia fronte retro del vostro documento di identità, e l’eventuale denuncia di furto nel caso siete stati derubati. Se non si possedete l’IMEI è possibile richiedere il ritrovamento all’operatore, compilando il giusto paragrafo presente sul modulo stesso, ed inserendo i quattro numeri più chiamati ed il giorno in cui abbiamo fatto quelle telefonate. Per fare richiesta quindi servono i seguenti documenti:

– Fotocopia di un documento di identità fronte retro

– Denuncia di furto (in caso di furto)

Come bloccare smartphone con imei con H3G (Tre)

Con l’operatore H3G i passi da seguire sono gli stessi. Anche qui possiamo scaricare un modulo (a fine articolo), e quindi compilare tutte le sezioni. Allegando poi fotocopia fronte retro di documento, e l’eventuale denuncia di furto (se c’è), vi sarà possibile spedire la richiesta via fax al numero: 800-179700. Se non avete il codice IMEI, anche in questo caso potete richiederlo all’operatore, sottoponendo quattro numeri di telefono chiamati in determinati giorni conosciuti, in modo da scoprirlo. Per bloccare il telefono quindi dovrete spedire in allegato al modulo i seguenti documenti:

– Fotocopia di un documento di identità fronte retro

– Denuncia di furto (in caso di furto)

Moduli di richiesta per il blocco del codice IMEI

Qui ora troverete in allegato i moduli dei quattro principali operatori italiani. Per altri operatori meno diffusi potete fare riferimento al loro sito ufficiale oppure chiamare il loro servizio clienti per avere informazioni. Ora che avete capito come procedere, non vi resta che scaricare il vostro modulo di seguito. Se apprezzate ricordate di ringraziarci condividendo e seguendoci sui canali social.

 


Condividi articolo :