Uber come funziona scopri come usare questa applicazione per smartphone

Uber come funziona.

Uber come funziona.

Amato dagli utenti, inviso ai tassisti. Uber, il servizio di trasporto automobilistico privato che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti tramite un’app, è sbarcato ufficialmente in Italia tre anni fa, debuttando a Milano. Da allora il servizio di ‘car sharing’ è attivo in alcune delle principali città italiane, come Roma e Firenze, ma in più occasioni, come nelle proteste scattate ieri a Roma, Milano e Torino, è finito nel mirino dei tassisti, arrivando persino nelle aule di tribunale.

Fondato da Travis Kalanick e Garrett Camp nel 2009, Uber venne lanciato ufficialmente a San Francisco nel 2010, per poi approdare in varie città di tutto il mondo. Un po’ taxi, ma senza licenza, un po’ servizio di noleggio auto con conducente, chiunque (o quasi) sia in possesso di patente e automobile può improvvisarsi autista. L’importante è essere in possesso di specifici requisiti come ad esempio avere almeno 21 anni di età, la fedina penale pulita e una patente non sospesa da almeno 10 anni.

Ma come funziona Uber?

Per prima cosa occorre scaricare l’applicazione, disponibile gratuitamente tramite l’Apple Store per i dispositivi iOS o sul Play Store per i dispositvi Android. Una volta scaricata, per richiedere un passaggio basta toccare le opzioni di viaggio e visualizzarne così gli orari, le dimensioni delle auto e i prezzi delle corse. Quindi va inserito il punto di partenza della corsa, toccare ‘Invia richiesta’ e l’autista arriverà in pochi minuti.

Una volta inoltrata la prenotazione, è possibile visualizzare le informazioni di contatto del proprio autista e i dettagli dell’auto nell’app. Quando viene raggiunta la destinazione, il prezzo della corsa viene addebitato automaticamente sulla carta di credito associata all’account. Senza il bisogno di utilizzare contanti.

Uber Italia come funziona: è legale perchè i tassisti lo odiano?

Uber Italia come funziona: è legale? Risposta affermativa, nonostante i problemi con i tassisti.

Sono sorte problematiche con i tassisti che ritengono violi i loro diritti, in quanto i Driver di Uber non necessitano della licenza per lavorare.

In realtà il servizio offerto da Uber si colloca sotto un’altra categoria di servizi, il carpooling per quanto riguarda il servizio UberPop ed il “noleggio auto con conducente” per quanto riguarda la versione classica di Uber.

Inoltre, Uber paga regolarmente le tasse per il mercato italiano. Le transazioni vengono effettuate con carta di credito e questo implica che il 20% della commissione viene trattenuta mentre 80% viene versato nelle casse del driver.

Seguici su Facebook:


Condividi articolo :