Come disattivare i suoni e le voci fuori campo fastidiosi di Avast

Come disattivare i suoni e le voci fuori campo fastidiosi di Avast .

Come disattivare i suoni e le voci fuori campo fastidiosi di Avast .

La seguente guida offre istruzioni su come disattivare i suoni e le notifiche audio in Avast Free Antivirus per Windows.

Avast Free Antivirus è un software di sicurezza per Windows popolare che, anche per antivirus gratuito, sta spingendo roba extra come estensioni del browser, la società del browser SafeZone , vari strumenti, e un servizio di VPN per sistemi degli utenti per impostazione predefinita durante l’installazione.

La nostra raccomandazione è di selezionare l’opzione Personalizza durante l’installazione, per rimuovere i componenti che non richiedono dal processo di installazione.

Anche se lo fai, è possibile notare un paio di irritare funzioni dopo l’installazione; uno di essi può essere suoni e voci fuori campo che Avast gioca per impostazione predefinita.

Disabilitare i suoni e le voci fuori campo fastidiosi di Avast

Avast riproduce i suoni quando rileva le minacce, oggetti sospetti o software potenzialmente indesiderato, e quando le scansioni complete.

Se non si necessita di tutti questi avvisi, si consiglia di disattivare completamente i suoni in Avast, o per lo meno per gli eventi che non ci interessino.

Ecco come fare :

  1. Aprire il software Avast Free Antivirus, o portare in primo piano se gia attivo.
  2. Fare clic sull’icona a ingranaggio nell’interfaccia per aprire le impostazioni.
  3. Trovare la sezione Suoni. È necessario fare clic su suoni per espanderlo e visualizzare le preferenze.

È possibile disattivare tutti i suoni togliendo il segno di spunta da “Abilita suoni avast”.

Se le voci fuori campo si infastidiscono, deselezionare la casella.

La modifica ha effetto immediato. È possibile annullare qualsiasi delle modifiche in qualsiasi momento ripetendo il processo, e selezionando le caselle di suono e voce fuori campo di nuovo nelle impostazioni del programma.

 

Seguici su Facebook:


Condividi articolo :